Jump to content
Gibson Brands Forums

MatteoLP

Members
  • Posts

    4,162
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by MatteoLP

  1. Tecnicamente si, visto che le silhouette delle muse che trovi sul sito appartengono ad alcune delle nostre coriste
  2. Ciao a tutti ragazzi! In occasione del decennale del nostro gruppo, io ed altri ragazzi stiamo organizzando un Festival chiamato Musicalia che si svolgerà in 7 comuni dell'alto Trevigiano con mini rassegne mensili, ognuna dedicata ad una delle 9 Muse della classicità. Il periodo di riferimento sarà da settembre 2016 a luglio 2017, e l'apertura si terrà venerdì 16 settembre nel nostro paese, a Cornuda (TV) con un concerto jazz di Lino Brotto (nostro compaesano) e il grandissimo Franco Cerri. Per chi fosse interessato, il biglietto intero costa 15€, trovate tutti i dettagli sull'evento Facebook ufficiale > https://www.facebook.com/events/280600212309611/ oppure sul nostro sito web http://musicalia.jupitervoices.it/
  3. Non oso immaginare le cause della rottura di quella paletta [biggrin]
  4. MatteoLP

    bfg

    Povera anima, chissà quanto l'hanno spremuto prima che se ne andasse..
  5. Tornando al "rifacciamoci le orecchie" non potevo non pensare a lei
  6. Mi riconosco in ogni tua parola Georg. @Rick.. la Petra Magoni è una gran musicista e generalmente nutro gran rispetto nei suoi confronti. Anche il fatto per essere stata moglie di Bollani dovrebbe essere garanzia che di musica ne sappia qualcosa
  7. Ieri non ho visto il concerto, però mi hanno girato questo video della performance di Petra Magoni tributo a Prince.. Per quanto possa apprezzarla come musicista..... ma vabbè lascio a voi il giudizio.. E il solo di chitarra?
  8. Io ho preso 2 mesi fa il boss RC1, la versione proprio basic, e mi ci trovo bene. Lo uso per studiare soli suonandomi l'accompagnamento, ma anche viceversa (mai provato? cioè suonare un solo o una melodia e studiarci sopra l'accompagnamento). E' utilissimo perché mi permette di ascoltarmi e correggere gradualmente i vari problemi, soprattutto di timing. Opinione mia personalissima, trovo che per queste applicazioni mi sento più a mio agio con un apparecchio semplice, senza fronzoli, che faccia 1 cosa ma che la faccia bene. Chiaro che è limitante per chi ad esempio lo usa anche live, però per un uso casalingo è perfetto. L'RC1 ha anche un display circolare che puoi personalizzare, ma principalmente ti permette di visualizzare la durata del loop e l'avanzamento progressivo del playback.
  9. Ciao grifo, quando ho venduto il Dr.Z mi avevano proposto uno scambio con un Divided, non ricordo di preciso il modello, però so che si rifaceva ad un suono blackface come quello di cui parli. Se ti piacciono quel tipo di sonorità ti consiglio di dare un'occhiata anche al Carr Rambler, che era l'ampli di cui andavo in cerca al tempo.. Piccolo, potente, con riverbero e tremolo
  10. Ieri per curiosità ho provato a mettere il buffer nel loop effetti (passivo) del mio ampli. Prima sulla pedalboard, quindi la catena era Send -> Cavo lungo -> BUFFER -> DELAY -> Cavo lungo -> Return, però ho notato che non sembrava agire molto, sentivo comunque il suono abbastanza spompo, poco carico, e molto cupo. Poi invece ho provato a mettere il buffer appena DOPO l'uscita Send, quindi la catena era Send -> BUFFER -> Cavo lungo -> DELAY -> Cavo lungo -> Return. E la differenza è abissale! Per comparare con il suono diretto si sta anche presto staccando i cavi del send/return, e davvero il risultato era pressoche identico al suono della chitarra diretta nell'ampli senza S/R.
  11. Da quello che so le standard anni '90, sia SG che Les Paul, montavano 490R-498T così come le Studio e le Les Paul Custom. Il modello standard successivo è uscito nel 2002 con tutta una serie di cambiamenti tra i quali appunto anche i pickup che sono diventati Burstbucker Pro.
  12. Anch'io come voi mi sono iscritto per chiedere informazioni sulle mie chitarre... in fin dei conti prima di entrare "in questo bar fumoso" le miè uniche fonti di saggezza gibsoniana erano amici e commessi di negozi. Poi condivido il pensiero sul lato umano del forum, sulle persone reali che si nascondo dietro schermi e tastiere, a quanti di voi ho avuto il piacere di conoscere e condividere pranzi e piacevolissime giornate negli anni. E penso anche a quanto sia più facile esprimersi e farsi capire dal vivo che non dallo schermo.. ogni frase che scriviamo può essere letta e interpretata in modi diversi, e quante incomprensioni sono nate per questo motivo!! Io non le ho più contate. Ricordo anch'io come il postino le versioni precedenti del forum (ero giovanotto ), non il layout, comunque ricordo di diversi utenti che scrivevano e di cui poi non ho più avuto notizie, come la pecora nera di cui ho ricordi come grande esperto.. se non sbaglio gli piacevano le custom nere, o forse faccio confusione con un altro
  13. Più che altro guardavo quel numero confrontandolo con la produzione di LP nei primi anni.. è proprio vero che nel triennio "d'oro" non se le filava nessuno. Per contro, di goldtop ne hanno fatte parecchie.. sarà anche per questo che i liutai non si sono fatti troppi scrupoli e ci abbiano dato dentro con le conversions.. Sempre nel 59... la produzione di LP junior è grossomodo il settuplo ( ) di quella di LP standard!
  14. Strumento bellissimo, chitarra da sogno CongratulazionI!
  15. Piccolo OT sul bassman... hai mai provato i nuovi reissue silverface? In particolare ricordo di aver provato il Twin, che ha il primo canale con il tonestack del bassman, e mi era piaciuto un sacco! Peccato solo per il peso spropositato @Prince: urca ho visto ora, in effetti mi sono sparite tutte le foto su imageshack... appena ho tempo rimedio!
  16. Personalmente, il mio suono pulito di riferimento è quello Two-Rock, un clean scavato sui medi (quindi opposto al clean di riferimento ad esempio del Fender Twin), decisamente in faccia, con un buona dose di squash. Suono alla John Mayer, per intenderci. Prima del Two-Rock ho avuto anche un Dr.Z Stang Ray, testata di carattere diametralmente opposto. Bestia super dinamica con il crunch più spettacolare che abbia mai sentito (le EL84 dominano in questo campo), con una reattività sorprendente alla pulizia del suono. Il primo è un sound decisamente più "educato", il secondo più incazzoso. A me personalmente condiziona molto la musica che ascolto, ovviamente l'obbiettivo non è quello di arrivare ad eguagliare i dischi che ho sull'ipod bensì di trovare un sound che abbia del mio, ma appunto questo è strettamente correlato ai suoni che ho in orecchio.
  17. [biggrin] Giusto per intenderci comunque ;)
  18. Grazie Mario e Tony, onorato! Mauro: io ci provo, estendo l'invito, ma ti avviso che in fatto di banchetti siamo conosciuti come locuste, non so quanto ti convenga [biggrin]
  19. Mi spiace interrompere la scia di originalità lanciata da Mario Vi lascio un video che abbiamo girato a fine novembre con il mio coro, il brano penso lo conosciate tutti Una delle prime uscite pubbliche con la ES-335 :)
  20. Grande Mario! Ci hai dato un aiutino con le parole in sovrimpressione ah?
  21. Quando avevo la ES-339 avevo provato le Thomastik lisce 0.10, dato che prima montavo 0.10 ruvide e non volevo traumatizzarmi passando alle 0.12. Il suono è completamente cambiato, ma non mi hanno convinto molto, la sentivo decisamente spompa. Infatti poi ho montato le 0.12 - lisce sempre - e la chitarra si è trasformata. E questo supporta la mia teoria secondo cui per avere un suono consistente con le lisce bisogna usare scalature grosse. Oltretutto avere delle corde così ti condiziona fisicamente a limitare certi vezzi, tipo bending e legati, e a suonare più staccato - almeno parlo dal mio punto di vista. Questa cosa l'ho sentita per la prima volta da Tuck Andress, e dopo averla provata personalmente non posso che concordare. Eppure, dall'altro lato, il mio insegnante di conservatorio usa sempre e solo corde ruvide - su 335, 175 e altre jazzbox - e sì che suona solo jazz. Eppure c'ha un suono molto molto ovattato che mi fa impazzire.. ma in quel caso l'80% sono le mani.
  22. Due settimane fa da EM ho provato una di queste Revstar, a Montebelluna ne hanno diverse. Non riesco ad orientarmi tra i nomi dei modelli, ne ho viste da 500 a 1000 euro. Quella che ho provato io era color grigio satinato, wraparound e inlay sulla tastiera stile Johnny A. Davvero bella, manico comodissimo e leggera. Sul tono ha un push/pull che funge da low-cut, utile credo in situazioni solistiche. Può essere l'esemplare sfortunato che ho provato io, però davvero si scordava in continuazione. Peccato fossi stato un po' alle strette con i tempi, in caso contrario mi sarei soffermato più che volentieri anche su altre chitarre della serie.
  23. Grazie anche a Gontur ;) Ti dirò, inizialmente ero partito in quarta con l'SP compressor della Xotic perché aveva il controllo di blend. Arrivato in negozio ho visto che non l'avevano più, ma avevano l'hypergravity che avevo provato di sfuggita qualche settimana prima. Mi sono preso una mezzoretta per provarlo e convincermi e alla fine l'ho preso. Tra l'altro anche questo ha il controllo blend per cui sono a posto. Prima di questo ho avuto un anno fa il keeley 4 knobs che ahimè ho venduto per bisogno immediato di liquidi, che è davvero un signor compressore in fatto di trasparenza e versatilità. L'hypergravity ha 3 settaggi, SPECTRA che si rifa al compressore multibanda, VINTAGE un po' più scuro e uno denominato TONEPRINT che è personalizzabile con l'apposito editor per computer. E lì si apre davvero un mondo: ci sono un paio di preset già pronti, ma se ne possono creare di nuovi, e le opzioni di personalizzazione sono davvero infinite, si possono assegnare nuove funzioni alle manopole, possono diventare toni, controll di thresold, poi hai anche il controllo in tempo reale tramite grafico di come agiscono i controlli. Detto questo posso salvare che so, un preset "pincopallino" che viene memorizzato nel pedale, poi con il telefono con l'apposita app posso cambiare il preset avvicinandolo al pickup e pigiando un bottone il segnale arriva tramite cavo al pedale... fichissimo! Già solo per queste caratteristiche mi entusiasma un sacco... sabato l'ho provato per la prima volta in concerto, usando il settaggio SPECTRA per i puliti e cambiando il settaggio TONEPRINT che ho personalizzato apposta per usarlo come boost.
×
×
  • Create New...