Jump to content
Gibson Brands Forums
Sign in to follow this  
Milos_revo

Aiuto Cambio Pickup Su SG

Recommended Posts

E chi lo dice, loro? Potenza del marketing...

I PAF originali li faceva la Gibson (e scusa se è poco), e ne fa delle ottime "repliche" anche ora, a prezzo congruo (Burstbucker, ecc...), solo che ultimamente (sui forum) fa figo dire che i PU Gibson fanno cagare, mentre quelli boutique hanno il mojo.

 

Ma che stai addi??? ma scherzi?? cioè, questi si sono smontati i PU di Gherimur e Ralfi per vedere come sono fatti e tu dubiti così???

non ho parole... prima faresti bene ad informarti...ti mando in privato il numero di Gheri e chiedi a lui stesso se non ci credi...solo non chiamarlo troppo presto perché si alza verso le 11 [lol]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Praticamente i T-top sono i migliori concorrenti dei PAF generalmente usati sulle les paul

 

ed anche questa, come quella delle chitarre vintage è una fissa che va di moda.

 

ne ho e ne ho avute di LP con i T-Top e sono pu taglienti e acidi e a parte qualche squilibrato che crede di vendere questi pu a persone affascinate dal falso vintage, rimangono PU che a parer mio hanno ben poco da concorrere con dei semplicissimi '57.

se te li trovassi montati su una Efifone senza sapere cosa sono li scambieresti per le classiche cineserie.

ricordiamoci che il suono non lo fa solo la chitarra....attacca una Tenson 3/4 da 70 euro su di un Marshall JMP del'69 e poi ne riparliamo. [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stiam parlando un po' di aria fritta..

 

Milos, io partirei col decidere quale chitarra tenere (e puoi saperlo solo tu).

 

Sui pickup il discorso è infinito, io 400€ per due pickup non li spenderei mai (già fatico a cacciarne 70 per uno.. [lol] ). Pensa che inizialmente i Burstbucker non mi piacevano, poi ho affinato i gusti e ho migliorato l'orecchio..e adesso non mi dispiacciono [wink]

 

Guarda, secondo me è solo una questione di abitudine....se la chitarra è intonata e non ha problemi si riduce tutto a gusti personai , settaggio chitarra e settaggio ampli.

Come ho già detto e ripetuto, quando appendo al chiodo una delle mie e ne prendo in mano un'altra ha il suono peggiore, magicamente dopo un po che la suono e ci smanetto tra ampli e chitarra, diventa fighissimo. Riprendo in mano l'altra e siamo da capo... e così con tutte le chitarre che ho, qualcuno spinge di più, qualcuna di meno, ma rimane un fattore personale se escludiamo la digeribilità PU e ampli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi ho provato una reissue purtroppo la vos le hanno vendute ... i 57 sono sempre belli belli ... ora sono sempre più curioso di aspettare e vedere cosa succede con i nuovi pickup

 

Una domanda .. ma i push to pull possono influenzare il suono ? Perché sinceramente li ho trovati molto più aperti dei miei montati sulla standard

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sinceramente non vedo dove sarebbe il crimine a montare un 57 classic su una LP del 75; ognuno la pensa come vuole, i signori possono affermare (per vendere) quello che vogliono ma per me quello è solo marketing...

chiudo ricordando solo che i tanto osannati PAF degli anni '50 erano comunque costruiti industrialmente, e pure con ausilio di macchine, da degli operai (i pickup "fatti a mano" non esistono, neanche quelli da millemila euro lo sono).

Riguardo il suono, è una cosa troppo soggettiva.

 

Bobbe.... tutto è soggettivo, anche che a uno gli piace una donna bruttissima.... ma non vuol dire che sia bella... Industrialmente o no io ho provato ed ho più PAF e ti assicuro che chiunque li ha provati, sapendolo prima oppure no.... mi ha consumato la chitarra... professionisti, musicisti, appassionati, collezionisti che tengono al suono... strimpellatori che scelgono i suoni.... ecc..... Se li hai provati non scrivi una cosa del genere... oppure una visita approfondita all'udito ci vuole... [biggrin] (ovviamente è una battuta è) ...

Per quanto riguarda le repliche... lo sapete come la penso.... sono 2 anni quasi che ci sto lavorando sopra... e non avrei speso tutto questo tempo e sopratutto tutti questi soldi, se non ne valesse la pena e se sopratutto ci fosse qualcuno che fa le repliche lontanamente vicine ai PAF reali..... qui vi do ragione.... a mie spese e con almeno 20 repliche PAF provate.... ho trovato solo che tante belle parole, che ho pagato tanto economicamente...

Mi permetto l'ultima precisazione... il suono dei PAF non si fa mettendo pezzi dell'epoca (che in tanti dicono di montare ma vorrei tanto sapere quanti pezzi hanno messo via nel 58 per far rifare le repliche dopo 60 anni) .... ma si fa facendo suonare un pickup come un PAF ... cioè attacca.. cambia.. prova.. senti.. cambia.. compra... sostituisci.. attacca... cambia.. prova smonta... compra.. attacca.. cambia.. prova.... ecc...ecc...ecc... fino a che all'udito non senti differenze con il PAF originale.... sarebbe stato bellissimo avere tutti i pezzi già pronti stile kit di montaggio.. non ci sarebbero stati 400 tizi che dicono di aver fatto la replica del paf..... che tralaltro ci si avvicinasse uno....

amen :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bobbe.... tutto è soggettivo, anche che a uno gli piace una donna bruttissima.... ma non vuol dire che sia bella... Industrialmente o no io ho provato ed ho più PAF e ti assicuro che chiunque li ha provati, sapendolo prima oppure no.... mi ha consumato la chitarra... professionisti, musicisti, appassionati, collezionisti che tengono al suono... strimpellatori che scelgono i suoni.... ecc..... Se li hai provati non scrivi una cosa del genere... oppure una visita approfondita all'udito ci vuole... [biggrin] (ovviamente è una battuta è) ...

Per quanto riguarda le repliche... lo sapete come la penso.... sono 2 anni quasi che ci sto lavorando sopra... e non avrei speso tutto questo tempo e sopratutto tutti questi soldi, se non ne valesse la pena e se sopratutto ci fosse qualcuno che fa le repliche lontanamente vicine ai PAF reali..... qui vi do ragione.... a mie spese e con almeno 20 repliche PAF provate.... ho trovato solo che tante belle parole, che ho pagato tanto economicamente...

Mi permetto l'ultima precisazione... il suono dei PAF non si fa mettendo pezzi dell'epoca (che in tanti dicono di montare ma vorrei tanto sapere quanti pezzi hanno messo via nel 58 per far rifare le repliche dopo 60 anni) .... ma si fa facendo suonare un pickup come un PAF ... cioè attacca.. cambia.. prova.. senti.. cambia.. compra... sostituisci.. attacca... cambia.. prova smonta... compra.. attacca.. cambia.. prova.... ecc...ecc...ecc... fino a che all'udito non senti differenze con il PAF originale.... sarebbe stato bellissimo avere tutti i pezzi già pronti stile kit di montaggio.. non ci sarebbero stati 400 tizi che dicono di aver fatto la replica del paf..... che tralaltro ci si avvicinasse uno....

amen :D

 

Concordo anche se..... un particolare lo hai omesso; ossia che anche nel '59 (per dire) ogni PAF suonava a modo suo. :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bobbe.... tutto è soggettivo, anche che a uno gli piace una donna bruttissima.... ma non vuol dire che sia bella... Industrialmente o no io ho provato ed ho più PAF e ti assicuro che chiunque li ha provati, sapendolo prima oppure no.... mi ha consumato la chitarra... professionisti, musicisti, appassionati, collezionisti che tengono al suono... strimpellatori che scelgono i suoni.... ecc..... Se li hai provati non scrivi una cosa del genere... oppure una visita approfondita all'udito ci vuole... [biggrin] (ovviamente è una battuta è) ...

Per quanto riguarda le repliche... lo sapete come la penso.... sono 2 anni quasi che ci sto lavorando sopra... e non avrei speso tutto questo tempo e sopratutto tutti questi soldi, se non ne valesse la pena e se sopratutto ci fosse qualcuno che fa le repliche lontanamente vicine ai PAF reali..... qui vi do ragione.... a mie spese e con almeno 20 repliche PAF provate.... ho trovato solo che tante belle parole, che ho pagato tanto economicamente...

Mi permetto l'ultima precisazione... il suono dei PAF non si fa mettendo pezzi dell'epoca (che in tanti dicono di montare ma vorrei tanto sapere quanti pezzi hanno messo via nel 58 per far rifare le repliche dopo 60 anni) .... ma si fa facendo suonare un pickup come un PAF ... cioè attacca.. cambia.. prova.. senti.. cambia.. compra... sostituisci.. attacca... cambia.. prova smonta... compra.. attacca.. cambia.. prova.... ecc...ecc...ecc... fino a che all'udito non senti differenze con il PAF originale.... sarebbe stato bellissimo avere tutti i pezzi già pronti stile kit di montaggio.. non ci sarebbero stati 400 tizi che dicono di aver fatto la replica del paf..... che tralaltro ci si avvicinasse uno....

amen :D

 

Quindi cosa consigli ? avendone provati diversi ?? UN pickup artigianale è secondo te comunque una valida alternativa ad una coppia di 57 ???

 

io sabato porto la chitarra a far montare i due T.top arrivati...

 

appena li ho pronti faccio subito due belle registrazioni ;)

 

intanto questi sono i 490/498 i classici immortali che se ne andranno ;)

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo anche se..... un particolare lo hai omesso; ossia che anche nel '59 (per dire) ogni PAF suonava a modo suo. :-)

E' leggendaria la risposta di Seth Lover a Tim Shaw, che gli chiedeva quante spire usavano in quegli anni:

'Avvolgevamo le bobine finchè erano piene'

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' leggendaria la risposta di Seth Lover a Tim Shaw, che gli chiedeva quante spire usavano in quegli anni:

'Avvolgevamo le bobine finchè erano piene'

 

una risposta geniale e.... molto pratica direi [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' leggendaria la risposta di Seth Lover a Tim Shaw, che gli chiedeva quante spire usavano in quegli anni:

'Avvolgevamo le bobine finchè erano piene'

 

Ma infatti per me la risposta di Luca è ancora la più lucida su sta storia. msp_rolleyes.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo anche se..... un particolare lo hai omesso; ossia che anche nel '59 (per dire) ogni PAF suonava a modo suo. :-)

 

Ma dove l'hai riscontrata questa cosa? Perché io su 4 set, 3 erano uguali come suono, sfumature diverse ma 4 che suonano e fanno suonare lo strumento 100 volte di più e comunque 3 su 4 suonavano uguali.. hai fatto prove per dire che suonano tutti diversi? Perché ho sentito dire mille volte sta cosa, ma dai dati che ho, penso che qualche scemo ha scritto sta cosa ed ha contagiato tanta gente che c'ha creduto e poi la riporta senza aver riscontrato se è vera.

 

Quindi cosa consigli ? avendone provati diversi ?? UN pickup artigianale è secondo te comunque una valida alternativa ad una coppia di 57 ???

 

Guarda Milos, penso che ci sia un pò di confusione di partenza.

Innanzitutto non si può partire dicendo "cambio pickups ma non so dove li metto"

Dovresti sapere già prima che vuoi ottenere e sapere come arrivarci. Ogni pickup ha una sua caratteristica.. poi in genere è vero che ci sono pickups migliori a prescindere.. se prendi un paf originale suonerà mille volte meglio la chitarra ma questo vale solo per pochi pickups che fanno la differenza ma costano quanto una chitarra e non penso tu voglia questi. Per tutti gli altri, sia boutique che artigianali, ognuno ha pregi e difetti e quindi dovresti sapere come suona il legno della tua chitarra, cosa cerchi di compensare o esaltare e quindi scegliere di conseguenza.. spero di essermi spiegato.

 

E' leggendaria la risposta di Seth Lover a Tim Shaw, che gli chiedeva quante spire usavano in quegli anni:

'Avvolgevamo le bobine finchè erano piene'

 

Gianni, io ne ho smontati 2 set e sinceramente non li ho trovati pieni..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un po di storia, premesso che per PAF 'originali' dobbiamo fermarci al 1961/1962 per tutta una serie di fattori costruttivi introdotti successivamente a tale data:

 

PAF Magnets.

From 1956 until 1961 Gibson used different Alnico magnets in their PAF pickups. Alnico magnets (alloys ALuminum, NIckel, and CObalt) come in a different grades based on their magnetic strength. Gibson generally used the same magnets (size/grade) which was available for their P-90 pickups. But Gibson randomly used Alnico 2,3,4,5 grade magnets in PAFs until 1961 (remember the higher the magnet's number, the higher the magnetic strength). This can often account for how two PAF pickups can sound quite different. In July 1961 Gibson began consistently using a smaller Alnico 5 magnet (smaller as in the flat top side of the magnets were smaller length-wise). Since inconsistency was king at Gibson during this time, Alnico 2 short magnets are sometimes seen too. By 1965 though Alnico 5 was the standard for all Gibson humbuckers.

 

The original PAF magnet length was 2.5" long, which was decreased by 1/8" to 1/4" to around 2.25" in July 1961. But the "short magnet" PAF can be seen as early as 1959 and is still original. Gold plated guitars (ES-345, LP Custom, etc) seem to use the short magnet PAFs before nickel plated guitars (like the ES-335, LP Standard, etc). Just from a consistency point of view, July 1961 is the date considered by most as when short magnets were the norm for PAFs. Generally speaking decreasing the length decreases the power of the pickups, but this was somewhat counteracted by the Alnico 5's added strength. When new, the shorter A5 magnet is more powerful than the longer A2 magnet. So do short magnet PAFs sound worst than 1957-1960 long magnet PAFs? NO. In fact, they may sound better in many cases. But there are lots of things that effect sound, with the magnet only being one piece of the equation.

 

Dimensions of PAF magnets follow (measured using a micrometer, and obviously this will vary a bit from magnet to magnet): 2.509" long ("long magnet" version), .506" wide, .131" thick. The "short magnet" PAF length was the a bit different: 2.371" long, .491" wide, and .121" thick.

 

Another interesting point are the magnets in 1950s P-90 pickups (remember P-90 pickups are single coil predecessors to PAFs). There are *two* magnets in the P90 pickups, and yes they are identical to the 1950s PAF magnets (rough sand casted). Because of this, there has been a fair bit of "magnet hijackings" where players take p90 pickup magnets and put them into newer pickups, hoping to get that original PAF sound.

 

Pickup Wire and Winding Methods.

The pickup were wound with #42 plain enamel wire. On original PAFs the bobbin wire appears purple, versus later PAF and patent# pickups that appear reddish. Gibson eventually switched to polyurethane coated wire around 1963. When wire coatings change, the sound of the pickup does change, contributing to the PAF following. The amount of wire (and coating) wound on each bobbin determines the pickup's resistance. When the bobbins are wound with more than a nominal amount of wire (either on purpose or by accident), they are more powerful with fatter midrange but less treble. Due to the human factor and the wide tolerance of the manually-run pickup winding machines used by Gibson from 1956-1961, PAF pickups usually measure between 7.5 and 9.0 thousand ohms (K ohms). By 1962 (the end of the PAF era), Gibson was making pickups very consistently with 7.5k ohms of wire (give or take .25k ohms).

 

The separate bobbins of a PAF can measure very differently due to Gibson's manufacturing techniques. For example one bobbin could measure 3.5k, and the other 4.5k ohms (for a total of 8k ohms). This mis-matched ohms is actually a good thing, as certain frequencies will stand out if both bobbins have different resistance. This contributes to why two PAF pickups can sound quite different. The coil winder was a Leesona 102, and did have auto stop counters to keep pickups windings consistent. But these winders ran using a fiber gear and were prone breakage. The work around to fixing the counters is to time the winding process. That is one reason for the randomness of PAF pickup resistance.

 

Around 1965 to 1968 (exact date unknown), Gibson changed from a manually-run pickup winding system to a fully automated system. Because of this their humbucking pickups all became a consistent 7.5k ohms from 1965 and later. The manual-run system had a machine operator that decided when a pickup bobbin reach about 5000 turns of wire. So there was plenty of room for under and over-winding. When the fully automated system came into place, the pickups were very consistent in their windings (and hence total ohms).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma dove l'hai riscontrata questa cosa? Perché io su 4 set, 3 erano uguali come suono, sfumature diverse ma 4 che suonano e fanno suonare lo strumento 100 volte di più e comunque 3 su 4 suonavano uguali.. hai fatto prove per dire che suonano tutti diversi? Perché ho sentito dire mille volte sta cosa, ma dai dati che ho, penso che qualche scemo ha scritto sta cosa ed ha contagiato tanta gente che c'ha creduto e poi la riporta senza aver riscontrato se è vera.

 

 

 

Guarda Milos, penso che ci sia un pò di confusione di partenza.

Innanzitutto non si può partire dicendo "cambio pickups ma non so dove li metto"

Dovresti sapere già prima che vuoi ottenere e sapere come arrivarci. Ogni pickup ha una sua caratteristica.. poi in genere è vero che ci sono pickups migliori a prescindere.. se prendi un paf originale suonerà mille volte meglio la chitarra ma questo vale solo per pochi pickups che fanno la differenza ma costano quanto una chitarra e non penso tu voglia questi. Per tutti gli altri, sia boutique che artigianali, ognuno ha pregi e difetti e quindi dovresti sapere come suona il legno della tua chitarra, cosa cerchi di compensare o esaltare e quindi scegliere di conseguenza.. spero di essermi spiegato.

 

 

 

Gianni, io ne ho smontati 2 set e sinceramente non li ho trovati pieni..

 

 

Alla fine ho risolto in questa maniera, dato che a dicembre comprerò una SG VOS custom shop, ho deciso di vendermi la mia nuova sg 2015 con i 57.

 

La mia classica standard voglio farla diventare come una standard del 65/70 quindi TTOP non paf.

 

HO comprato dei manlius T-Top che dentro hanno basso output 7.5-7.8 alnico V short (insomma sulla carta come quella dell'epoca) ho cambiato tutti i pot e li messi logaritmici da 500 (per gusto personale) e condensatori carta olio..

 

quindi spero di ottenere un risultato migliore di come era prima... praticamente cercavo un 57 più aperto e potente e con meno medi...

 

Tra i vari appassionati di sg ho letto di questi pickup e via... li ho presi... sabato dovrei ritirarla, appena posso pubblico subito qualcosa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si Gianni.. io senza specificarlo parlo solo dei long magnet. Gli short suonano differente dai long in generale. Tutti quelli che ho provato ed i 2 smontati sono long magnet.. cmq 58 e 59.. le barre d'alnico erano random, anche se predominanti le 2 e 4.. però io ho sentito solo sfumature che si differenziano in maniera "normale" e mai esagerata da dare un altra timbrica al pickup, cosa che invece ho riscontrato nel progetto che sto portando avanti ed anzi, posso dire che ho sentito differenza sostanziale da una barra di alnico 2 ed un'altra sempre alnico 2 ma presa da diversa ditta...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh se parliamo di pre 62 e anche meglio di pre 61 comunque si deve tener conto della varianza del numero di spire dovuta ai macchinari che erano regolati ad occhio ed erano imprecisi, e anche il magnete poteva cambiare come materiale.

Pre 61 c'è comunque una certa omogeneità di comportamento sonoro. Indubbio.

Dopodichè il Poly-coat comportava un minor numero di spire rispetto all'enamel, ma stiamo parlando di altri PAF.

Tim Shaw propose alla Gib di tornare all'Enamel, ma gli risposero picche perchè era un pochino più costoso rispetto al Poly ( di una cazzata, ma la vista in Gib non era ( e ora? ) molto acuta, insomma non avevano capito un cazzo ).

Comunque, da quello che si può trovare in giro, di accertati pre 61, le bobine erano belle ciccie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io comunque, mi terrei su un long magnet, alnico tra 2 e 4, enamel. Se tanto mi da tanto, il resto son cazzate.

 

Stiamo su quello infatti Gianni.. il problema è che nn è proprio una cosa così semplice.. tanti altri fattori.. tutto fa quel poco che fa la differenza poi..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giusto per concludere la storia.. ecco il video della mia SG con i nuovi pickup...

 

Manlius T Top replica...

 

Il suono mi fa impazzire.. completamente un altra storia rispetto ai 490/498...

 

ho emulato il tutto con scuffham s-gear cercando di trovare un bel suono plexi

 

Spero vi piaccia

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io comunque, mi terrei su un long magnet, alnico tra 2 e 4, enamel. Se tanto mi da tanto, il resto son cazzate.

 

Il Long magnet è quello da 63.5mm, quindi (per tradurre i pollici dal tuo post precedente).

Ho giusto ieri disassemblato due Seymour Duncan (un '59 e un JB Trembucker), ed entrambi i magneti erano proprio di quella lunghezza. A5 polished.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...