Jump to content
Gibson Brands Forums

Gontur

All Access
  • Posts

    426
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Gontur

  1. E' giunta l'ora di fare qualche aggiornamento. Ho deciso di fare una mezza pazzia e mi sono buttato sul Mesa Boogie Roadster. La bestiolina ha 4 canali e per OGNI canale: 1) 3 modalità di suono (ch1 clen/fat/tweed - ch2 clean/fat/brit - ch3 raw/vintage/modern - ch4 raw/vintage/modern) 2) possibilità di scelta tra 50 o 100 watt 3) possibilità di scelta del tipo di rettificazione 4) riverbero indipendente 5) fx loop attivabile/disattivabile La testata è decisamente non user friendly il che è una fortuna per me visto che il precedente proprietario l'ha venduta perchè "non riesco a tirarci fuori un suono bello". Obbligatoria la lettura del manuale Mesa e consigliabile dimenticarsi la smania del "gain a bomba".
  2. Mah, è già abbastanza difficile settare il compressore quando sta dove dovrebbe, figuriamoci mettendolo nel S/R. Nel S/R secondo me hai anche il problema nel passaggio da suono clean a suono distorto e viceversa. Il compressore, a parità di impostazioni, si troverebbe a lavorare su curve di segnale differenti ("smussate" vs. "squadrate"). Per evitare la saturazione delle finali non puoi semplicemente usare il compressore come limitatore? (thresold basso, time attack basso, compression ratio alto, gain fino a compensare la perdita di livello di segnale).
  3. Mi do la risposta da solo dopo aver contattato G-Lab: sì è tecnicamente possibile usare uno dei loop come ponte per spedire il segnale nel FX loop dell'amplificatore, MA molto probabilmente nascerebbero dei problemi di ground loop (rumore di fondo). A conti fatti quindi dovrei prendere la pedaliera GSC-3 e un looper midi tipo il M2L sempre della G Lab per la modica cifra di Euro 500 circa. Le altre alternative (voodoo lab etc) costano più o meno lo stesso. In più ci aggiungiamo altri cavi patch da acquistare e una nuova pedalboard per farci stare tutto l'armamentario.... A questo punto getto la spugna, mi prendo un TC G-System usato, nel loop preamp ci sbatto l'unico pedale da cui non mi separerò mai (carl martin compressor) gli altri pedali li vendo e uso gli effetti del G-System. Con buona pace del dilemma analogico->digitale->digitale->analogico.
  4. Ho un dubbio. Sto valutando l'acquisto di un GSC-3 in modo da accendere/spegnere effetti e contemporaneamente cambiare canale amplificatore tramite MIDI (mio ampli ha 4 canali). Il problema è che dovrei piazzare il compressore prima del pre. E' possibile attuare il seguente collegamento? Chitarra->input gsc3->loop1 send-> in compressore -> out compressore -> in amplificatore -> send amplificatore -> loop 1 return -> loop 2,3,4 etc -> out gsc3 -> return amplificatore In questo modo il segnale prima passa sempre per il loop1 dove c'è il compressore e poi va a finire nel send ampli, poi va agli effetti ambiente ed infine va al return ampli tramite l'out del gsc3. Nel manuale ovviamente tale configurazione non è contemplata il che mi fa pensare che sia una porcheria (magari a livello di impedenze etc). Voi che ne pensate? Ho messo un disegnetto così si capisce meglio. Untitled_02092015_110746.PDF
  5. Grazie per la spiegazione! Quindi negli amplificatori di basso wattaggio dove è presente solo una valvola finale il phase inverter non c'è, giusto? Sono andato a rileggermi i forum e in verità non si parlava di problemi tung-sol/phase inverter, ma di tung-sol/chatode follower Ecco uno dei post "Whether or not a valve is suited for duty in a CF arrangement depends almost entirely on it's spec'd heater-to-cathode voltage limits in this context, not plate voltage limits. Since quite a bit more voltage can appear on the cathode in a CF arrangement, filament reference becomes a concern. With 6.3vac from a grounded CT heater supply tap, the heater isn't elevated but a mere several volts above 0v chassis ground. Maximum h-k voltage for most 12AX7A's is 180v. With the Tung-Sol I seem to remember hearing it was something to the tune of only 75-100v. And since Vk can easily breach 120v in a cathode follower, well, you can see the problem. " Aggiungo un'altro quote di una review di una valvola EH trovata sul sito TAD: "A good tube to use in V1 and V2. Be careful using this tube in the cathode follower position (sometimes noted as V3 in some circuits) due to the high voltage that might be present in this position. Know your circuit; otherwise, play it safe and use something else."
  6. Del phase inverter che mi dite? che roba è?
  7. Che mi dite dei vari post letti in rete in cui dicono che le tung-sol 12ax7 e comunque le valvole prodotte negli stabilimenti New Sensor in Russia non vanno d'accordo con gli amplificatori con circuito phase-inverter? (nel senso che si bruciano facilmente) - baggianate? Tra l'altro non ho ben capito cosa sia questo phase inverter...
  8. Rick, tu hai nozioni di elettrotecnia e sai quello che stai facendo quando apri e metti le mani nell'amplificatore, vero? Anche da spento e scollegato dalla corrente quell'affare può essere MOLTO pericoloso. Le finali sono le Winged C, sì. Le chiazze sono "normali", guardati un po' di foto in rete delle winged C.
  9. Rick, lungi da me da fare un discorso da esperto, ma dalla catasta di articoli che ho letto in rete ti posso dire che il bias va sempre tarato se si sostituiscono le valvole FINALI, anche se uguali alle precedenti. Altra cosa che sconsigliano è quella di cambiare le valvole finali con modelli diversi (cioè passare da una EL34 a una 6L6 o a una KT77) o cambiare tipologia di certe valvole pre (es. montare una 12ax7 su un socket per le 12au7). Perfino nei mesa rectifier (costruiti ad hoc per le 6L6) dove è presente uno switch per "tarare" l'ampli anche all'uso delle EL34 scrivono che non è il caso di usare le EL34 perchè dai loro test è risultato che le valvole in questione si rompono con facilità sul mesa (addirittura consigliano avere una scorta di valvole e FUSIBILI a disposizione).
  10. Infatti Rick, 270€ di rivalvolata + 40-50€ per l'intervento del tecnico è una cifra veramente molto elevata. In alternativa c'è watford valves che vende un kit completo di valvole (le finali sempre le el34 winged c) per il mio amplificatore e verrei a spendere sui 210€. Mi chiedo: ne vale la pena? Ho girato parecchi siti per le valvole e più o meno i prezzi sono quelli, al massimo si trova qualche venditore che spara prezzi di 10-15€ in più sulla media di alcune valvole. Prova a dare un'occhiata a thetubestore (USA), Tube Amp Doctor (DE), Watford Valves (UK) e Hot Rox (UK).
  11. Toh guarda, state parlando di valvole proprio quando mi sto (forse) decidendo a dare una rivalvolata completa al mio amplificatore. Devo dire che sono rimasto alquanto sorpreso dalla complessità nella ricerca delle valvole. Ho contattato un noto rivenditore in UK chiedendogli consiglio sulle valvole del pre considerando che vorrei maggiore headroom nei puliti e suono meno acido con maggiore risposta sui bassi. Il rivenditore mi ha consigliato le TAD 12AX7 Mullard Style Premium (32 sterline all'una!! - ne devo prendere 3) e per la 12AU7 mi consiglia la Genalex Gold Lion (29 sterline..). Unitamente alle valvole finali EL34 winged C mi viene fuori 200 sterline, circa 270 Euro... Guarda caso mi ha consigliato le valvole più costose che ha in stock.. coincidenza? Voi avete mai avuto esperienze con quel tipo di valvole?
  12. I miei compagni di avventure musicali reputano che il sottoscritto sia anche in grado di fare alcuni assoli e mi ritrovo nella necessità di avere un po' di volume in più per uscire bene dal mix. Stavo valutando l'acquisto di un boost trasparente (non eccessivamente costoso) e avevo visto l'MXR MC-401. Vi chiedo: dove lo metto? Dopo compressore e prima del loop effetti oppure nel loop effetti? Se lo metto nel loop effetti lo piazzo prima o dopo delay e chorus?
  13. Ahah.. beh, l'impostazione è da chitarrista classico con polso sx quasi sempre aperto. La "tranquillità" è tutta un'illusione. Ero leggermente agitato e leggermente rigido come una statua di sale :) sulla SG non si discute - gran chitarrone
  14. Et voila, un estratto del primo concerto della mia vita (io sono lo zappatore sulla destra) https://www.youtube.com/watch?v=Eg5jPiKI4-M
  15. Quoto iso85. Per scaldare il suono userei pure io un delay. Per ammorbidire il suono acido non vedo alternative oltre ad un buon compressore.
  16. Sul Carl Martin mi sono già espresso: pedale fenomenale. Sulla LTD: dopo averla suonata per un po' devo dire che non ha nulla da invidiare alla SG, sia a livello di suono, suonabilità, sia a livello di finiture... anzi.. ....
  17. Gontur - La mia strumentazione
  18. SG Standard 2013. LA chitarra. Punto. Bellissima nella sua semplicità. Suona pure bene, bella aggressiva e pungente. Dotata di min e tune, che a parte essere estesticamente bruttino, è molto utile e funziona alla grande. Ecco l'ultimo recente acquisto. LTD EC1000T con i PAF Di Marzio 36th anniversary. Corpo in mogano e tastiera in ebano. I Di Marzio sono una bella sorpresa, molto articolati e definiti. Blackstar Series One 50w + Blackstar Cab 2x12 con i Vintage30. Molto versatile con l'unica pecca che gli manca quella punta di brutalità per poterci fare metal estremo. Difficile tirare fuori un suono "brutto", ma altrettanto difficile è trovare la combinazione tra EQ e riduzione potenza per trovare IL suono che uno cerca. Pedaliera essenziale per zappatori della domenica. La punta di diamante è sicuramente il Carl Martin Compressor da cui non mi separerò MAI.
  19. http://www.guitar9.com/studionine5.html
  20. Grazie per la segnalazione. Lo avevo già letto. Oltre a quello mi sono documentato con altri articoli più dettagliati tipo questo http://www.guitar9.com/studionine5.html. Ora il problema sta nel tip tap che devo fare per passare da un suono pulito compresso e con delay ad un overdrive pesante senza delay e senza compressione (che tende a diminuire il punch sui palm mute etc) :)
  21. Sì, ha un'alimentazione autonoma a 220v e ciuccia circa 2,5 watt. Il pedale non è user friendly e bisogna prima studiacchiare un po' di teoria per capire cosa succede quando si muovono i pot thresold, comp, resp e gain, ma una volta fatta un po' di pratica ci si può tirar fuori di tutto, dal limitatore, al boost per i soli, alla classica compressione che rende il suono più grosso/uniforme/presente. Con il mio "piccolo" 50watt finalmente con i suoni puliti esco dal mix senza avere quel fastidioso semi crunch che prima tanto mi faceva dannare. Alleluia.
  22. Preso il Carl Martin compressor. Vabbeh, venivo dal CS3.. una sola parola: meraviglioso. Ma realmente da restare a bocca aperta per come comprime il suono alterando solo minimamente il timbro dello strumento. Rumore di fondo sostanzialmente inesistente. Costa un botto, ma da un pedale così non mi separo più.
  23. Chiedo consiglio a chi ha più esperienza di me. Finalmente ho trovato un gruppo con cui suonare stabilmente. Facciamo genere vario dai Dream Theater, Alter Bridge, Queensryche, Metallica etc e io per lo più mi dedico alla parte ritmica. In certi brani avrei bisogno di qualche effetto ambiente, tipo delay o chorus e soprattutto un compressore almeno decente per riuscire a domare la cattiveria della mia SG sui suoni puliti. Attualmente utilizzo un Boss CS3 che (sigh) a parte tagliare volume, scurire il suono, implastichire il suono a livelli inimmaginabili altro non fa. Ora io vorrei rimanere sul minimo indispensabile, niente multi fx o robe similari. Ho buttato l'occhio sul Carl Martin Quattro. Compressore - overdrive - chorus - echo/delay. Pedaliera essenziale ma di buona qualità. Che ne pensate?
×
×
  • Create New...