Jump to content
Gibson Brands Forums

Gibson Cafè X


Prince Malagant
 Share

Recommended Posts

Digli anche che poi lo riattacco coll'Attack così facciamo bingo

No no, colla animale, cosi' recitanole ultime specifiche.

Fai bollire 2 kg di palco di cervo (nel mentre ti mangi la bistecca) con bacche di ginepro, poi fai evaporare l'acqua e rimane la colla sul fondo del paiolo (in rame non stagnato neh)

Link to comment
Share on other sites

Sembra proprio una brutta rottura, tra l'altro la midtown dovrebbe avere il body in mogano non in laminato, quindi strana come cosa, no?

Montanaro ma secondo te che hai una certa esperienza, è una roba riparabile? Perchè la chitarra in questione è tutt'altro che brutta. [crying]

Link to comment
Share on other sites

Sembra proprio una brutta rottura, tra l'altro la midtown dovrebbe avere il body in mogano non in laminato, quindi strana come cosa, no?

Montanaro ma secondo te che hai una certa esperienza, è una roba riparabile? Perchè la chitarra in questione è tutt'altro che brutta. [crying]

Luca, sei riuscito a capire di che rottura si tratta ? Perche' io mi metto in asta neh

Link to comment
Share on other sites

$_57.JPG Beh, la rottura è chiara [biggrin] Ha beccato una tànghera da otto sul manico per una caduta dorsale e a occhio ha ceduto la parte sotto del tenone, ai fianchi l'incollaggio ha tenuto e così il manico si è portato dietro uno sbrégo su entrambi i fianchi per 6 cm. circa di lunghezza. A occhio, se uno non si fa tanti problemi e sta solo chercando una Gibson da suonarci su, la riparazione non mi sembra così problematica. Prima farei delle prove su come poter morsettare al meglio le parti perchè vadano a perfetta coesione. Poi proverei quanto posso temporaneamente mettere in tensione la rottura per allargare il più possibile la zona per poter colarci dentro colla, e infine, dopo aver coperto con nastro ogni parte intorno all'apertura e anche tutto il resto della chitarra ci colerei giù una giusta dose di colla, morsetterei e aspetterei mezza giornata prima di andare a vedere com'è finita la storia Ah, IMHO eh... [biggrin]
Link to comment
Share on other sites

Luca, sei riuscito a capire di che rottura si tratta ? Perche' io mi metto in asta neh

Ecco Giulio si vede bene nella foto che ha linkato il Mauro qui sopra.

E' una rottura strana per quello chiedevo a lui.

Purtroppo io non ho le capacità per ripararla, ma comunque voglio vedere a quanto sale l'asta...

Link to comment
Share on other sites

Beh, la rottura è chiara [biggrin] Ha beccato una tànghera da otto sul manico per una caduta dorsale e a occhio ha ceduto la parte sotto del tenone, ai fianchi l'incollaggio ha tenuto e così il manico si è portato dietro uno sbrégo su entrambi i fianchi per 6 cm. circa di lunghezza. A occhio, se uno non si fa tanti problemi e sta solo chercando una Gibson da suonarci su, la riparazione non mi sembra così problematica. Prima farei delle prove su come poter morsettare al meglio le parti perchè vadano a perfetta coesione. Poi proverei quanto posso temporaneamente mettere in tensione la rottura per allargare il più possibile la zona per poter colarci dentro colla, e infine, dopo aver coperto con nastro ogni parte intorno all'apertura e anche tutto il resto della chitarra ci colerei giù una giusta dose di colla, morsetterei e aspetterei mezza giornata prima di andare a vedere com'è finita la storia Ah, IMHO eh... [biggrin]

 

Guarda, per come conosco io il legno, se avesse preso quell'otto di cui parli da sotto si sarebbe spezzata pure la paletta, sappiamo un po tutti quanto fragile sia il sistema paletta. Mi viene quindi da pensare come abbia ceduto una superficie così vasta se raffrontata con l'esigua parte di legno della paletta. In più mi chiedo come possa il manico essersi portato dietro una parte di body, pur essendo scavato, anziché staccarsi semplicemente.

 

Ricordo che quella è una parte in tensione, quanto lo è la paletta, a differenza che la paletta è in un punto oltre a quello che viene usato dalle mani mentre si suona, ovvero l'ibero dal peso che un braccio, voglia o no, imprime su di esso.

Io personalmente senza sapere il reale motivo della rottura e senza tenerla in mano, eviterei il rischio. Mi ripeto, eviterei il rischio perché di fatto potrebbero essere soldi buttati, almenoche uno non parta già con l'idea di appenderla al muro come soprammobile se la riparazione dovesse avere esiti negativi.

 

A tal proposito mi vengono in mente le varie SG con le stesse rotture che venivano periodicamente riparate e ri-riparate e poi vendute come pezzi di ricambio.

Link to comment
Share on other sites

Uhm, grazie ragazzi... io ci provo...

Provaci, a questo punto io contatterei successivamente il Mauro per provvedere alla riparazione (ragazzi sfondo le porte aperte ma l'uomo della montagna ha gli attributi!!!! [thumbup] ) E a questo punto mi faccio una domanda: ma Thomann accetta la restituzione entro i 30gg se la riparazione non ci soddisfa e la Gibs rimane "traumatizzata" ???

Io mi porrei un limite massimo a 450€, di più non investirei! Augh ho detto !!!

Facci sapere e buona fortuna...... [thumbup]

Link to comment
Share on other sites

Guarda, per come conosco io il legno, se avesse preso quell'otto di cui parli da sotto si sarebbe spezzata pure la paletta, sappiamo un po tutti quanto fragile sia il sistema paletta. Mi viene quindi da pensare come abbia ceduto una superficie così vasta se raffrontata con l'esigua parte di legno della paletta. In più mi chiedo come possa il manico essersi portato dietro una parte di body, pur essendo scavato, anziché staccarsi semplicemente.

 

Ricordo che quella è una parte in tensione, quanto lo è la paletta, a differenza che la paletta è in un punto oltre a quello che viene usato dalle mani mentre si suona, ovvero l'ibero dal peso che un braccio, voglia o no, imprime su di esso.

Io personalmente senza sapere il reale motivo della rottura e senza tenerla in mano, eviterei il rischio. Mi ripeto, eviterei il rischio perché di fatto potrebbero essere soldi buttati, almenoche uno non parta già con l'idea di appenderla al muro come soprammobile se la riparazione dovesse avere esiti negativi.

 

A tal proposito mi vengono in mente le varie SG con le stesse rotture che venivano periodicamente riparate e ri-riparate e poi vendute come pezzi di ricambio.

 

Mah, non sono d'accordo. Proprio perchè in realtà non conosciamo il legno che c'è sotto e come corrono le sue venature sotto a quella verniciatura non possiamo dare per ovvio e scontato che la paletta debba per forza saltare. E non è detto che la botta la debba prendere per forza sulla paletta, c'è anche tutto il manico. Poi magari tu mi dici che sia sulla paletta che sul manico non ci sono segni di botte, per cui il problema potrebbe essere un altro. Ma più di tanti problemi tra uno scasso e un tenone non ne puoi trovare. Essendo una chitarra nuova di fabbrica ti dico io come può essere andata. Ha fatto un volo, dentro la sua custodia (che si vede anche in foto) ed è atterrata di brutto a pancia in giù e si è beccata un bel colpo di frusta. Nessuna botta visibile, ma il colpo di frusta e la tensione delle corde si sono arrangiati a fare il disastro. La zona tenone sulle Midtown (come sulle SG) è super esigua, basta analizzare le foto del crack.

 

$_57.JPG

 

Il manico entra nel body solo per 4 cm circa, il tenone è corto, lateralmente di legno del body ce ne sarà meno di un cm. per parte.

 

Neck-Fit.jpg

 

Se le vene corrono abbastanza dritte (e si vede dalla rottura che corrono parallele al manico) di resistenza ne fanno ovviamente meno. Poi un'altra cosa che ho sempre notato è che se ci sono delle rotture su legni incollati, è difficilissimo che si rompano sugli incastri, a meno che non abbiano risparmiato sulla colla, e stiamo parlando di Titebond, che sia tu che io sappiamo di che colla si tratti. Giustifico lo stacco della battuta, bisognerebbe spaccare del tutto il manico per togliersi la curiosità di vedere cosa si è crepato dentro, ma non penso che sia il caso. [biggrin] Se avessi soldi che avanzano (col costo finale di quella lì mi sa che potrei cambiare l'attrezzatura di sci alpinismo) la terrei sicuramente d'occhio. Ti assicuro che, alla faccia dei liutai con la barbetta, con la colla che dico io, in meno di mezzo pomeriggio da quando ce l'ho in mano la smonto, l'aggiusto, la rimonto, l'attacco al Bananino sotto al pc e me la coccolo. No, sempre imho ovviamente, per me quella crepa è un problema solo finchè non è riparata. B)

Link to comment
Share on other sites

Se posso dico anche io la mia ... Conterei quanto ci posso fare eventualmente vendendo i pezzi a buon prezzo da usati.. quindi ponti, meccaniche.. pickups .. pots e knob magari si possono utilizzare come ricambi.. e da questa somma comincerei a contare quanto voglio "giocarmi" calcolando il prezzo della lavorazione..

 

Posso dire che quando è "capitato" a me, si era rotta ma dallo "zoccolo" del manico a salir su fino al binding ed anche un pezzetto lungo il binding.. infatti il liutaio non ha fatto altro che finire di scollarlo .. pulirlo e reincollare il manico... certo, visto che io di liutai conosco solo gentaccia... ho speso a suo tempo 400 mila lire, poi altri 200 perché non mi piaceva e poi dulcis in fundo a confermare l'onestà di questo bravo liutaio... altri 100 euro perché sn tornato da lui (abbastanza giovane ed inesperto) e gli ho detto che era tutta fuori regolazione e la sua risposta è stata che ovviamente dopo aver reincollato il manico bisogna rifare anche il setup .... che sempre "ovviamente" non era compreso nel prezzo del lavoro... totale 700 mila lire.. che essendo stato circa 20 anni fa ....... fate voi le conversioni!!!! A Roma c'è un modo di dire in questi casi: ALI........SUA tutto attaccato!!! :-({|=

Link to comment
Share on other sites

Se posso dico anche io la mia ... Conterei quanto ci posso fare eventualmente vendendo i pezzi a buon prezzo da usati.. quindi ponti, meccaniche.. pickups .. pots e knob magari si possono utilizzare come ricambi.. e da questa somma comincerei a contare quanto voglio "giocarmi" calcolando il prezzo della lavorazione..

 

Te sei fuori tutto [biggrin]

 

Posso dire che quando è "capitato" a me, si era rotta ma dallo "zoccolo" del manico a salir su fino al binding ed anche un pezzetto lungo il binding.. infatti il liutaio non ha fatto altro che finire di scollarlo .. pulirlo e reincollare il manico... certo, visto che io di liutai conosco solo gentaccia... ho speso a suo tempo 400 mila lire, poi altri 200 perché non mi piaceva e poi dulcis in fundo a confermare l'onestà di questo bravo liutaio... altri 100 euro perché sn tornato da lui (abbastanza giovane ed inesperto) e gli ho detto che era tutta fuori regolazione e la sua risposta è stata che ovviamente dopo aver reincollato il manico bisogna rifare anche il setup .... che sempre "ovviamente" non era compreso nel prezzo del lavoro... totale 700 mila lire.. che essendo stato circa 20 anni fa ....... fate voi le conversioni!!!! A Roma c'è un modo di dire in questi casi: ALI........SUA tutto attaccato!!! :-({|=

 

Vedi che ho ragione? [lol]

Link to comment
Share on other sites

OT DELLA DOMENICA

 

Ragazzi chi si trovasse dalle mie parti sto preparando calamarata (con calamari pescati da me stanotte e pomodorini paesani) e seppie al forno con limone e patate, ho utilizzato un bel Fiano (con limone di Sorrento, olio d'oliva e prezzemolo) per aromatizzare le seppie (circa 1h a macerare nekl mio intingolo); ore 13:30 forchetta a centrocampo........

 

forse sono meglio come cuoco che come chitarrista amatoriale.

 

Buona domenica a tutti.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...