Jump to content
Gibson Brands Forums
Sign in to follow this  
Tonybenz

A proposito di ponti e ponticelli

Recommended Posts

Scopro solo ora che su tutte le mie Les Paul è montato il ponte "Nashville"....... ma qualcuno mi sa dire che differenza sostanziale ci può essere tra un Nashville ed un ABR 1 ??? Si nota veramente ?? Non ho esperienza in tal senso, è sabato, mi han lasciato da solo in azienda....... e la mente vaga.....

 

grazie ragazzi buon fine settimana....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah! Ho giusto guardato le differenze l'altro giorno...da quello che ho potuto capire dalle immagini il Nashville è un più largo, non ha il fermo viti e soprattutto gli alberini si inseriscono sul body tramite una boccola cosa che non avviene per l'abr-1, il quale è un po' più stretto ed dovrebbe avere il fermo di ritenuta delle viti che portano le sellette.

 

Tanti preferiscono l'abr-1, ma credo sia una questione estetica...per di più abbastanza 'irrilevante' imho...

 

P.s.: prendi tutto con le pinze perché sono considerazioni mie sul confronto tra immagini!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah! Ho giusto guardato le differenze l'altro giorno...da quello che ho potuto capire dalle immagini il Nashville è un più largo, non ha il fermo viti e soprattutto gli alberini si inseriscono sul body tramite una boccola cosa che non avviene per l'abr-1, il quale è un po' più stretto ed dovrebbe avere il fermo di ritenuta delle viti che portano le sellette.

 

Tanti preferiscono l'abr-1, ma credo sia una questione estetica...per di più abbastanza 'irrilevante' imho...

 

P.s.: prendi tutto con le pinze perché sono considerazioni mie sul confronto tra immagini!

 

Si infatti ho più o meno le tue stesse impressioni "dall'esterno" siccome però ci son tanti che preferiscono anche comprare l'ABR - 1 la mia curiosità era quella di sapere come influisce o cosa dia in più o in meno tale soluzione.....PS.... sulla Edwards ho un simil ABR-1 (sti cazz' e' Giapponesi.....precisi anche in questo) [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trovo che i ponti tipo ABR (a prescindere dal marchio) siano decisamente più comodi per la regolazione in altezza: con l'ABR, che è più stretto, si riesce ad abbassare di più lo stopbar; con il Nashville, invece, c'è meno margine per via dell'angolo tra la corda e il filo del blocchetto (il che ti porta più facilmente ad avere la corda attaccata, o comunque vicina, al metallo - con tutti i rischi del caso).

 

A livello sonoro, io ho più volte sostituito Nashville (e relativi inviti nel legno) e stopbar (in zama) con un kit "conversione" marca Faber tipo ABR, tutto in alluminio (sia ABR e piloncini, sia stopbar) con sellette in ottone. La differenza sonora è stata chiara (almeno in casa; prova fatta su Firebird, Les Paul Special ed Explorer).

 

La spesa è discreta (il mio kit, ad oggi, viene intorno ai 130euro, ma ci sono marchi anche più costosi), ma secondo me ne vale la pena - specialmente per il discorso regolazione, a me lo stopbar piace raso-top.

 

Ora monto sempre il tipo ABR [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trovo che i ponti tipo ABR (a prescindere dal marchio) siano decisamente più comodi per la regolazione in altezza: con l'ABR, che è più stretto, si riesce ad abbassare di più lo stopbar; con il Nashville, invece, c'è meno margine per via dell'angolo tra la corda e il filo del blocchetto (il che ti porta più facilmente ad avere la corda attaccata, o comunque vicina, al metallo - con tutti i rischi del caso).

 

A livello sonoro, io ho più volte sostituito Nashville (e relativi inviti nel legno) e stopbar (in zama) con un kit "conversione" marca Faber tipo ABR, tutto in alluminio (sia ABR e piloncini, sia stopbar) con sellette in ottone. La differenza sonora è stata chiara (almeno in casa; prova fatta su Firebird, Les Paul Special ed Explorer).

 

La spesa è discreta (il mio kit, ad oggi, viene intorno ai 130euro, ma ci sono marchi anche più costosi), ma secondo me ne vale la pena - specialmente per il discorso regolazione, a me lo stopbar piace raso-top.

 

Ora monto sempre il tipo ABR [biggrin]

 

Grazie Rick appena posso ed ho un pò di tempo mi metto al lavoro in tal senso. Sei stato prezioso. [thumbup] Buona domenica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trovo che i ponti tipo ABR (a prescindere dal marchio) siano decisamente più comodi per la regolazione in altezza: con l'ABR, che è più stretto, si riesce ad abbassare di più lo stopbar; con il Nashville, invece, c'è meno margine per via dell'angolo tra la corda e il filo del blocchetto (il che ti porta più facilmente ad avere la corda attaccata, o comunque vicina, al metallo - con tutti i rischi del caso).

 

A livello sonoro, io ho più volte sostituito Nashville (e relativi inviti nel legno) e stopbar (in zama) con un kit "conversione" marca Faber tipo ABR, tutto in alluminio (sia ABR e piloncini, sia stopbar) con sellette in ottone. La differenza sonora è stata chiara (almeno in casa; prova fatta su Firebird, Les Paul Special ed Explorer).

 

La spesa è discreta (il mio kit, ad oggi, viene intorno ai 130euro, ma ci sono marchi anche più costosi), ma secondo me ne vale la pena - specialmente per il discorso regolazione, a me lo stopbar piace raso-top.

 

Ora monto sempre il tipo ABR [biggrin]

 

Ciao Rick :)

Premesso che non sono un fan dell'ABR, mi ha sempre dato l'idea di scarsa solidità rispetto al Nashville, e dello stesso parere è pure il mio liutaio di fiducia, il quale sostiene che il classico ABR Gibson sia il peggio ponte in circolazione [lol]

Detto questo, recentemente mi sono comprato un ponte Gotoh tipo ABR (molto più evoluto) e uno stopbar in alluminio sempre della Gotoh che avrebbero dovuto finire sul mio nuovo arrivo (una SG Custom bianca 3 pick up del 2011 [biggrin] ). Per motivi di compatibilità di "attacchi" non sono però riuscito a montarli, ripiegando così sui ricambi Gibson.

A questo punto, se non riesco a venderli, potrei metterli sull'explorer natural, che appunto ha l'hardware dorato. Che differenza timbrica hai notato rispetto al Nashville? Oltre al fatto di avere più "spazio di manovra"...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Rick appena posso ed ho un pò di tempo mi metto al lavoro in tal senso. Sei stato prezioso. [thumbup] Buona domenica

 

Ovviamente sono considerazioni soggettive..qualche prova l'ho fatta, ma è sempre relativo [thumbup] Buona domenica!

 

Ciao Rick :)

Premesso che non sono un fan dell'ABR, mi ha sempre dato l'idea di scarsa solidità rispetto al Nashville, e dello stesso parere è pure il mio liutaio di fiducia, il quale sostiene che il classico ABR Gibson sia il peggio ponte in circolazione [lol]

Detto questo, recentemente mi sono comprato un ponte Gotoh tipo ABR (molto più evoluto) e uno stopbar in alluminio sempre della Gotoh che avrebbero dovuto finire sul mio nuovo arrivo (una SG Custom bianca 3 pick up del 2011 [biggrin] ). Per motivi di compatibilità di "attacchi" non sono però riuscito a montarli, ripiegando così sui ricambi Gibson.

A questo punto, se non riesco a venderli, potrei metterli sull'explorer natural, che appunto ha l'hardware dorato. Che differenza timbrica hai notato rispetto al Nashville? Oltre al fatto di avere più "spazio di manovra"...

 

Boh, ma solidità per cosa? Mica devi passarci sopra con la macchina [lol]

 

Ci sono tante varianti, incluse quelle locking tipo il Tonepros AVR -che ho avuto sulla 335. Questo, nello specifico, è comodo perchè ti consente di bloccare il ponte tramite due brugoline una volta trovato il settaggio: non ti si muove finché non lo sblocchi, e non rischi di perdere la regolazione durante un cambio corde "completo" (tipo in occasione di una pulizia tasti/tastiera).

 

Ovviamente, non si possono piazzare i piloncini dell'ABR dentro ai nottolini del Nashville..il Faber che ho rimedia a questo problema grazie al piloncino in pezzo unico con il "tondino" da inserire nel legno. In pratica, si tira via la femmina del Nashville dal legno e si piazza, nello stesso, il maschio del Faber.

 

Circa il cambio, ho generalmente notato una minore "acidità", specialmente sulle corde alte; oltre a un suono più bilanciato come volume, e -suppongo, ma non ho modo di misurarlo scientificamente [biggrin] - una migliore trasmissione delle vibrazioni. Anche suonate scollegate, mi son sembrate molto più risonanti.

 

Ah, e poi son tutti pezzi in alluminio più leggeri.

Share this post


Link to post
Share on other sites

... comunque tra ABR e Nashville quanto a sonorità cambia poco o niente... si tratta più che altro di una questione estetica oltre al fatto, come già giustamente detto, che con l'ABR si riesce ad avere una diversa angolazione delle corde e di conseguenza ad abbassare di più lo stoptail (a meno di non usare il wraparound con il Nashville)... quello che invece a livello di sonorità influisce MOLTO di più è il passaggio ad uno stoptail in alluminio!

Share this post


Link to post
Share on other sites

... comunque tra ABR e Nashville quanto a sonorità cambia poco o niente... si tratta più che altro di una questione estetica oltre al fatto, come già giustamente detto, che con l'ABR si riesce ad avere una diversa angolazione delle corde e di conseguenza ad abbassare di più lo stoptail (a meno di non usare il wraparound con il Nashville)... quello che invece a livello di sonorità influisce MOLTO di più è il passaggio ad uno stoptail in alluminio!

 

Giusto. Ma davo per scontato l'associazione "Nashville + tom = zama / ABR + tom = alluminio"...mea culpa :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giusto. Ma davo per scontato l'associazione "Nashville + tom = zama / ABR + tom = alluminio"...mea culpa :)

 

... no ma mica volevo "bacchettare" il tuo intervento, anche perché tu ti riferivi al Faber (che tra l'altro ho messo pure io sulla Standard) che è effettivamente in alluminio! Parlavo delle mie impressioni in generale! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

... comunque tra ABR e Nashville quanto a sonorità cambia poco o niente... si tratta più che altro di una questione estetica oltre al fatto, come già giustamente detto, che con l'ABR si riesce ad avere una diversa angolazione delle corde e di conseguenza ad abbassare di più lo stoptail (a meno di non usare il wraparound con il Nashville)... quello che invece a livello di sonorità influisce MOLTO di più è il passaggio ad uno stoptail in alluminio!

 

Ecco. Lo stoptail il alluminio come influisce sul suono?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco. Lo stoptail il alluminio come influisce sul suono?

 

... in linea di massima e per quello che è la mia esperienza il suono è più definito e si "schiarisce" un po'... poi ovvio che c'è alluminio e alluminio e ogni chitarra fa storia a se, oltre ai tanti altri fattori che vanno ad incidere!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, ma se le corde sono tese e vibrano tra il capotasto e il ponte, come è possibile che cambiando il materiale dello stoptail cambi il suono? Capisco se si cambia il materiale delle sellette, o del capotasto... ma lo stoptail?

Sarebbe come dire che cambiando il materiale con cui sono fatte le meccaniche, anziché il materiale del capotasto, il suono cambia (sulle corde a vuoto ovviamente).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, credo (dovrei saperlo con certezza ma chi si ricorda) che in teoria le vibrazioni interessino tutti i materiali che compongono la chitarra, una volta innescata l'onda; al di là dei punti fissi che dicevi (capotasto e sellette) l'onda si smorza ma prosegue all'interno della corda fino a raggiungerne la fine... quindi di per sè dovrebbero influire anche le meccaniche, il ponte e lo stopbar...

 

E' un po' come il discorso del bottleneck: siccome vibra anche lui insieme alle corde, cambiandone il materiale cambia il suono...

 

Ecco, dopo 'sta sparata riprendo a fare il mio lavoro che è meglio (come direbbe un omino blu alto due mele o poco più)...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, ma se le corde sono tese e vibrano tra il capotasto e il ponte, come è possibile che cambiando il materiale dello stoptail cambi il suono? Capisco se si cambia il materiale delle sellette, o del capotasto... ma lo stoptail?

Sarebbe come dire che cambiando il materiale con cui sono fatte le meccaniche, anziché il materiale del capotasto, il suono cambia (sulle corde a vuoto ovviamente).

 

Tutti i componenti influenzano in modo più o meno pronunciato il suono. Lo stoptail lo influenza perchè è l'anello di giunzione tra corda e body.

 

Poi sul QUANTO lo influenzi non mi pronuncio perchè allo stato attuale non ho visto nessun test comparativo fatto a regola d'arte. Tutti dicono che dopo aver cambiato il materiale dello stoptail o del ponte il suono "cambia", ma gli altri parametri sono UGUALI? (altezza ponte, angolo inclinazione corde, materiale del plettro, FORMA del plettro, corde, amplificatore, cassa, cavi, altezza pickup etc etc etc).

Bisognerebbe prendere la stessa chitarra, rilevare precisamente i vari parametri di cui sopra, analizzarne la riposta sonora tramite apposito software, sostituire il ponte, rimettere i parametri come la prima prova e poi rianalizzare il tutto. Potrei scommettere che su variazioni tipo meccaniche la diversità di suono è rilevabile solo a livello strumentale.

 

Sugli strumenti elettrici normalmente la variazione è minore rispetto agli strumenti acustici dove anche i particolari determinano variazioni apprezzabili del suono percepito. Mai provato a suonare un'acustica tenendola attaccata al tuo corpo e poi a suonarla tenendola leggermente staccata? :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

... e che dire... su due Gibson (SG e LP Standard) ho montato due stoptail (diversi) in alluminio al posto degli originali in zamak e su entrambe (a parità di pickup, nashville, corde e tutto il resto) il suono è cambiato eccome... sarà dovuto, come detto, al contatto col corpo e relative vibrazioni (del resto anche il tipo di legno influisce sul suono) oppure a chissà che altro, però è così...

Share this post


Link to post
Share on other sites

... e che dire... su due Gibson (SG e LP Standard) ho montato due stoptail (diversi) in alluminio al posto degli originali in zamak e su entrambe (a parità di pickup, nashville, corde e tutto il resto) il suono è cambiato eccome... sarà dovuto, come detto, al contatto col corpo e relative vibrazioni (del resto anche il tipo di legno influisce sul suono) oppure a chissà che altro, però è così...

 

Tra i ricordi che il nostro cervello tende a dimenticare più in fretta c'è proprio il suono. Già a distanza di qualche minuto valutare se il suono A è diverso dal suono B è sostanzialmente impossibile - figuriamoci poi per dei suoni molto simili come quelli prodotti da chitarre alle quali è stato cambiato lo stoptail. La rilevazione strumentale è l'unico modo per capire se effettivamente dei cambiamenti sostanziali ce ne sono stati. Non sottovalutiamo l'effetto suggestione.

 

Un esempio del tutto personale: per rendermi conto della variazione di suono tra un cavo "normale" e un cavo di ottima qualità ho dovuto fare la comparazione A/B a distanza di pochi secondi. Solo lì mi sono accorto che "ah cavolo, senti che bello aperto che è il suono con questo cavo".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti sono sempre stato, e l'ho detto molte volte, scettico sulle comparazioni fra configurazioni che richiedono ore se non più, tra un intervento e l'altro.

Solo su roba 'cava e metti' la cosa ha senso.

Tra l'altro, c'è sempre il fattore 'aspettativa' che si manifesta invariabilmente quando sei convinto che il pezzo che hai comprato, e magari pagato caro debba per forza introdurre un miglioramento, come ti aspetti che una chitarra da 5k sia per forza una bestia feroce.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,una bella differenza a livello meccanico la fanno i tailpiece e gli avr-2 in alluminio della TonePros, nel senso che al cambio di tutte le corde non finiscono sul top e ti rigano la chitarra perché sono bloccati da due brugoline e forse a livello non cambia molto.

La differenza maggiore secondo me la dà il tailpiece in alluminio o in zamak per la risonanza diversa propria delle leghe in questione,cosa che anche forse la massa maggiore del Nashville può dare (senz'altro è più comodo per regolare le ottave).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, io ho sempre fatto le prove "A/B", non toccando le varie altezze di pu e ponte (o almeno tenendo il minimo scarto possibile utilizzando il calibro), e montando le stesse, esatte corde. Dunque le differenze le ho rilevate a parità di condizioni (plettri, cavo, ampli, altezze varie), e ho notato un miglioramento generale.

 

Non ho registrato con microfono, scheda audio e programmino perchè non avevo voglia nè tempo di mettermi li, ma va aldilà della "questione psicologica del prezzo" (tanto che ho comprato un ABR Gibson di riserva, in attesa degli altri componenti - e di una chitarra su cui montarlo [biggrin] )

 

Ma, ripeto, i cambi io li ho sempre fatti in primis per la questione delle regolazioni, e in secundis per il suono!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti sono sempre stato, e l'ho detto molte volte, scettico sulle comparazioni fra configurazioni che richiedono ore se non più, tra un intervento e l'altro.

Solo su roba 'cava e metti' la cosa ha senso.

Tra l'altro, c'è sempre il fattore 'aspettativa' che si manifesta invariabilmente quando sei convinto che il pezzo che hai comprato, e magari pagato caro debba per forza introdurre un miglioramento, come ti aspetti che una chitarra da 5k sia per forza una bestia feroce.

 

 

... il cambio di stoptail si fa in cinque minuti... una ventina cambiando pure i perni, non certo in ore... quanto al fattore "aspettativa" vista la veneranda età e la disillusione a 360 gradi credo di averlo seppellito da un bel po' [biggrin]

 

... poi oh, che ti/vi devo dire... più che: provate! Sinceramente non ho altro da aggiungere... se poi per voi è SEMPRE tutto uguale, meccaniche, ponti, materiali, condensatori, potenziometri, pickup, TUTTO, non cambia niente... solo quello che esce "di fabbrica" da mamma Gibson è perfetto e non migliorabile, mai! E non importa poi che loro per primi hanno cambiato millemila volte qualsiasi cosa...

 

Stanti così le cose onestamente non so più che altro aggiungere e non mi resta che gettare la spugna ed accodarmi ai millemila coglioni come me (alcuni ben più sgamati del sottoscritto, ma vabbé) che si lasciano abbindolare da 'ste boiate e che magari - dopo averle provate - pensano di poter dire a ragion veduta che, talvolta, qualcosina cambia... non sempre, non con tutto, ma A VOLTE si!!

 

P.S. niente di personale eh Gianni, sia chiaro, ti voglio bene come e più di prima [smile]

Share this post


Link to post
Share on other sites

... il cambio di stoptail si fa in cinque minuti... una ventina cambiando pure i perni, non certo in ore... quanto al fattore "aspettativa" vista la veneranda età e la disillusione a 360 gradi credo di averlo seppellito da un bel po' [biggrin]

 

... poi oh, che ti/vi devo dire... più che: provate! Sinceramente non ho altro da aggiungere... se poi per voi è SEMPRE tutto uguale, meccaniche, ponti, materiali, condensatori, potenziometri, pickup, TUTTO, non cambia niente... solo quello che esce "di fabbrica" da mamma Gibson è perfetto e non migliorabile, mai! E non importa poi che loro per primi hanno cambiato millemila volte qualsiasi cosa...

 

Stanti così le cose onestamente non so più che altro aggiungere e non mi resta che gettare la spugna ed accodarmi ai millemila coglioni come me (alcuni ben più sgamati del sottoscritto, ma vabbé) che si lasciano abbindolare da 'ste boiate e che magari - dopo averle provate - pensano di poter dire a ragion veduta che, talvolta, qualcosina cambia... non sempre, non con tutto, ma A VOLTE si!!

 

P.S. niente di personale eh Gianni, sia chiaro, ti voglio bene come e più di prima [smile]

Non ho detto che non ci sia nulla di migliorabile, dico solo che è molto ma molto arduo valutarne gli effetti.

Per esempio, cambiando lo stop tail, che fai in 5 minuti, vuoi dirmi che rimetti di nuovo le corde vecchie che erano montate prima ( abominio IMHO ...) ? E l'altezza, di quello nuovo, sei sicuro di averla mantenuta inalterata?

Bacio, TVB [rolleyes]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per esempio, cambiando lo stop tail, che fai in 5 minuti, vuoi dirmi che rimetti di nuovo le corde vecchie che erano montate prima ( abominio IMHO ...) ? E l'altezza, di quello nuovo, sei sicuro di averla mantenuta inalterata?

Bacio, TVB [rolleyes]

 

Ehm..si, per amore dela scienza, si, ho anche tenuto le corde vecchie che erano montate prima [biggrin]

Altezza inalterata, perchè con l'ABR ho tirato tutto basso lo stoptail..dunque, ero sicuro di sapere dov'era prima [lol]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho detto che non ci sia nulla di migliorabile, dico solo che è molto ma molto arduo valutarne gli effetti.

Per esempio, cambiando lo stop tail, che fai in 5 minuti, vuoi dirmi che rimetti di nuovo le corde vecchie che erano montate prima ( abominio IMHO ...) ? E l'altezza, di quello nuovo, sei sicuro di averla mantenuta inalterata?

Bacio, TVB [rolleyes]

 

... ovvio che al tempo ho lasciato le vecchie, sennò i minuti sarebbero aumentati e, ovviamente, il suono cambiato con corde nuove.... l'altezza era pure quella inalterata posto che ho semplicemente sfilato uno stoptail e ne ho messo un altro!

 

TVTB!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...