Jump to content
Gibson Brands Forums
Prince Malagant

Gibson Cafè X

Recommended Posts

Il seriale è A 92133, io ho provato a cercare ma non sono riuscito a capire di che anno è...

 

Dovrebbe essere la 133-esima Historic ES prodotta nel 2002

A e 9 confermano che trattasi di una "1959 ES-335 - dot inlays" [wink]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dovrebbe essere la 133-esima Historic ES prodotta nel 2002

A e 9 confermano che trattasi di una "1959 ES-335 - dot inlays" [wink]

Ciao Ermanno,

il tizio mi dice che è stata prodotta nel 2012, non nel 2002...vabbè non credo che faccia tutta questa differenza, devo solo sentire come suona [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Ermanno,

il tizio mi dice che è stata prodotta nel 2012, non nel 2002...vabbè non credo che faccia tutta questa differenza, devo solo sentire come suona [biggrin]

Azz... pensavo che il serial a 6 cifre fosse una prerogativa di anni precedenti; comunque in effetti il 2 può benissimo riferirsi al 20012. In tal caso, mi chiedo come si possa distinguere 2002 da 2012: una 2008 che avevo aveva appunto un 8; comunque Gibson dice questo:

Historic ES MODELS (since 1995):

(A or B )-MYRRR

M is the model year being reissued

Y is the production year

RRR indicates the guitar's place in the sequence of Historic ES production for that year.

Reissue model codes:

2= ES-295

3= 1963 ES-335 (block inlays)

4= ES-330

5= ES-345

9 with an "A" prefix = 1959 ES-335 (dot inlays)

9 with a "B" prefix= ES-355

 

Si... la cosa importante è provarla [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora ieri ho provato la Gibson Songwriter Studio Deluxe da essemusic... Che dire...eccezionale, manico un po' cicciotto forse e alquanto "durina" ma io sono abituato al modello Selmer Maccaferri che poco " c'azzecca" con le dreadnought... Però leggo qua e là che il modello Standard avrebbe un profilo diverso, più comodo.

Inoltre quest'ultimo modello monta l'elettronica ellipse aura che permette diverse regolazioni.

Bah, la chitarra da amplificata suonava egregiamente senza bisogno di ulteriori regolazioni però... E a me piacciono di più gli inlays a parallelogramma che a diamante...

Qualcuno conosce ulteriori sensibili differenze tra il modello Standard e Studio? La differenza di prezzo é senz'altro una di queste...intorno ai 500-600 €!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao raga, ho visto che gibson produce QUESTA e sembra davvero molto bella, qualcuno di voi l'ha provata e mi sa dire di più?

Ho voglia di una semiacustica e questa sta sui mille, quindi, mi tenta parecchio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao raga, ho visto che gibson produce QUESTA e sembra davvero molto bella, qualcuno di voi l'ha provata e mi sa dire di più?

Ho voglia di una semiacustica e questa sta sui mille, quindi, mi tenta parecchio.

Mai provata ma l'ho sempre trovata interessante per quello che costava da nuova, anche se in realtà delle caratteristiche tipiche delle semiacustiche ha ben poco.

Il problema è che non credo la producano più e quelle che si trovano in giro hanno prezzi poco giustificabili.

 

 

Edit: in realtà vedo che il solito store teutonico ora ne ha ben tre nuove disponibili... [blink]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Domanda: ho sempre notato che la parte più chiara del burst delle Gib interessa la pancia del body e sfuma nel colore più scuro sulla parte anteriore, dove sta l'attaccatura del manico, e coprendo completamente lo switch, tipo così per capirsi:

 

lespaul-std-1980_bf.jpg

 

Ma questa in link è normale così?

 

3727315_1408805365.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi rispondo da solo perchè ho visto adesso che sul MM ce n'è più di una così e allora vuol dire che esistono proprio. Allora altra domanda: è una peculiarità solo delle Studio questo tipo di verniciatura o c'è anche su altri modelli perchè non l'ho proprio mai notato su Standard e compagne. [confused]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi rispondo da solo perchè ho visto adesso che sul MM ce n'è più di una così e allora vuol dire che esistono proprio. Allora altra domanda: è una peculiarità solo delle Studio questo tipo di verniciatura o c'è anche su altri modelli perchè non l'ho proprio mai notato su Standard e compagne. [confused]

 

 

Secondo me Mauro quel burst tipo la studio che hai postato lo trovi solo in chitarre relativamente recenti, e a me non piace. La standard che hai postato invece è da sbavo,

Share this post


Link to post
Share on other sites

CRONACA DI UN POMERIGGIO "DI LAVORO"..... [biggrin]

Ragazzi, oggi "getterò una pietra nel lago" con un OT spettacolare sperando di innescare una miccia lunga un Km..........

 

PREMESSA: 24 ore di forte stress in vista della visita del Santo Padre......coordina la protezione civile, occupati della pulizia della città, anticipa i turni di lavoro degli operatori, interfacciati con le forze dell'ordine, ghiacciati i piedi in mezzo ad una strada e aspetta che arrivi l'elicottero bianco........alle 09:30 TUTTO FINITO!!!!! Molto bene.......e mò....dopo una notte insonne in cui si sono scaricati due telefonini (le radio le avevano solo gli sceriffi) che si fa ?? [confused] BUIO............DISSOLVENZA..........

Primo pomeriggio, figlie impegnate (una con la stratocaster), moglie indaffarata......scappo da casa e decido di provare una LP con i P90.......non vado a Napoli per ovvi motivi (città off limits) e dirotto verso uno "spacciatore" di provincia mai visitato prima e schedulato solo per il sito web......bel negozio, caldo, accogliente, con una bella parata di Orange schierati in prima fila (sapete della mia passione per gli "arancini" anche se l'ultimo l'ho venduto 2 mesi fa); vengo accolto da una persona gentilissima (responsabile vendite del negozio) al quale manifesto la mia particolare "smania". LP con P90 al momento non ne avevano ma, giusto per capire, mi fa provare un prodotto Koreano con un bel gold top equipaggiato con due belle saponette color crema.......amplifichiamo, settiamo, proviamo.......NON C'E' MALE......MA......a, questo punto, considerata la location e la presenza di alcuni curiosi che sembrano gradire "i crimini chitarristici" compiuti in pubblico dallo scrivente "zappaterra" il responsabile mi incoraggia e suggerisce di provare una semiacustica equipaggiata con dei "dog ear". Supero la diffidenza iniziale (non ho mai imbracciato semiacustiche in vita mia.....sempre e solo fedele al legnaccio pieno) e complice un setting al volo della action attacchiamo, con grande meraviglia di tutti....compreso quello che strimpellava, con una confidenza inaspettata........abbiamo toccato tutte le corde e gli argomenti...Vinicius de Moraes, Santana, Rolling Stones, Bon Jovi, Cranberries piuttosto che The Cult, SRV, U2 e udite udite.......Hendrix....(tanto la scarna platea sembrava apprezzare, forse erano solo persone molto educate e molto pazienti......o... sorde!!!!)........ ci siamo lasciati con tanti ringraziamenti, calorose strette di mano e la promessa di tornare appena trovo lo spazio per questa semi a cassa stretta con tail a trapezio, PU "ear dog", tastiera in palissandro, manico in mogano e segnatasti rettangolari ad intarsio [thumbup]

Il problema ??????? Non è una 295, non è una 335 e neanche una 390....E' UNA IBANEZ, e costa quanto una coppia di PAF o poco più !!!!!!!

Che faccio, arrivo a quota 6 ???? E come la mettiamo col fatto che non è una Gibs.....allora hanno ragione il Principe ed il Mountainman quando affermano che il buono si può trovare anche in altri "orticelli"????

A VOI LO SPUNTO DI RIFLESSIONE DOMENICALE.

 

PS - non mi aspettavo una tale versatilità da una semiacustica.......o probabilmente sono io che da scarso quale sono...."impasto tutto e livello verso il basso"........

 

PPSS tornato a casa ho attaccato subito le LP all'ampli, dovevo verificare immediatamente se ero ancor innamorato.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non vedo cosa ci sia di strano Tony, la Ibanez ha sempre fatto buoni strumenti, in alcuni casi anche ottimi...

Io di chitarre giapponesi ne ho 3, le mie Starfield che furono prodotte proprio da Ibanez (o meglio dalla Hoshino) negli stabilimenti Fujigen, ed altre ne ho avute in passato di Japan (Yamaha, Fender, ...), e non hanno nulla da invidiare a strumenti ben piu' "blasonati". Stesso discorso vale per le mie Fender messicane.

Con quello che ho spesso per tutte e 3 le Starfield messe assieme (usate ovviamente) non ci compri neanche una LP Studio... sarà poi che negli ultimi mesi sono in pieno trip da single coil, ma le mie Gibson sempre piu' spesso rimangono in custodia in favore delle altre.

Anche se, ad essere sincero, una chitarra piu' belle della Les Paul ancora non sono riuscita a trovarla... [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

... beh.... L'Ibanez fa pure da sempre ottimi prodotti eh.... ricordo ancora con piacere la mia Roadstar pro 540S che presi con risparmi sanguinosi negli anni '90 e che mi ha accompagnato per un bel po' di strada chitarristica (e che poi ho venduto ad un amico perché mi ero stufato del Floyd rose e del manico sottilissimo).... poi come al solito dipende anche dai gusti, modelli e singoli strumenti!!!!

 

Per curiosità, qual'è esattamente il modello che hai provato?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente trovo le Ibanez Prestige fra le chitarre con il miglior rapporto qualità-prezzo in circolazione, parlo di costruzione e finiture, verniciature perfette e resistenti, hardware di ottima qualità, posa e dressing dei tasti eccellente, vani elettronici tutti schermati, per i modelli base serve un upgrade pickups, però insomma per 700-750€ nuove son grandi chitarre.

Mi è capitato inoltre di provare alcune semiacustiche, delle As tipo 335 prezzate intorno ai 750€, veramente molto belle e che suonavano alla grande, confrontate anche con semiacustiche Gibson Memphis che erano in negozio, alla fine la ciliegina sulla torta, una Ibanez Pat Metheny Pm-120 che stava lì ex-demo a poco più della metà del prezzo del nuovo, costruzione e look impeccabili, suono da lacrime!! [thumbup] [thumbup] [thumbup]

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

PREMESSA: 24 ore di forte stress in vista della visita del Santo Padre......coordina la protezione civile, occupati della pulizia della città, anticipa i turni di lavoro degli operatori, interfacciati con le forze dell'ordine, ghiacciati i piedi in mezzo ad una strada e aspetta che arrivi l'elicottero bianco........alle 09:30 TUTTO FINITO!!!!! Molto bene.......e mò....dopo una notte insonne in cui si sono scaricati due telefonini (le radio le avevano solo gli sceriffi) che si fa ?? [confused] BUIO............DISSOLVENZA....

Scusa ma che cacchio di lavoro fai? [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa ma che cacchio di lavoro fai? [biggrin]

 

Sono il responsabile tecnico di una società che lavora per le pubbliche amministrazioni (comuni, provincie, regioni) ..........come diceva il signor Wolf in Pulp Fiction <<risolviamo problemi>> [biggrin] [biggrin] più semplicemente ci occupiamo di igiene urbana, sicurezza stradale, protezione civile, gestione sosta a raso......(gestiamo anche due cimiteri, ma qui faccio sempre gli scongiuri anche se non si è lamentato mai nessuno [thumbup]), il ns obiettivo è far si che funzionino le cose e creare occasioni di lavoro soprattutto per chi il lavoro lo ha perso (è nel ns statuto, saremmo una SPA ma in realtà spesso sembriamo una no profit)

ragazzi buona domenica, vado ad attaccare l'ampli

Share this post


Link to post
Share on other sites

[...]

alla fine la ciliegina sulla torta, una Ibanez Pat Metheny Pm-120 che stava lì ex-demo a poco più della metà del prezzo del nuovo, costruzione e look impeccabili, suono da lacrime!! [thumbup] [thumbup] [thumbup]

Ecco, la Pat Metheny non l'ho mai provata, ma ho un amico che ha avuto modo di comparare i 2 modelli, quello top di gamma e quello "economico" (che proprio economico non è).

 

Un'altra bananez che mi ispira un sacco è la George Benson con i Johnny Smith, che ho anche sentito dal vivo nelle mani di uno che sa il fatto suo. Oltre che ben suonante da' anche l'idea di essere molto comoda.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono il responsabile tecnico di una società che lavora per le pubbliche amministrazioni (comuni, provincie, regioni) ..........come diceva il signor Wolf in Pulp Fiction <<risolviamo problemi>> [biggrin] [biggrin] più semplicemente ci occupiamo di igiene urbana, sicurezza stradale, protezione civile, gestione sosta a raso......(gestiamo anche due cimiteri, ma qui faccio sempre gli scongiuri anche se non si è lamentato mai nessuno [thumbup]), il ns obiettivo è far si che funzionino le cose e creare occasioni di lavoro soprattutto per chi il lavoro lo ha perso (è nel ns statuto, saremmo una SPA ma in realtà spesso sembriamo una no profit)

ragazzi buona domenica, vado ad attaccare l'ampli

 

Ah, ecco, bella bicicletta [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, ecco, bella bicicletta [biggrin]

 

Senza sellino...................purtroppo !!!!!!

 

La les paul come unica consolazione di una vita di stenti e sofferenze [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno può spiegarmi questa differenza:

 

1. sulla Gibson Songwriter Standard trovo il fishman ellipse aura e va bene... niente scassi sulla spalla, tutto molto bello e funzionale;

2. sulla Gibson Songwriter Studio trovo il Fishman Prefix Plus T ma solo con il potenziometro del volume!

 

Poi invece sugli usati appare questo:

 

http://www.mercatinomusicale.com/mm/a_gibson-songwriter-studio-deluxe_id4070432.html

 

con il suo bel equalizzatore, caxxi e mazzi.

 

Cosa significa: che nel 2013 veniva montato di serie e adesso te lo devi montare? Oppure?

 

Grazie a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho provato un plettro in osso e mi è piaciuto un sacco il feeling che da, e il suono che ne risulta.

Siccome non concepisco l'idea di spendere 20 euro per un plettro, vorrei provare a farmene un paio.

Ho avuto buoni risultati con dei pezzi di plexiglass, però l'osso non so proprio dove reperirlo... immagino che quello per strumenti sia un po' trattato rispetto a quello che troverei chiedendo in una macelleria.. :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...