Jump to content
Gibson Brands Forums

SoloDallas

Members
  • Content Count

    58
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by SoloDallas

  1. Deluso ed irritato. E' veramente una porcata mal presentata, per giunta. Completamente un buco nell'acqua.
  2. Jack, perché povero stolto? Perché non li conosci? Perché non hai avuto soldi da buttar via a provare? Nah. I Peraly Gates sono definiti erroneamente/correttamente acidi perché sono "hot" e sulle medie frequenze. La gente deve imparare a capire che non tutti i pickup/chitarre suonano bene sui loro ampli. Quindi, sapere su quale ampli lo suoneresti è importante (anche se, a tua risposta, potrei tranquillamente non conoscere la risposta sul tuo ampli). Non conosco i JB ma ho i Fralin. I fralin sono più trasparenti - se parliamo della replica PAF - perché i PAF veri sono trasparenti. I PG hanno invece "carattere", sono "colorati" per così dire. Io credo che andrebbero bene per il genere che vuoi fare. I fralin potrebbero apparire più "normali" ed acuti (brillanti).
  3. Ahhh... mai provate le KT66. E dire che sono quelle che ANgus (il mio eroe) suonava con le JTM45. Mai provate: non ne ho quindi idea :) Forse con quelle - delle ottime NOS magari - cambia tutto. Gli attenuatori sono delle cose buone, Matteo. Ne sto prendendo uno ora, un Aracom, perché ho un Super Lead 100 del '76 che NON posso usare altrimenti. Non c'è storia, non ho un palco con migliaia di persone :P
  4. Ricky, 1987 100 volte. SE reissue (e lascerei perdere SUBITO i reissue Marshall, che vanno modificati istantaneamente). Prenderei O un 1987 degli anni '70 (che costa quanto un reissue) o un Metro, immediatamente. Metro sono fantastici. E' il punto di riferimento dei cloni (c'è anche Germino e Ceriatone, ma non li ho mai ascoltati bene). La JTM45 è stra-parlata, fin troppo. Ne ho avuta una "vera" di Eric Johnson, del '67, ma con le EL34. QUELLA era eccezionale, ma anche perché il cabinet era fantastico (l'unica cosa che rimpiango davvero d'aver venduto). Era una 4x12 1960A con greenbacks. Sigh. Per il resto, queste "famose" JTM45 (con le 6L6 dentro) mi fanno quasi schifo. Ne ho avuta una dopo, un reissue, che non ho potuto praticamente usare tanto mi faceva schifo. Il 1987 invece rende di più. Può esser pulito, ma può darti anche il drive che ti serve. Ho parlato troppo ed un po' in modo autoritario. Detesto quando lo faccio. Chiedo scusa.
  5. Non sono greenbacks Massi, ma io li adoro. Sono i famosi G12H30 (5 watt in più dei greenbacks "classici"). Io ne ho dei pre-rola originali del '73 e li adoro. Assieme ai miei greenbacks del '69, sono i migliori speakers che abbia mai sentito.
  6. Costa mi sembra intorno a €150. Costerà meno nel futuro, quando chi lo ha - credo per l'Italia solo Cloe Guitars - avrà ammortizzato l'investimento. Sai Andrea, se ti rispondessi "Aooo... da paura! LO DEVI fare! Sì funziona perché te lo dico IO...!" mi dovresti sputare in faccia. Non lo facessi tu, mi sputerei in faccia da solo. Ora, con questa premessa, sì funziona. Per quanto mi riguarda, è una delle invenzioni più rivoluzionarie nel campo della chitarra. Certo, SE esistessero liutai SERI e bravi, a volte se ne potrebbe fare a meno. Ma - soprattutto sulla piazza di Roma - ho avuto davvero tante delusioni in passato, tanto che ormai mandavo le mie chitarre in Germania. Poi ho scoperto che Cloe Guitars aveva anche lui una Plek machine, e le ho fatte plek'kare tutte. Per me è un altro mondo, ora: ogni chitarra tira fuori tutto di sé, come non mai prima, nemmeno da nuova. Ecco, l'ho detto. PS Esiste molto dibattimento sulla rete sull'utilità o meno del Plek. QUESTA è la mia modesta opinione, espressa civilmente. Poiché sono certo che - se non qui - altrove se ne parlerà... non desidero essere coinvolto in discussioni al suo riguardo. Grazie Fil :)
  7. Io non mi fido. Che ne sai, Luca? Magari prendi una mia chitarra in mano e ti fa ca***. Nah. Vintage o non vintage, sempre di più sto capendo che ogni chitarra è una cosa a sé. Certo, una cosa è vera/certa: le ho sistemate tutte. Da Cloe Guitars. Sono tutte plek'cate, tutte perfette dal punto di vista della suonabilità. Ogni potenzialità della chitarra è stata "portata fuori". Questo sì, senz'altro, ma non credo che i miei pezzi abbiano qualcosa di speciale. No. Sono chitarre prese in giro nel tempo, chitarre qualunque.
  8. Quella è la testata da 50w modificata da David Bray. Mi hanno detto che ho fatto vendere a Bray parecchie di quelle... ma non so se sia vero o meno. Chissene. Quella è una reissue, scelta da lui personalmente alla fabbrica Marshall e poi, modificata da lui su mia richiesta. Bada ben che la mia richiesta è stata "uneducated", non nel senso di maleducata, ma nel senso di non-tecnica. Non avevo la minima idea allora di componenti tecniche e modifiche ai Plexi (ed ora, poco più). Quindi chiesi "David, mi modifichi una 1987 così che suoni come quelle vecchie e possibilmente, "AC/DC""? Quello fu il risultato. Diciamo che forse ha una modalità JMP (intendo dire, i JMP metà settanta/fine settanta) con un po' più drive e leggermente più aggressiva. Ha un push/pull knob (volume) che aggiunge drive. Ma il timbro NON è affatto quello di un JMP della metà degli anni '70 (lo perché successivamente, ne ho presi tre, 1976, 1977 e 1979, originali). Credo che quello che ti ha colpito davvero sia il cabinet, per questo l'ho menzionato. Quel cabinet è fantastico. Farò a breve molti più clip sperimentali di test con i JMP.
  9. Non so esattamente quante sono, non le ho mai contate (parola). Ce ne sono di più, ma queste sono quello che uso (le uso tutte, altrimenti, le vendo: NO COLLECTOR here). Sì, va bene, grazie Alnico, grazie tutti, fregatevene di quante sono o quali sono, a me davvero frega nulla. MA il punto vero è: cosa pensi degli ampli?
  10. Sì concuerdo. E' vero, la musica la sento dentro fotte fotte (forte forte)
  11. Luca, io ero - e probabilmente sono - una gran pippazza. Sempre stato. Per quello mi muovo. Angus disse - in una nota intervista - che il "trucco" di muoversi glielo insegnò il fratello George. Così provai. Poi non ne ho potuto fare più a meno. Suono decentemente ora il roccherolle perché mi smuovazzo (con che fa rima, smuovazzo???)
  12. Luca, ti ho resettato la password a "fil". Quindi prova a loggarti senza email di conferma - probabilmente ti è finita nello spam - con il tuo screen name "suagamara" e "fil". Poi entri nel tuo pannello e te la cambi come vuoi.
  13. Oh bene ne approfitto. SoloDallas, la mia strumentazione (group photo) SoloDallas, la mia strumentazione (group photo)
  14. Mi sembra che vi siate espressi benissimo. Credo di sapere quello cui vi riferite, visto che ho sempre evitato i suoni moderni "che non cambiano nel tempo", nel senso dell'asse temporale T quando si esegue una nota: data la mia scarsa tecnica, ho sempre preferito suoni interessanti. Da lì, la mia ricerca per il vintage etc. Il Blues è un'espressione umana intensa e ricca, pertanto, ha bisogno di colori d'ogni tipo. Dunque, ieri ho registrato con il JMP 100, qui (solo audio): Marshall JMP 100 e 1960A Vintage Greenbacks qui invece il 1987XL (stessa cassa vintage 4x12, audio/video): My link qui invece un JTM50, sempre stessa cassa (audio/video): My link Badate bene che la CASSA (gli speakers, il cloth - cioè il tessuto protettivo anteriore della cassa, ... ) ha un'importanza DETERMINANTE. Ora, a voi.
  15. Ah... ho capito (e grazie a tutti :) ). Entrambi. Heheheh. Soffri! Ti dico questo: tra i due, preferisco 6000 volte il JMP (master volume o non, anche se ho una passione per i master volume del tardo anni '70, proprio come quelli... AC/DC). Il JMP del tardo '70 è praticamente il suono - con appropriato cabinet, cosa stra-importante, che c'è sia su Highway to Hell che su Back in Black. Ed anche i precedenti. Dopo qualche anno, gli AC/DC cambieranno ampificatori (ed anche, speakers). Sto facendo proprio in questi giorni una ricerca approfondita. Da quel punto in poi, non mi piacciono più. Alnico, ho bisogno di sapere cosa suoni. Qual'è il tuo artista di riferimento. Per capire quale ampli tra questi.
  16. Plasticosa? Per me è un aggettivo negativo se legato ad un Marshall. Cosa intendi dire?
  17. Ma certo: la caratteristica di base di differenza è che la JTM proviene dal fender bassman: è un circuito fatto per il basso. Il JMP è lead, studiato direttamente per la chitarra. Più distorsione, ma non si limita a questo la differenza. La JTM ha bassi non tight, "scureggianti" se vuoi, mentre JMP è tight bottom. In sintesi maxima, diciamo ;)
  18. No, non si somigliano a meno di certe caratteristiche tipiche dei Marshall. JMP is a lot ganier di un JTM. Lo so perché li ho entrambi. Io andrei per il JMP - io ho un master volume, ed ho scelto proprio il MV consapevolmente - perché è la testata usata da Angus Young da circa il '77 in poi. Fa un solo suono - a meno di pedali ed effetti vari - ma quel suono - Alnico - è QUEL suono che hai sentito sui dischi. Fil :)
  19. Ah, hai preso una Norlin '71. Foto, Alnico, FOTO. Dove posso vederti/vedere le tue cose? E quella SG custom nera, dov'era?
  20. Come? Quando me lo hai chiesto? Non mi ricordo una mazza. Come è possibile? Sigh. Perdono. Non avevo idea fossi tu, qui. Sigh. Vabè. Quindi fammi capire, hai una SG custom nera di quel periodo??? ADORO. Massi: harness = insieme di potenziometri, capacitori (come si dice in italiano???), cavi di collegamento saldati.
  21. Sì ho ascoltato il tuo, mi è piaciuto. Io ho buttato giù una schifezza - ma "sentita" :P - in un take. Telecamera del computer in bassa risoluzione e registrato contermporaneamente con ProTools su una... Dusk Tiger! Ebbene sì. La chitarra ritenuta tra le più brutte della storia, non riesco a metterla giù. Piace da morire :D Ehhh... che ci devo far, che ci devo far... lo sto caricando ora.
  22. Tutte replica parts, Alnico: tonepros prese da RSguitarworks. Mi dicono che i pezzi Callaham sono ancora superiori - in timbrica - pertanto ne proverò uno, per iniziare. Come dicevo, non tengo spasmodicamente all'aspetto originale autentico nei minimi dettagli di tutte le mie chitarre. Impazzirei :) Molte tra queste sono tra l'altro issue guitar: le ho comprate spezzate, manici rotti, ... sempre legno vecchio, project guitars. Sono grandi soddisfazioni (per me) da rimettere a posto, e lasciarmi sorprendere dalla bellezza del timbro e dalla suonabilità (tutte le mie chitarre sono PLEK kate dall'amico Cloe Guitars, Luca). Ecco, cerco di concentrarmi al massimo nel tirar fuori le migliori potenzialità timbriche espresse - e non - del legno e dei PU che prendo/trovo e della circuitazione. Ho dato tra l'altro molta più importanza alla circuitazione di qualche tempo fa: le harness sono un pezzo fondamentale della timbrica finale. Questo, sì. Perchè negli anni, mi sono ritrovato a volte a guardare splendide chitarre perfette, ma come morte. "Duds". Le ho sempre lasciate in un angolo, per poi venderle. Se non hanno un'anima - queste chitarre - non m'interessano :)
×
×
  • Create New...