Jump to content
Gibson Brands Forums

sierracharlie

Members
  • Content Count

    163
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

-4 Poor

About sierracharlie

  • Rank
    Slave of Vintage
  • Birthday 02/28/1986

Contact Methods

  • Website URL
    http://www.purplehazecustomshop.it
  • Skype
    smspitfire

Profile Information

  • Gender
    Male
  1. Toglimi una curiosità... hai un Blues Deville o un Hot Rod Deville?
  2. per la modica cifra di millemilafantastigliaglionidimigliaglia di euri... OCCASIONE SPECIALE! NON PERDETELA!
  3. La '61 "Gibson USA" ha il ponte nashville, purtroppo... è molto più sottile e leggera e, a mia memoria mi picchiava di più in testa. Il body è un po' come capita... a me era in due pezzi. Confermo che ha la paletta più grande. La differenza più importante credo sia che è maledettamente più dolce e delicata nel suono rispetto alla standard. La standard ha un suono più scomposto, più maleducato, mentre la 61 è più nobile, composta e definita. Tutte e due le chitarre hanno un loro carattere specifico, molto personale. Sinceramente però la prima sg con la quale mi sono trovato bene, ma non eccelle
  4. mi stavo chiedendo come mai le due LP nelle foto 5 e 6 hanno manopoline diverse... nella 5 hanno manopoline da LP STANDARD e nella 6 hanno manopoline da SG... :)
  5. Quoto... in teoria si dice che non influisca sul suono. Però ripeto... è sempre meglio averne una solida e di buon materiale risonante. Altra questione, inoltre, è l'angolo di incidenza delle corde sul ponte. In molti casi ed esperimenti ho notato che un angolo maggiore ti da un suono più netto e squillante mentre un angolo minore da un suono più caldo e impastato. Ovviamente tutto nel range di suonabilità dello strumento. Altro discorso ancora avviene per le tailpiece "vibrato" come possono essere il vibrola, il bigsby, stetsbar e quant'altro. P.S. mentre scrivevo molti mi hanno anticipat
  6. Il ponte sicuramente influisce sulla qualità e sul tipo di suono. La tailpiece TEORICAMENTE essendo OLTRE il ponte dovrebbe influire ben poco. Ma è sempre meglio averne una ben solida e precisa.
  7. Ma la ZAMA e l'OTTONE so due cose totalmente diverse SUGA... dai... la zama è morbida e argentata come l'alluminio, l'ottone è giallo come l'oro e tosto come la pietra! In ogni caso... se hai un contatto scaip... mandamelo. Ne parliamo in separata sede proprio perchè non voglio appilare il forum con ulteriori off topic. Io non lo so se l'ho messo il mio nel profilo... se lo trovi aggiungimi stesso tu. Dai... così non creiamo casini.
  8. Sei off topic. In ogni caso tutti mi chiamavano "demente" per quello che dicevo. Tutti mi dicevano: ma quando mai... è tanto bella quella chitarra... suona tanto bene. Io allora ho dato ragione agli altri e la volevo vendere per quello che era: una sg gibson americana praticamente nuova, senza un graffio ne' un difetto. Tant'è vero che l'ho portata al negozio e me l'hanno valutata praticamente per nuova e ne ho presa un'altra che SUONA. E anche su questo avevo ragione. Quella SG era un esemplare venuto male. In ogni caso... se devi stare là a venirmi a rompere ad ogni cosa che scrivo, guarda,
  9. Ah guarda, io dubbi non ne ho... ho documentato e sinceramente adesso mi sembra che tu ti stia arrampicando sugli specchi. Quindi la chiudo qua perchè non ho voglia di andare avanti in questo modo. Grazie per il tuo contributo. Mi dispiace solo per le informazioni errate che vengono spesso date a chi chiede un aiuto. quoto e aggiungo... anche la precisione nella costruzione è importante.
  10. L'ottone è una cosa: OttoneLa Zama (o Zamak) è un'altra: Zama. Wikipedia è un caro amico. Dunque... per intenderci. L'ottone è un bella lega metallica dorata, molto spesso definito da qualcuno "l'oro degli sciocchi" oltre allo zolfo e alla pirite, due minerali che furono anche definiti tali. Molto duro e difficile a tagliarsi con metodi "amatoriali" (una volta ci stavo lasciando la faccia a tentare di tagliare una placchetta di ottone con la sega a nastro). Si ossida molto vistosamente e si annerisce offrendo una finitura molto particolare che, a volte, viene naturalmente utilizzata come abbel
  11. no no suga... ti assicuro che io leggo e leggo anche bene.
  12. Beh... non capisco che intendi per "libero delatore" però in pratica stiamo dicendo la stessa cosa! Ti conviene allora trovare qualcosa di dimensionato già per la epi di buona qualità. Anche se sinceramente a me i ponti della EPI non dispiacciono più di tanto. O meglio: c'è di peggio. Puoi tranquillamente trovare qualcosa che ti soddisfi di più, dimensionato già per la epi e utilizzare gli studs e gli inserts originali per evitare il problema di cui ti parlavo prima. In genere è quello che consiglio per essere proprio SICURI della riuscita. Altrimenti fai come faccio io spesso e piazzaci un
  13. Ma perchè cavolo non leggete quello che scrivo?
  14. No no, io ho le idee MOLTO chiare. Non ti preoccupare. Tant'è vero che RIPETO (e mi trovo troppo spesso a dover ripetere quello che scrivo quindi immagino che molta gente su questo forum non LEGGA bene ciò che gli altri scrivono e nella foga di scrivere qualcosa si disinteressa di ciò che scrivono gli altri): non è oro tutto quello che luccica. Per quanto riguarda i ponti vintage in alluminio, non è il ponte che era fatto in alluminio ma la STOPTAIL. Non so di preciso di cosa era fatto l'ABR-1 originale, dovrei informarmi. Io parlavo in linea generale. L'hardware migliore DOVREBBE essere fatto
  15. Dunque... tutto ciò che si può immaginare è da prendere con le pinze. In genere l'hardware cinese è un misto di leghe molto tenere e poco risonanti. Vengono usate la zama e l'alluminio, spesso. La zama e l'alluminio sono due leghe molto simili, poco sostanziose. Se ci pianti un trapano sopra l'effetto si definisce "sburramento". In poche parole, soprattutto sull'alluminio e sulla zama di infima qualità, il metallo si sfalda proprio a causa della "poca sostanziosità" della lega. Da ciò deriva la poca risonanza, la poca durevolezza nel tempo ecc. ecc. ecc. ecc. Tuttavia non è vero che TUTTO l'ha
×
×
  • Create New...