Jump to content
Gibson Brands Forums

torepelghosts

Members
  • Content Count

    82
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by torepelghosts

  1. Per futuri dubbi sulle SG vi segnalo questo sito se ancora non lo conoscete :)
  2. Ciao, ti dico quello che penso della chitarra in questione: per me è una 1974/75 deluxe. Al manico il pickup è un minihumbucker patent sticker con cover rimossa, al ponte c'è un humbucker regualr size. Il manico probabilmente è stato riverniciato a causa di un crack e il seriale è stato ri-stampigliato malamente (vedi l'area piuttosto affossata). La custodia non è originale e nemmeno le meccaniche che sono delle Grover (in origine doveva avere delle kluson deluxe, lo vedi anche dai forellini). Di per sé, verificando se non ci fosse un crack, sarebbe da provare per capire se può suonare bene, male o magnificamente. Ho avuto diverse Deluxe in passato, sia con minihumbucker che con humbucker modifcati e alle mie orecchie erano molto soddisfacenti. Il problema era la suonabilità perché quelle che mi sono capitate erano state tutte refrettate piuttosto male e soffrivano anche di qualche problema di hardware (ponti piegati al centro, sellette che ballavano, buzz, meccaniche non ottime). Se il prezzo fosse interessante e passando per le mani di un buon liutaio possono essere strumenti alternativi alle varie reissue più popolari in questo momento.
  3. Quoto. Poi fare un falso in Cina dove c'è la fabbrica Cinese di Epihpone è senz'altro più facile. Ad ogni modo vi riporto questo articolo di qualche tempo fa: http://www.gibson.com/it-it/Stile-di-Vita/Notizie-Rilevanti/sequestrate-861-false-chit-716/
  4. sono abbastanza sicuro di quello che dico (poi tutto può essere) Questo era il vecchio ponte Epiphone montato sulle Korea anni'90
  5. Una gibson la si riconosce quasi subito mentre una epiphone è più difficile perché sempre di chitarra "in economia" si parla. Ricordo tempo fa su qualche sito dei bei 3d sulle Epiphone false. Per me comunque quella delle foto non convince proprio per il ponte. Facciamo poi chiarezza sui ponti: c'è l'ABR-1 Gibson che è anche detto Tune-o-matic mentre poi c'è il Nashville che tecnicamente è anch'esso un tune-o-matic.
  6. a me non convince il ponte perché è diverso da quello delle Epiphone China/Korea
  7. In realtà per l'epoca il manico a tre pezzi era geniale e spesso veniva ricavato dallo stesso blocco di legno che veniva segato in tre e il listello centrale capovolto di 180 gradi prima dell'incollaggio. Questo evitava il neck warping.
  8. torepelghosts

    ES330

    Qualche esperienza l'ho avuta con quelle d'annata. Ottimi strumenti che gradiscono i suoni clean e al massimo un filo di overdrive. So che c'è anche una versione con attaccatura corpo-manico come la sorella 335.
  9. Dai rispondo qui che il titolo del 3d è più che adeguato: La Les Paul deluxe compare nel 1968. La prima versione ha manico in pezzo unico con paletta piccola e body in pezzo unico con top in due pezzi di acero. Pickups mini humbucker patent sticker (si dice siano quelli NOS epiphone quando Gibson acquisì l'azienda) e classica colorazione goldtop. Nel 1969 la paletta diventa grande e il manico è in tre pezzi di mogano, body pancake in mogano. Nel 1970 vengono prodotte con la voluta o "volute" e si può scegliere anche la versione cherry sunburst, tobacco sunburst e una serie limited sparkle pelham blue (mi pare). Fino al 1974 circa hanno le medesime caratteristiche anche se quelle che ho provato io avevano forma del manico sempre più "slim" più si andava avanti negli anni (la mia ex 1970 era piuttosto a C mentre la mia ex 1973 molto più D slim). Compare poi il manico in tre pezzi di acero e i pickups sono patent number con il patent inciso. Questa configurazione va avanti fino al 1980. Personalmente trovo le migliori deluxe le prime prodotte fino al 1973. Quelle con il manico in acero non mi dicono granché (e poi pesano in modo esagerato).
  10. scusate l'OT ma la LP deluxe meriterebbe un 3d a parte...se volete lo apro e scrivo quello che so...
  11. l'han già fatto! In pratica han fatto la collector choice che replica la chitarra dei Boston (una 68 ex GT poi portata a legno e moddata): http://www2.gibson.com/Products/Electric-Guitars/Les-Paul/Gibson-Custom/Collectors-Choice-10-Tom-Scholz-1968-Les-Paul.aspx
  12. Lo switch in giro si trova non è quello il problema. Ma forse il discorso viene meno se si fa il master tone (quindi se ne usa uno solo per tutti e due invece che indipendenti). Quindi il quesito si limita al fatto di mettere il centrale in out of phase oppure no... Non capisco bene il discorso dei kOHM se si mette out of phase però...
  13. quella reissue del CS a parte il prezzo (2,7k) la trovo di una bellezza disarmante!
  14. Interessante discussione ragazzi. Ma come avete risolto poi? Ero molto interessato per mettere mano al mio "muletto" new entry ovvero una epiphone sg custom 3pu. Stock funziona così: - posizione neck va manico e centrale - posizione middle suonano tutti e tre - posizione bridge suona centro e ponte Il pu centrale non sembra rendere granché in questo modo: ingolfa il suono e fa uscire un segnale più basso così devo tenere sempre a zero il pot del pu centrale. Come posso risolvere secondo voi? Lo metto fuori fase? Compro uno switch per 3 pickups (ora credo monti uno normale per 2 pu)? Altro?
  15. le kluson standard però su una BB non si possono vedere: Grover Rotomatics o Kluson Waffleback! ;)
  16. A livello sonoro le trovo ottime se si deve ammorbidire uno strumento con troppo attacco o troppe medio-alte. A livello meccanico funzionano meglio di quelle in metallo per i motivi già citati, ovvero impronta della corda nella sede e rottura precoce della corda. Ad essere sinceri però il nylon delle reissue è diverso da quello delle originali anni'60. Il nuovo mi sembra più "trasparente" mentre quello originale più denso. Ma magari è solo una differenza estetica e a livello di caratteristiche meccaniche non cambia nulla.
  17. Usa del semplice vinavil stendendolo con un pennellino, funziona tranquillamente.
  18. Esatto, e poi anche come sono "fissati" è differente. Per i mini humbucker ci vuole una piastrina da avvitare nel legno su cui poi avvitare i pickups stessi.
  19. Dipende sinceramente a che modello stai puntando. Di V ce ne sono fortunatamente parecchie fra le quali scegliere. Puoi partire con le oneste Epiphone, in versione black o korina yellow. Sono strumenti assemblati più che bene e anche carini all'occhio ma rimangono delle chitarre poco più che entry level e giusto per togliersi lo sfizio. Ci sono poi le serie Gibson faded e Melody Maker. La MM è essenzialissima, un solo PU e dimensioni ridotte. Molto divertente ma anche molto limitata. Però costa come una Epiphone. La faded è basata sul modello 68 e ha finitura opaca. Body in tre pezzi, hardware cromato e pickups ceramici. Bella e molto spartana. Poi c'è la serie "gloss", molto più rifinita e forse meglio suonante. Io ne ho avuta una del 1991 e conservo un buon ricordo. Discorso diverso se nei tuoi sogni c'è una 1958 korina. Qui c'è solo il custom shop con cifre vicine ai 5mila euro e tempistiche di realizzazione davvero disumane. Sull'usato non te la cavi con meno di 3mila euro e il bello è che sono strumenti nemmeno storicamente corretti, specialmente le prime riedizioni anni'80 che sono simili solo nell'aspetto. Vero è che il white limba-korina è però un legno eccezionale, durissimo e con montagne di sustain. ZZ top docet
  20. Uh che news "fuffe" che mi hanno propinato :( era proprio lei, ricordo che il tizio si era esaltato per sta cosa del marchio "prototype" http://www2.gibson.com/Products/Electric-Guitars/SG/Gibson-USA/SG-50s-Tribute.aspx
×
×
  • Create New...