Jump to content
Gibson Brands Forums

iso85

Members
  • Content Count

    1,664
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by iso85

  1. Ciao Stan e benvenuto!!! Yamano è stato il più grande importatore giapponese di Gibson Historic per diversi anni, grazie a questo aveva delle serie costruite appositamente per loro, in generale però si sceglievano i top e i legni che finivano nelle loro chitarre, tali R9 sono in genere belle leggere e con top tendenzialmente molto belli, inoltre avevano una certa predilezione per il Lemonburst!! Detto questo, è da valutare l'esemplare singolo, comunque direi che la maggior parte delle chitarre fatte per loro sono come le hand selected di oggi!!
  2. Bellissimo top secondo me, davvero ricco di carattere!!!
  3. Sei entrato in un tunnel di schiaffi!!! Allora, se tu prendi un bel Ts-808 degli anni che furono, diciamo fine '70, lo apri, tiri fuori la sua bella scheda nell'angolo in alto a destra noterai che c'è scritto "Maxon"... gli originali erano costruiti da Maxon e marchiati Ibanez, alcuni anni dopo poi Ibanez ha cominciato a costruire la sua reissue e Maxon pure, ma in linea di massima siamo lì! Sul paragone Od9-Ts9 invece una minima differenza c'è, cioè che il Maxon è true bypass, ah ce n'è pure un'altra... che costa meno!! Che suoni meglio o peggio non voglio dirlo, ti dico però: se ti piace, fidati delle tue sensazioni!!! [thumbup] P.s = da Ts-808 a Ts-9 a livello circuitale cambia pochissimo, un paio di componenti!
  4. Anche a me pare... nei '70 direi... Comunque la Heritage 80 dovrebbe avere la custodia marrone con interno fucsia stile Lifton se non erro!
  5. E' come dice Rick, stessa chitarra, stesse misure, stessa scala, stessa elettronica, stesso hardware, a parte le differenze intrinseche da esemplare a esemplare (che comunque ci sono sempre), sulla carta non c'è differenza!
  6. Ciao Gino, allora già saprai dei "famosi" upgrade della serie 2013, il vantaggio di quest'anno è che in giro ci sono veramente tante R8 2013 fiammate (e parecchie lemonburst direi, io stesso ho una R8 lemon fiammata), inoltre il profilo del manico della R8 in linea generale si è secondo me avvicinato a quello della R9, ho confrontato personalmente la mia con una R9 2013 presa da Tomassone e i profili secondo me erano pressochè identici, o comunque le differenze erano talmente piccole da essere insignificanti, quindi questo avvicina ulteriormente le R8 alle R9, almeno quest'anno, ovviamente in linea generale, è risaputo che i manici Historic non sono tutti uguali a parità di modello, ed è vero; la R9 in più ha generalmente un top maggiormente fiammato (ma non è detto), la mia idea è che abbiano assegnato i top con più "carattere" alle R8 e i top più "appariscenti" alle R9, comunque è da valutare caso per caso, inoltre in linea generale le R9 tendono ad essere leggermente più leggere delle R8, ma non è detto anche lì, ad esempio la mia R8 pesa sui 3950 grammi e monta le Grover di fabbrica che sono circa un etto e mezzo più pesanti delle Kluson quindi siamo in ambiti di peso decisamente R9. Secondo me dovresti andare in un bel negozio fornito e provarle accanto, se vedi e provi una R9 che ti attizza particolarmente vai su quella, altrimenti cerca di selezionare una R8 che suoni come si deve e si lasci guardare e risparmi diversi bei centoni!! Discorso sbavo vernice: non è un problema delle R8, è un problema di tutte le nuove Historic, l'anilina è delicata, viene via facilmente e macchia il binding, se guardate i forum esteri è pieno di topic con R nuove con binding sbavati, ulteriore conferma la danno le burst originali, generalmente i binding sono sbavati per via di questa tendenza dell'anilina, il fenomeno è accentuato sui back rossi, sulla mia ancora non si è verificato ma la verniciatura del manico è un po' diversa!! [thumbup] Se hai altre domande chiedi pure!!!
  7. Ciao Gino, prima di risponderti, stai valutando il nuovo, cioè le 2013, o solo usato??
  8. Quanto mi manca il Keeley Compressor... [crying] Tutta bellissima roba!!!
  9. Non è un '57 Classic, il '57 ha lo sticker PAF. Come dice Prince è uguale ai 490.
  10. Certo, oltretutto stanno riportando in auge i loro prodotti storici (Powerboost 18v, Tonebender vari etcetc.) commissionando piccole batch ai migliori costruttori inglesi, in primis Stu di Castledine e David di D*a*m!
  11. La cosa interessante è che anche questo veniva costruito da Sola Sound per Marshall, Sola produceva per tutti all'epoca, sia per sè stessa, che per Colorsound (di cui Sola Sound era una divisione), che per Marshall e pure per Vox! [thumbup]
  12. Vero.... però considera che una volta ho visto un Sola MkII tutto originale del '66 finire su ebay a.... azz mi fa impressione dirlo.... 5000 sterline!! [scared]
  13. Quelli che abbiamo messo, anzi che buras ha messo sulla mia, sono stati prima misurati e abbiamo preso i due con il valore più vicino a 22, non so quanto la cosa si ripercuota sul suono finale, immagino poco o niente!! [thumbup]
  14. Ciao, allora io e buras qui del forum sabato scorso abbiamo fatto una prova molto interessante. Dovendo fare un cambio di wiring sulla mia Les Paul abbiamo montato diversi condensatori all'interno di un circuito e con un selettore rotary ce li buttavamo dentro una alla volta blind test ovviamente), abbiamo provato un Jensen di Rs Guitarworks da 630v, un Allparts Vitamin Q, un Pio russo da 400v, un Pio russo da 630v (quello di Dr.Vintage) e non ricordo cos'altro... Ti dirò secondo me le differenze erano tanto minime da essere trascurabili, l'escursione e la corsa dei pots era praticamente la stessa, forse c'era qualche minima differenza col pot del tono tutto chiuso, ma veramente parliamo di differenze piccolissime... Io ho optato per il Pio Russo da 630v, sinceramente l'idea che mi sono fatto è che spendere 40€ per una coppia di Jensen non ti garantisce particolari differenze sonore, i Pio Russi costano 3-4€ cad, vanno più che bene direi! [thumbup]
  15. Allora capisco quando parli di camere tonali e quando parli di "vasche", in buona sostanza le camere (chiamamole camere) sulla 2008 erano diverse rispetto al modello 2012 (e quindi 2013), la 2008 aveva effettivamente una grande "vasca" sotto la zona pickups e ponte e lateralmente a questa, la 2012 ha invece tante piccole camere. A livello di specifiche cambia il radius, che sulla 2012-2013 diventa compound (12"-16" se non erro) e il sistema di switching con 4 push/pull (stile Page), che invece sulla 2008 non ci sono!
  16. Guarda io 3Monkeys li conosco perchè tempo fa vendetti un pedale ad un professionista americano che me ne parlò, scorretto quel tipo lì però, mi mandò la lista degli ampli che aveva... roba illegale.... Divided by 13, 65 Amps, Custom Audio, Diezel, Morgan etcetcetc. roba da non dormirci la notte!! [thumbup]
  17. Non sei tu Georg, 'sti ampli sono pressochè sconosciuti, almeno in Europa, io stesso ne sono venuto a conoscenza verso Gennaio per pure caso avendo preso una chitarra in un negozio in Inghilterra che è loro rivenditore, altrimenti neanche sapevo che esistevano!!
  18. Volentieri! Allora l'ho preso usato da un amico siciliano che lo ha ordinato presso l'importatore europeo (NordSound) a Ottobre 2012, penso che in Italia di questi RedPlate ce ne siano davvero pochi, il marchio è sconosciuto e ci sono solo due negozi in Europa che lo tengono (credo). Il preamp è Blackface con equalizzazione completa, in più ha uno switch mode a 6 posizioni che intensifica gradualmente i medi e il pot medi appunto è push/pull e tirandolo si entra in una modalità più scooped, in sostanza copre bene i suoni dal Twin fino al Tweed (forse un po' troppo smooth in questa modalità); l'overdrive invece è tipicamente Dumble con 2 stadi di guadagni ma il pot Drive è anch'esso push/pull e tirandolo diventa un po' più graffiante sulla alte, più british diciamo; poi ha reverbero a molle Accutronics bypassabile, presence bypassabile, uno scatto sulla posizione 0 del pot basso per bypassare completamente la sezione di equalizzazione, più una serie di switch dietro per diminuire la potenza, switch triodo/pentodo e switch fixed bias/cathode bias, monta 2 6l6 al finale ma è possibile montare pure 2 6v6 (con taratura del bias), inoltre c'è uno switch che seleziona una risposta diversa dell'ampli a seconda del pickup utilizzato e uno switch smooth che rende l'attacco leggermente più compresso, più un bright a 2 posizioni davanti (bright classico o corde nuove). La costruzione mi pare ottima, è costruito interamente in pino massello ma decisamente leggero (16 Kg circa la testata), dentro vedo il set di trasformatori Mercury e in generale mi pare proprio ben fatto. La cassa è una 2x12" con coni montati in diagonale, cubatura generosa, ha un'apertura ovale sul retro, è fatto anch'essa in pino massello con il pannello dietro in multistrato di betulla, peso circa 20.5 Kg, si porta molto bene, monta 2 coni V30 su consiglio del produttore, al momento mi paiono abbastanza fermi, il proprietario originale l'ha suonato pochissimo. A livello sonoro.... beh i clean sono tanta roba, belli fenderish ma più rotondi e pieni sulle medie, l'ampli "legge" bene diverse chitarre, sul pulito cruncha solo in modalità Tweed un po' tirato a livello di volume (giocando anche con il Master che lavora bene e gli switch di potenza); l'od Dumble è davvero molto convincente, bello dinamico, ricco di overtones e bello grasso, decisamente fluido, "rompe" molto bene anche a gain veramente bassi, a gain elevati diventa abbastanza compresso, mi sembra leggermente meno cattivo di un Fuchs Ods, almeno senza "pullare" il pot Drive, comunque sia così a naso direi che è paragonabile ai Two Rock e Fuchs che ho sentito, decisamente credibile. Unico "problema" che ho avuto è che collegando la pedaliera mi sovraccaricava l'ingresso dei pedali nel loop effetti e distorceva, fortunatamente dentro c'è un bel trimmer che regola il livello del Send e quindi ho risolto!! Più avanti magari scrivo di più e vi faccio pure sentire qualcosa!!! [thumbup]
  19. Ho preso da qualche giorno 'sto cremino formato XXL, suonicchia:
  20. Georg hai una R7 Brazilian? Se è confermata da Gibson vale molto ma molto di più di una R7 normale, almeno a livello di quotazione, in USA mi pare viaggino fra i 4000 ei 4500$! Per quanto riguarda il discorso CC.... dipende da quale CC, la Moore/Franks e la Goldie hanno avuto molta fortuna, ergo il prezzo dell'usato è superiore a quello che costavano nuove, la Moore mooolto superiore, la Sandie ha avuto abbastanza fortuna e più o meno ha mantenuto inalterato il suo prezzo, la The Babe usata per dire costa decisamente meno di quello che costava da nuova, altre tipo la Shanks o la Slubowsky più o meno hanno mantenuto il valore. Stesso discorso vale per le signature, guardate i prezzi della Pearly Gates e della Page #2, decisamente superiori al nuovo, altre tipo la Walsh non hanno avuto questa fortuna, dipende dal nome, da quanto è bella la chitarra originale e da quanto è fedele la replica...ovviamente il suono non conta niente!! [biggrin] Per quanto riguarda il discorso delle Reissue normali.... anche lì dipende da cosa riserva il futuro, se fra 3 anni una R9 nuova dovesse costare 8000€ è chiaro che chi ha pagato la sua 2013 4500€ è abbastanza contento, ma ciò ovviamente non è pronosticabile, anche se io penso che i prezzi siano destinati a salire nel corso degli anni!
  21. Aggiungo che oltre alle CC dal 2013 i Custombucker sono di serie su tutte le Historic!!
×
×
  • Create New...