Jump to content
Gibson Brands Forums
Sign in to follow this  
Prince Malagant

Gibson Cafè IX - Closed

Recommended Posts

Attualmente la mia scuderia cavi è formata da due coppie.

Una Quicklock tweed e l'altra Reference Ric 01 (rossi).

Mi trovo bene.

 

Ho avuto modo di provare dei Vovox e si sentiva che le chitarre suonavano più definite ma sinceramente penso siano finezze che si apprezzano solo in studio e in registrazione.

 

Puoi darmi il codice del Quiklock? [thumbup]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buonasera carissimi, mi chiarite per favore la differenza tra i vari modelli di es 335?

Ho visto che ne girano diverse versioni, dot, block, di produzione sia custom shop sia USA.

I prezzi ovviamente cambiano sensibilmente.

 

Tanto per fare un esempio di due annunci di negozi online che trattano usato:

 

http://www.yourmusicguitars.com/index.php/it/chitarre-elettriche/chitarre-elettriche-hollow-body/1991-gibson-es-335-faded-cherry-pickup-57-classic-detail

 

http://www.scolopendra.it/?pname=dettaglio_strumento&ID=40661&a=1

 

per ora è solo un dubbio ma in un futuro chissà... :)

 

grazie :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stavo confrontando il diamante 5 pezzi della custom di diverse annate... vi risulta che sia a volte sensibilmente più grande (fino quasi a toccare le meccaniche di SI e LA) e altre (tipo Reissue) molto più piccolo? Esiste un "anno del cambiamento" o come il più delle volte in casa Gib, è a "discrezione" di chi assembla?

 

Posto qualche foto dove si nota la differenza...

 

http://i1039.photobucket.com/albums/a476/DiegoR8/1959452_1363893859_zps1ea803f5.jpg

http://i1039.photobucket.com/albums/a476/DiegoR8/3318109_1384962423_zpsdf32b599.jpg

http://i1039.photobucket.com/albums/a476/DiegoR8/3683548_1405527489_zps2ec5cc0f.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardate..... non sono sicuro al 100%, ma credo che il diamante sia sempre lo stesso. L'effetto è dato dalla dimensione delle rondelle, dalle proporzioni della paletta (che cambia da modello ed anno) e dalla distanza dei fori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarà, ma da tempo ho notato in diverse foto d'epoca che il 'diamante' mi pare più piccolino di quello che dovrebbe. Specialmente su ES ( vado a memoria ), ma anche su qualche LPC ( a cavallo fra anni 60 e 70? ).

Se volete le cerco.

C'è una hollow in particolare, che mi aveva incuriosito perchè l'inlay in questione era veramente piccolo rispetto allo 'standard' ( ma al brucio non chiedetemi qual'era, che non mi ricordo, sono stanco e gli anni si fanno sentire [biggrin] ).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarà, ma da tempo ho notato in diverse foto d'epoca che il 'diamante' mi pare più piccolino di quello che dovrebbe. Specialmente su ES ( vado a memoria ), ma anche su qualche LPC ( a cavallo fra anni 60 e 70? ).

Se volete le cerco.

C'è una hollow in particolare, che mi aveva incuriosito perchè l'inlay in questione era veramente piccolo rispetto allo 'standard' ( ma al brucio non chiedetemi qual'era, che non mi ricordo, sono stanco e gli anni si fanno sentire [biggrin] ).

 

vediamo se appena mi libero riesco a ricordarmi di controllare con le mie Custom, periodo incasinatissimo ](*,)

Share this post


Link to post
Share on other sites

E anche questa ( però ignoro l'anno, è in una 'collezione' di palette dove si vedeva l'evoluzione del marchio negli anni ):

30U-14736_headstock-front.jpg

... potrei dire fine anni '60 visto che ha ancora l'headstock veneer, però ha anche il puntino (!) sulla I, e invece la B e la O aperte sono corrette ... non capisco ( aggiunto dopo, visto che non è neppure allineato?).

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ultima delle tre che ho postato é una reissue 57 vos e dovrebbe riprendere esattamente le specifiche di quell'anno... Non so, ma quelle degli anni 80-90 mi sembra che il diamante sia decisamente più grande in entrambe le dimensioni. Può essere che abbiano ridimensionato la paletta ma se hanno anche spostato l'interasse dei fori allora la cosa dovrebbe essere abbastanza documentata... Magari saranno seghe da appassionati però, come si dice, il diavolo sta nei particolari... [tongue]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mat, piuttosto, ci dici qualcosa sul Kemper? Grazie!

 

Luca, a novembre saranno due anni che ne possiedo uno, ti incollo la risposta, ormai vecchia di più di un anno, che diedi in privato a degli amici.

Ci sarebbero fiumi di parole da aggiungere, soprattutto se non si vuole restare in ambito generale..

Tipo le migliori casse da accoppiare per suonare in live ( per chitarra o full range), le prove che ho fatto con quelle a mia disposizione, lo sviluppo del software, i software di gestione accessori e mille altre cose.

Magari con calma... in seguito. [cool]

Visto l'interesse, allora i prossimi clip della Robinson li farò con il KPA.

 

...giusto qualche opinione che mi sono fatto in ormai circa un anno di frequentazione del KPA.

 

- Non è mai esistito nulla di simile e neanche lontanamente paragonabile, AXE FX II mk2 compreso, in quanto a realismo, dinamica, suonabilità, credibilità delle saturazioni, fedeltà agli ampli profilati di cui è capace di rubarne l'anima .

 

Effettivamente è stata aperta una nuova pagina nel mondo di registrazione della chitarra.

 

Perchè parlo di registrazione e non di amplificazione?

Semplicemente perchè nonostante le possibilità di suonare live l'attrezzo, credo fermamente che il suo habitat ideale sia lo studio di registrazione, anche inteso in ambito home recording.

 

Il meglio di se infatti il KPA non lo esprime quando deve sostituire un ampli che suona sparato di fronte a noi, (lì siamo ancora lontani), ma quando va a sostituire un'intera catena di ripresa fatta di amplificatore, uno o più microfoni e preamplificatori microfonici.

Se infatti andiamo al confronto diretto A/B tra una catena siffatta e la stessa "profilata" tramite il KPA e ascoltiamo il tutto passando per scheda e convertitori attraverso una buona coppia di monitor, ecco che allora c'è veramente da farsi cadere la mascella a terra.

 

Come dicevo c'è chi lo usa anche in live, ed effettivamente ci sono situazioni in cui a causa degli scarsi mezzi o dell'imperizia dei fonici, il risultato può addirittura essere migliore di quello ottenuto con l'ampli ripreso sul palco.

 

Però, anche se ora esiste addirittura la versione con il finale di potenza onboard (che poi non è che ci volesse molto a inserire un buon finale di tipo neutro come richiesto dalle caratteristiche proprie del KPA per rendere al meglio in live) , il Kemper ha sempre permesso di uscire, sia con il profilo completo dell'ampli, quindi verso una cassa a tutta banda e sia con un segnale caratterizzato dal "cabinet off", quindi verso una cassa per chitarra.

Dai molti confronti che ho fatto direi che in quel territori ancora la differenza con l'ampli "reale" è enorme.

 

Insomma la sensazione che si prova ad avere di fronte un ampli che ti spara nella pancia è tuttora inarrivabile; diverso invece se si parla di ripresa, sia in studio che sul palco.

 

In tutto questo ho tralasciato volutamente l'abbondanza infinita che il Kemper permette,

ma quello è un discorso che in parte mi lascia scettico e che comunque a volte finisce per essere controproducente.

Tipico infatti il caso di chi finisce per collezionare centinaia e centinaia di profili più o meno mediocri, finendo nella solita spirale del collezionismo che allontana dal suonare.

 

I profili sono alla base del processo e la loro qualità è tutto.

Meglio venti buoni che duemila così, così

 

Francamente anche i profili che venivano dati fino a dieci giorni fa con la macchina li considero mediocri e per la maggioranza inutilizzabili, ora finalmente hanno aggiunto qualcosa di buono anche se sono profili parziali e incompleti.

Comunque non vorrei ora mettermi a blaterare sui profili altrimenti non la finiamo più

Share this post


Link to post
Share on other sites

Luca, a novembre saranno due anni che ne possiedo uno, ti incollo la risposta, ormai vecchia di più di un anno, che diedi in privato a degli amici.

Ci sarebbero fiumi di parole da aggiungere, soprattutto se non si vuole restare in ambito generale..

Tipo le migliori casse da accoppiare per suonare in live ( per chitarra o full range), le prove che ho fatto con quelle a mia disposizione, lo sviluppo del software, i software di gestione accessori e mille altre cose.

Magari con calma... in seguito. [cool]

Visto l'interesse, allora i prossimi clip della Robinson li farò con il KPA.

Grazie Arch, mi era completamente sfuggito il fatto che ne avessi uno anche tu!

In effetti sto tostapane teutonico pare tanto sgraziato quanto tecnicamente riuscito, ne leggo solo bene.

Per me sarebbe solo un capriccio quindi, come tale, è ancora troppo caro.

Aspetto di sentire nuovamente la tua stupenda 335 allora... [thumbup]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora al volo ma proprio al volo ne ho prese due dei primissimi anni 70 ( la seconda è un '71 sicuramente ):

 

 

 

 

La mia sx del '95 aveva (ha anzi perchè se la spupazza Andrea) il Diamond così grande che toccava sulla campana. Così per la SB '07 ultima avuta.

 

DIAMOND_zpsda93d718.jpg

 

Curioso che tutti gli headstock che ho usato per i miei lavori sono esattamente, ma proprio esattamente uguali a questi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...