Jump to content
Gibson Brands Forums
Sign in to follow this  
Prince Malagant

Gibson Cafè IX - Closed

Recommended Posts

Bimbi questa deve ancora uscire, è la nuova Collector Choice e sicuramente non la comprerò.... [unsure] [unsure]

 

@mosquito: comunque sì uso il wrap sulla R8, mi trovo molto bene, le corde sono più morbide, il sustain cala un po' ma secondo me il suono ne giova... poi son gusti! [thumbup] [thumbup]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con questa luce non mi fa impazzire ad essere sincero...

A quale chitarra storica è ispirata? Si sa nulla ancora?

 

Gabri questa nella foto è l'originale, seriale 9-0850, appartenente a Vic DaPra, si dice che esca ad ottobre, io son curioso di vedere cosa salta fuori, un top chevron così molto regolare e con questa fiamma larga non è semplice da trovare! [thumbup]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io aspettarei la 1959 di Bonamassa

 

La Skinner?? SE dovesse uscire (ma probabilmente sì).... sarei un uomo rovinato.... [crying] [crying] [crying]

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Skinner?? SE dovesse uscire (ma probabilmente sì).... sarei un uomo rovinato.... [crying] [crying] [crying]

Da quanto scritto sul sito di Bona uscira' eccome… comincia a riempire il porcellino per me sara' la CC# piu' bella di tutte e mi sa che i migliori legni li stiano tenendo per lei

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da quanto scritto sul sito di Bona uscira' eccome… comincia a riempire il porcellino per me sara' la CC# piu' bella di tutte e mi sa che i migliori legni li stiano tenendo per lei

 

 

Qualcuno mi sa spiegare quali sono i criteri di selezione del legno? Perchè secondo me oltre al peso per il mogano, e all'estetica (fiammature, ecc..) per l'acero del top non c'è altra selezione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo vorrei saperlo anche io...

Chissà magari hanno ancora delle tavole di mogano con stagionatura naturale che si tengo solo per particolari signature o cc...

Boh, è una cosa realmente impossibile da verificare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo vorrei saperlo anche io...

Chissà magari hanno ancora delle tavole di mogano con stagionatura naturale che si tengo solo per particolari signature o cc...

Boh, è una cosa realmente impossibile da verificare.

 

Con stagionatura naturale non credo... usavano i forni per essiccare anche nei '50.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno mi sa spiegare quali sono i criteri di selezione del legno? Perchè secondo me oltre al peso per il mogano, e all'estetica (fiammature, ecc..) per l'acero del top non c'è altra selezione.

L'acero del top viene selezionato sulla base delle venature che devono essere le piu' fedeli possibili a quelle della chitarra di riferimento

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo vorrei saperlo anche io...

Chissà magari hanno ancora delle tavole di mogano con stagionatura naturale che si tengo solo per particolari signature o cc...

Boh, è una cosa realmente impossibile da verificare.

Esattamente, e ci sono anche testimonianze da parte di chi ha visitato la fabbrica.

Purtroppo molti legni sono andati perduti con il famoso alluvione, ma molti di essi sono stati recuperati e ristagionati con essiccatori

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno mi sa spiegare quali sono i criteri di selezione del legno? Perchè secondo me oltre al peso per il mogano, e all'estetica (fiammature, ecc..) per l'acero del top non c'è altra selezione.

 

Bella domanda....è da tanto che me lo chiedo. Credo sia un fatto più che altro estetico. Anche perchè, per stessa ammissione della Gibson (letto in un articolo che ho postato pure qui non molto tempo fa), le qualità sonore di un pezzo di legno il più delle volte si possono valutare solo a strumento finito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella domanda....è da tanto che me lo chiedo. Credo sia un fatto più che altro estetico. Anche perchè, per stessa ammissione delle Gibson (letto in un articolo che ho postato pure qui non molto tempo fa), le qualità sonore di un pezzo di legno il più delle volte si possono valutare solo a strumento finito.

e dopo un po' di tempo… spesso e' gia' stato venduto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche io sto impazzendo sulla questione ampli, cerco un valvolarotto da un bel pezzo...

Il problema è che mi dovrebbe coprire "tutto" dal funk all'heavy metal passando dal blues e dal rock.

 

Lo so che è impossibile ma sto cercando di capire qual'è il compromesso migliore.

 

Mi era piaciuto un casino il blues deville, che però non è proprio adatto al metal se non pesantemente pedalato.

 

Ora mi sto guardando i vari mark IV usati su internet, ma costano cari e sono tutti "molto usati".

 

Quindi sto passando a considerare la serie blackstar (mi pare si chiami HT).

 

Ma è veramente un dramma decidere :P :P

 

Un solo nome: Mesa mark 3 green stripe. Batte il 4 e il 5 10/0. Dal 4 in poi hanno aumentato la tensione, e non hanno piu' quel calore e timbro che ne hanno fatto una pietra miliare fino al mark 3. Ovviamente questa non e' la mia opinione, ma quella di uno dei maggior esperti di ampli in italia e anche di tutti gli estimatoi della serie mark, di cui la maggior parte o possiede il 2 o il 3 ed anche il 5, oppure vende il 5 per tornare alle serie precedenti.

 

Io ti posso dire: clean da twin reverb ( ed io il twin lo ho del 1966) crunch marshall e tutto quello che ti passa per la testa. L'importante e' prendere la versione con l'equalizzatore.

 

Non e' un ampli, e' una macchina da suoni. Se hai in mente un suono, con il mark 3 lo tiri fuori, qualsiasi esso sia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho il Mark V, e sono contento ogni giorno della scelta fatta!

Ho suonato ed ascoltato il IV. Gli altri precedenti li ho visti solo in video od ascoltati nei dischi, quindi non li conosco ma a quanto sento sono ottimi.

Ovviamente mi piace pensare che i più nuovi siano i migliori altrimenti secondo me verrebbe meno il concetto di miglioria tanto paventato al momento di ogni cambiamento [biggrin]

 

Ma non voglio andare fuori tema e nemmeno voglio iniziare una discussione su questo in quanto le mie conoscenze di componentistica sono praticamente inesistenti, volevo solo dire che il MKV è un ampli a mio parere ottimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un solo nome: Mesa mark 3 green stripe.

 

Ho visto i vari mark III su mercatino e devo dire che usati hanno dei prezzi molto "umani" rispetto ai colleghi più moderni.

Potrebbe essere da prendere seriamente in considerazione.

Ma che differenza c'è tra GREEN STRIPE, BLUE STRIPE, PURPLE STRIPE ecc??

 

Visto che sono tutti modelli che hanno una 30ina di anni, che cosa deve guardare uno al momento della prova per vedere se l'ampli è realmente in buone condizioni?

Questo come principio generale per la compravendita di ampli usati, visto che mi vorrei orientare lontano dal nuovo per risparmiare qualche eurino...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho il Mark V, e sono contento ogni giorno della scelta fatta!

Ho suonato ed ascoltato il IV. Gli altri precedenti li ho visti solo in video od ascoltati nei dischi, quindi non li conosco ma a quanto sento sono ottimi.

Ovviamente mi piace pensare che i più nuovi siano i migliori altrimenti secondo me verrebbe meno il concetto di miglioria tanto paventato al momento di ogni cambiamento [biggrin]

 

Ma non voglio andare fuori tema e nemmeno voglio iniziare una discussione su questo in quanto le mie conoscenze di componentistica sono praticamente inesistenti, volevo solo dire che il MKV è un ampli a mio parere ottimo.

 

ATTENZIONE!!! Non ho detto che il 4 o il 5 non siano buon ampli!!! Stiamo parlando di mesa e di mark!!! Ho detto che in mesa hanno adoperato delle scelte tecniche che si sono discostate dal passato, orientandosi ad un tipo di sound differente da quello che ha reso la serie Mark cosi' famosa.

Ci mancherebbe!!! Il mark 5 e' un ottimo amplificatore sicuramente piu' fruibile del 3, ma come tono siamo molto distanti, il mark 5 e' moderno come suono.

 

Per quanto riguarda la differenza tra le varie stripe, questo e' quello che devi sapere:

 

The legacy of Mark 3’s:

 

In order, the stripes were:

None or Black Stripe

Purple Stripe

Red Stripe

Blue Stripe

Green Stripe

 

As with all things MESA, what these various stages represent are a matter of opinion with respect of the sound character. They represent snapshots in time of the development of an amplifier line. If the amplifier gets you the tone you want, the jiffy marker is nothing more than a mark of its vintage.

 

#1 - No mark, or a little dot. Only a few hundred then some black marks or "+" 's.

- Lean and powerful amp with more output power than a IIC+

 

#2 - Purple: reshaping of R2

- R2 was shaped to be more "rounded" and less gain, with improved level

 

#3 - Red: R2 is like current Mark III

- R2 further developed and very hot. Lead mode is also tweaked to close in on the IIC+ sound

 

#4 - Blue: Reshaping of R1

- More aggressive preamp gain - reshaping of R1, Power section made akin to IIC+

 

#5 - Green/Simul-Class: Final R1 and Lead Channel reshaping

- Cleaner R1, Lead channel reshaping, and unlike other Simul-Class amps, these Mark III's were wired in Pentode - NOT triode in the Class A sockets for more power. Power section is same as Blue.

 

Considera che il Green stripe lo hanno fatto fino al 91 e oltre, addirittura se la memoria nn mi inganna, fino al 94????

 

Per cio' che riguarda quello che devi controllare, l'importante e' che l'ampli funzioni senza problemi, che i pot push pull funzionino, che non abbia fruscii indesiderati (il mark 3 anche ad alti livelli di gain e' silenziosissimo). Diciamo che una prova per un oretta a livelli adeguati, intervallata da un paio di stand by, dovrebbe escludere magagne. La prova del 9 e' controllare, una volta scaldato per bene, che i trasformatori non scottino a livello da non poterli toccare, devono essere caldi ma nn roventi.

 

Cmq se vuoi piu info sul mark 3, contattami in privato, che la cosa e' lunga!!! Sono ampli eccezzionali, ma ci sono alcune cose da tenere in considerazione, onde poi non trovarsi a proprio agio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Del Mark, mi pare a partire dalla serie 3, sono sempre esistite 3 versioni: combo, wide combo e testata. Poi ci sono sempre state delle finiture particolari, come quelle tutte in legno. Ora la mesa offre tutto un catalogo di customizzazioni, a partire dal rivestimento a finire dalle scritte. Cmq gran bei amplificatori; il mark, specialmente nella versione 5, e' l'ampli piu' versatile sulla faccia del pianeta.....peccato che non suoni come il mark 3 !!!!! [flapper] [flapper]

 

EDIT: fecero anche una versione denominata COLISEUM, mi pare a partire dalla serie 2, che prevedeva un cono da 15".

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...