Jump to content
Gibson Brands Forums
Sign in to follow this  
Cellao

Pareri pickup Gibson 498T

Recommended Posts

Prima di buttare il 490T, siamo sicuri che sia stato regolato al meglio?

Dopodiché personalmente sarei molto attratto dalla coppia 490R-BB2; pur avendoli sempre avuti separatamente, ho l'impressione che potrebbero formare un bel set.

Detto però da chi non usa mai distorsioni pesanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima di buttare il 490T, siamo sicuri che sia stato regolato al meglio?

Dopodiché personalmente sarei molto attratto dalla coppia 490R-BB2; pur avendoli sempre avuti separatamente, ho l'impressione che potrebbero formare un bel set.

Detto però da chi non usa mai distorsioni pesanti.

 

Ho provato a regolarlo più volte, alzandolo ed abbassandolo: per me rimane privo di carattere ed anonimo. Proprio non mi piace... :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai provato una chitarra con un pu bridge che avesse quello che cerchi? Almeno così hai un'idea.

Però, per una curiosità, tornerei al SD linkato sopra. Ascoltati i sample.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Cellao. Presumo che i 490 non abbiano un uscita bassissima... se volessi accoppiarlo con un 57, penso sia il caso di montare il plus, altrimenti per bilanciare i 2 pickups saresti sacrificato ad allontanarne troppo uno con conseguenze sonore... Hard rock/ Blues, beh, espressione ci vuole.. quindi anche attacco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vero.

Anche se in realtà, come rispondevo al Pard più sopra, io ho provato a mettere un 490 al ponte al posto del 498 ( quindi 8,x contro 14,x K ) e sinceramente non avevo incontrato problemi nel livellare il tutto.

Del resto storicamente, era pratica normale mettere lo stesso PU sia al manico che al ponte.

Diversa cosa sarebbe il mix 490-57, visto che se non erro il 57 gira dalle parti del 7,x K.

Piuttosto due 57 ecco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, io non li metterei il 490R ed il 57 anche se plus, perché sono 2 "suoni diversi" .. invece come dice Archverb mischierei di più un BB ed un 490. Sono sicuramente più vicini come genere.

Poi in effetti sia come dici te Prince, bisogna vedere il singolo pickup come esce.... magari fossero tutti uguali; quello che si scrive poi resta sempre su base teorica, poi entrano in gioco altri 20 fattori e bisogna sentire la "tot" chitarra da accesa come suona...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, io non li metterei il 490R ed il 57 anche se plus, perché sono 2 "suoni diversi" .. invece come dice Archverb mischierei di più un BB ed un 490. Sono sicuramente più vicini come genere.

...

 

Pensa che io invece avrei detto il contrario... comunque io ci metterei un 498T.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premettendo che non l' ho mai provato, mi incuriosisce abbastanza il SD Antiquity bridge, di cui al My link

Commenti? [biggrin]

 

In quanto alla coverizzazione anch'io preferisco gli HB coperti. In realtà ci dovrebbe essere un minimo di scurimento del suono ma è difficile notarlo e se non ami i suoni eccessivamente aperti, su un bridge non guasta [smile] imho

 

Fatto, montato l'Antiquity al ponte della R8, con un BB2 al manico.

E a dire il vero, ho anche registrato 5-6 minuti di sample giochicchiando coi volumi e tirando l'ampli in crunch (roba che tra un po' mi vengono ad arrestare), ma tanto non importa a nessuno.

 

L'Antiquity mi risulta molto aperto -accoppiato coi pot da 500k e wiring '50s-, brillante, che poi con il mio ampli il tutto diventa un rasoio o quasi. Tono quindi piantato a "4" (o meno) di fisso, se suonato con il canale high.

Bilanciamento volumi OK, e il BB2 mi risponde meglio al manico che al ponte (dove risultava acido e incolore). Non oso pensare su una SG quanto poco corpo possa avere, il BB2.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fatto, montato l'Antiquity al ponte della R8, con un BB2 al manico.

E a dire il vero, ho anche registrato 5-6 minuti di sample giochicchiando coi volumi e tirando l'ampli in crunch (roba che tra un po' mi vengono ad arrestare), ma tanto non importa a nessuno.

 

L'Antiquity mi risulta molto aperto -accoppiato coi pot da 500k e wiring '50s-, brillante, che poi con il mio ampli il tutto diventa un rasoio o quasi. Tono quindi piantato a "4" (o meno) di fisso, se suonato con il canale high.

Bilanciamento volumi OK, e il BB2 mi risponde meglio al manico che al ponte (dove risultava acido e incolore). Non oso pensare su una SG quanto poco corpo possa avere, il BB2.

 

... e invece ti posso assicurare che sull'SG il BB2 il "corpo" ce l'ha eccome (e con pots da 500 e wiring '50).... quanto agli Antiquity ho sentito pareri discordanti, in particolare qualcheduno me li ha descritti come molto "lamettosi" e quindi non adatti a tutte le chitarre (il che non vuol necessariamente dire brutti eh!) ... in merito comunque taccio non avendoli mai provati personalmente...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh, vedi, adesso bisognerebbe metterlo al neck (sto parlando del SD) e vedere se è lamettoso anche là. È questo che mi lascia un po' perplesso in questa ricerca del caldo al neck. Il caldo c'è l'hai al manico, qualsiasi pu si metta sotto-ponte si asciugherà, anche un 490. Mi sa che in questa ricerca il rischio sia quello di andare a rincorrere punti invisibili come i cani tra la sabbia del mare d'inverno...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Senza disturbare le visioni e i cani, io al ponte parlerei di "pancia", di corposità, non di calore.

La stessa "pancia" che al manico può risultare fastidiosa e troppo gonfia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sai che sono convinto che se al ponte ( ma non solo ) una certa chitarra suona in una certa maniera, a voglia a cambiargli PU ? ... ( parlo di roba che monta già roba degna, ovviamente )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sai che sono convinto che se al ponte ( ma non solo ) una certa chitarra suona in una certa maniera, a voglia a cambiargli PU ? ... ( parlo di roba che monta già roba degna, ovviamente )

 

Ma sì, anche a me viene questa sensazione alla finfine. E' una SG, corpo stretto, manico lungo, roba nervosa. Poi è inutile, le frequenze delle corde là sono quello che sono. Qualcosa in Alnico II, dell'output non mi preoccuperei più di tanto, se ricerco un po' di corposità. Tutto IMHO ovviamente, mica sono il più quotato a spararle su questi argomenti qua hihi!!

Poi mi provo adesso adesso, ce l'ho sulle ginocchia, il mio 498T Alnico V e osti, come sempre concludo che non gli manca niente. Lo sento bello come sempre, gli dò piano mugola, lo pesto scàina come un cane, salta su dal 490 come montasse in piedi su una sedia... Asciutto ma sempre rotondo giù in fondo al profondo. Suono solo pseudoblues alla Mountainman che altro non so fare ziobilly. 490-498, coppia perfetta come io con la Sandra msp_lol.gifE' inutile, la conclusione è una sola: gusti, gusti e basta, come quello che si puliva il didietro con le ortiche e si divertiva un mondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedi mo' che io invece suono quasi sempre pulito, massimo col TS808 a zero sul controllo OD msp_biggrin.gif

(Sentiamoci per merco-giovedì che guardo se riesco a sforare, poi ti spiego perchè cool.gif )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sai che sono convinto che se al ponte ( ma non solo ) una certa chitarra suona in una certa maniera, a voglia a cambiargli PU ? ... ( parlo di roba che monta già roba degna, ovviamente )

 

Sono arrivato anch'io a questa considerazione.

Per carità, ci stanno tutti i distinguo del caso, ma la mia esperienza mi porta a credere che ci sono dei connotati che possono sempre restare sotto, che nel bene o nel male non riesci a cambiare od eliminare.

Per dirla tutta, tanto per chiacchierare, è questo il fattore che mi ha fatto vendere l'ultima Squier con decisione invero molto tribolata. Sentivo qualcosa che non mi andava pur a fronte di uno strumento per certi versi sorprendente, ero tentato da un cambio magneti ma poi ho preferito mollare la presa, avendo il timore di investire tempo e denaro in un monta/smonta/cambia magneti tenendomi sotto sotto, alla fine della fiera, quel saporino che non mi garbava.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono arrivato anch'io a questa considerazione.

Per carità, ci stanno tutti i distinguo del caso, ma la mia esperienza mi porta a credere che ci sono dei connotati che possono sempre restare sotto, che nel bene o nel male non riesci a cambiare od eliminare.

Per dirla tutta, tanto per chiacchierare, è questo il fattore che mi ha fatto vendere l'ultima Squier con decisione invero molto tribolata. Sentivo qualcosa che non mi andava pur a fronte di uno strumento per certi versi sorprendente, ero tentato da un cambio magneti ma poi ho preferito mollare la presa, avendo il timore di investire tempo e denaro in un monta/smonta/cambia magneti tenendomi sotto sotto, alla fine della fiera, quel saporino che non mi garbava.

 

Quoto in toto. Stessa cosa che ho sentito io con la 339: manico stupendo, colore che mi attizzava, suonabilità perfetta...insomma ottime qualità e strumento di pregio ma quando le accostavo in ABC (via una sotto un'altra) con le altre mie chitarre mi rimaneva sempre un che di perplessità..... alla fine è andata. Oggi, con tristezza, mi separo dalla 335 e qui nulla da dire se non che sarà sacrificata per un attacco di GAS (bisogna essere realisti perchè non c'è alcuna sensata altra motivazione).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guarda, i miei legnetti sono tutti very original, a parte due su cui ho fatto esperimenti:

la Stratovecchia, che ha visto tre set di PU e ora monta GFS grey bottom,

la LPC che ha 490+490+498 e li rimane ... questa ha visto pure il 490 al ponte, e addirittura un set di P98 ...

... e sono arrivato alla stessa vostra convinzione: cambia qualcosina a livello di sfumature, ma il carattere di fondo se è quello, quello rimane.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non sono mica tanto d'accordo con voi in quanto ho avuto esperienze ben diverse... Quando sulla Standard ho provato i Burstbucker il sound cambiava eccome rispetto ai 490-498; ovvio era sempre il suono di una Les Paul (e ci mancherebbe altro, mica mi aspettavo suonasse da Telecaster), ma il timbro era un bel po' diverso specialmente al ponte, mica erano tanto solo sfumature... infatti sulla mia i BB sono durati poco.

Su un'altra invece, dove sono passato da una coppia di P94 ai GFS Surf 90, il cambiamento è stato ancora piu' drastico... adesso sembra un'altro strumento.

 

Altrimenti non mi spiego perchè c'è tutta questa mania di cambiare i pickup stock (cosa che peraltro io non amo fare... attualmente ho 7 chitarre di cui 6 montano i pu originali...), magari con altri boutique da fior fior di euro... non credo sia solo suggestione (beh, magari un po' si... [biggrin] )

Mi sembra ad esempio che a molti i 490-498 facciano pena e che li abbiano cambiati a dir loro con enorme soddisfazione... se fossero come dite voi solo sfumature non mi spiego allora perchè quelli originali facevano pena mentre i nuovi sono eccezionali, se alla fine lo strumento suona comunque praticamente uguale.

Se alla fine il suono lo fa il legno tanto vale mettere su 2 pickup cinesi ceramici da 2 soldi e via...

Ovvio che non bastano dei nuovi pu per far diventare una epiphone una R9, ma se si ha anche un po' di fortuna nella scelta un cambio di pu mirato alle volte può trasformare un onesto strumento in uno piu' che discreto, se non ottimo.

Alla fine è un insieme di cose, e non è detto poi che se un PU costa tanto suoni per forza meglio... la Strato Japan 72 che ho venduto ad esempio, con su dei PU Fralin da 300 e passa euro solo loro, mi piaceva molto meno della mia Starfield simil-strato che ho pagato usata 150 euro, con i suoi originali pickup giapponesi, per dire...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ripeto, la mia esperienza porta a credere che ci sono alcune componenti della resa sonora dello strumento che nonostante il cambio magneti restano inalterate e che - se non ci garbano - vanificano un po' lo sforzo.

Questo è quello che ho scritto, e che a mio parere costituisce un grosso "fattore di rischio" a fronte delle aspettative riposte nel cambio pick-up. Il che, sempre a mio parere, non è certo un'azione inutile in senso assoluto o priva di risultati tangibili, figuriamoci. E' di palmare evidenza che a cambiare magneti il suono cambia, se tanto o poco, se son sfumature o meno, se in meglio o in peggio, dipende da tanti fattori, però a me sembra che in certi casi quel qualcosina che magari non ci piace, alla fine della fiera non si riesce a cambiare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Altrimenti non mi spiego perchè c'è tutta questa mania di cambiare i pickup stock (cosa che peraltro io non amo fare... attualmente ho 7 chitarre di cui 6 montano i pu originali...), magari con altri boutique da fior fior di euro... non credo sia solo suggestione (beh, magari un po' si... [biggrin] )

Beh questa, te la devo quotare integralmente [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...