Jump to content
Gibson Brands Forums

bobbe

All Access
  • Posts

    2,289
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by bobbe

  1. probabilmente non succede nulla, ma secondo me non è normale
  2. A me piace la Les Paul Junior DC, la comprerei volentieri.
  3. 2007 Les Paul '54 Gold Top Reissue R4
  4. ma in che cazzo di mondo viviamo??? http://www.repubblica.it/esteri/2017/05/23/news/manchester_esplosioni_all_arena_panico_dopo_concerto_di_ariana_grande-166139788/
  5. Scusate, ma se le corde sono tese e vibrano tra il capotasto e il ponte, come è possibile che cambiando il materiale dello stoptail cambi il suono? Capisco se si cambia il materiale delle sellette, o del capotasto... ma lo stoptail? Sarebbe come dire che cambiando il materiale con cui sono fatte le meccaniche, anziché il materiale del capotasto, il suono cambia (sulle corde a vuoto ovviamente).
  6. basta smettere di comprarle; sul mercato dell'usato ci sono chitarre sufficienti per i prossimi 150 anni...
  7. NAMM 2017: New Gibson Custom Shop Historic Reissue Les Paul Specs https://www.themusiczoo.com/blogs/news/namm-2017-new-gibson-custom-shop-historic-reissue-les-paul-specs Alla faccia della accuratezza storica... "...All ’54, ’56, ’57, and ’58 Historic Reissues have ’59 neck profiles..."
  8. Beh, dipende anche dall'entità del difetto... io sulla mia Strato ho fatto rifare a spese mie e da liutaio di mia fiducia un capotasto difettoso, perché con 50 euro me la sono cavata, ma per difetti piu' onerosi a mio avviso non è corretto che lo paghi il cliente a proprie spese ma ci si deve avvalere della garanzia. Detto questo, concordo che è sempre una rottura di palle e ci vuole del culo: ho mandato in riparazione un ampli che dopo un mese dall'acquisto ha cominciato a manifestare un difetto; l'ampli è tornato dopo un paio di mesi riparato, ma dopo alcuni mesi ha rimanifestato lo stesso difetto... adesso l'ampli giace, inutilizzato ed inutilizzabile, nella mia cantina.
  9. Il pezzo difettoso può capitare a tutti, quello che fa la differenza secondo me è il servizio di assistenza che per l'appunto ti deve assistere nella risoluzione del problema. Io lavoro nella divisione service di una multinazionale; produciamo apparati che arrivano a costare anche alcune centinaia di migliaia di euro, e capita anche a noi che vi siano malfunzionamenti, anche su prodotti nuovi... la garanzia serve per questo.
  10. Si ma anche voi non è che potete pretendere la perfezione, in fondo stiamo parlando di un modello base che costa solo 2000 euro, qualche difettuccio ci può stare... Parlando seriamente, può capitare e credo che l'avrebbero sistemata in garanzia senza problemi.
  11. poco male, tanto tra un po' non avranno neanche piu' il palissandro
  12. bobbe

    Palissandro

    https://www.accordo.it/article/viewPub/88756
  13. Che budget hai? Comunque io cercherei qualcosa tipo queste: http://www.mercatinomusicale.com/mm/a_gibson-les-paul-traditional-tipo-standard-classic-heritage-cherry-sunburst-hcs_id4717715.html http://www.mercatinomusicale.com/mm/a_gibson-les-paul-standard-plus_id4807198.html http://www.mercatinomusicale.com/mm/a_gibson-les-paul-signature-t-2013-translucent-black_id4976752.html http://www.mercatinomusicale.com/mm/a_gibson-les-paul-signature-t-vendo-scambio_id4785823.html
  14. Mai provata (e manco ci tengo onestamente), ma quelle 2015 hanno la tastiera piu' larga del normale, il capotasto particolare, le mini etune, il profilo del manico asimmetrico, non hanno l'overfreet binding,... tutte "migliorie" che non piacciono praticamente a nessuno. Ma se a te invece piace, meglio... tanto piu' che la pagheresti anche un prezzo ottimo. Ma io fossi in te comunque la proverei prima. Quello che farei io invece è guardare all'usato.
  15. Il prezzo è anche buono, ma l'hanno abbassato perché quelle li non le vuole nessuno e al negozio gli restano sul groppone... comunque, per me, è orrenda
  16. bobbe

    Palissandro

    A Riccà, ma che te sei fumato?
  17. bobbe

    Palissandro

    Certo, c'è anche la merda che vende McDonalds
  18. bobbe

    Palissandro

    Si chiama consumismo... e vale per tutto, non solo per le chitarre. Non so che lavoro fai tu, ma credo che il tuo datore di lavoro stia aperto per guadagnare, non per produrre solo l'indispensabile. Senza offesa, ma il tuo discorso è senza senso, a meno di non tornare indietro di 60 anni, ma su tutto quanto e non solo sulle chitarre, che mi sembra che onestamente siano la cosa più futile. Anche il discorso che fai sui musicisti non corrisponde alla realtà: Gilmour, Malmsteen, Richards e la stragrande maggioranza dei professionisti hanno collezioni di decine e decine di chitarre (di pregio oltretutto), altro che solo 2 o 3. Mio padre in tutta la sua vita avrà avuto si e no 3 automobili, perché l'auto si teneva fin quando camminava e solo allora si cambiava... tu fai lo stesso? o cambi l'auto come fanno in molti ogni 3-4-5 anni, perché c'è il nuovo modello e cazzi e mazzi? E il telefonino sempre ultimo modello? e i vestiti alla moda? E l'abbonamento a Sky, lo stadio tutte le domeniche, la discoteca, il cinema... Quando ero bambino andare a mangiare la pizza era un "evento", perchè di soldi ce ne erano pochi, mentre ora si va sempre spessissimo al ristorante, in birreria, a fare l'aperitivo... e le vacanze erano 14 giorni in estate in campeggio, e riga... altro che i weekend nelle capitali d'Europa, il mare d'estate, la settimana bianca, la settimanina alle maldive in marzo. Il mondo è cambiato e noi (per puro culo) siamo nati nella parte di pianeta fortunata, dove possiamo permetterci di tutto e di più... se fossimo nati 5'000 km più a sud adesso il nostro problema non sarebbe la tastiera di palissandro ma trovare un barcone per venire in Europa. Poi, così per parlare, ma fa enormemente più danno all'ambiente la coltivazione intensiva di cereali destinati ad allevamento di animali per consumo di carne, che l'utilizzo di legname per le chitarre.... però guai a toccare la bistecca alla fiorentina o la grigliata mista...
×
×
  • Create New...