Jump to content
Gibson Brands Forums
Sign in to follow this  
MatteoLP

Sondaggio: che marca di corde usate?

Recommended Posts

Ciao a tutti!

So che essere noioso è il mio forte, però volevo proporvi un sondaggio: Che marca di corde usate?:-k

 

Io per la elettrica le D'Addario le odio[-( , si sente che frizzano e durano molto meno delle ErnieBall, che uso abitualmente (le regular slinky 10-46). Per l'acustica è un'altra storia: lì si che le D'Addario mi piacciono, vanno forte e durano piuttosto tanto.

 

Vi lascio la parola...

Ciaociao,

Matteo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao; io attualmente sulla Gibson uso D'Addario Nickel, scalatura 10.46. Ero intenzionato a passare alle 11, ma mi è stato sconsigliato visto il manico non troppo cicciotto della mia SG.

Ne approfitto per farti i complimenti per la tua ES339; è davvero bella, e a quel prezzo immagino sia un peccato lasciarsela scappare. Esiste anche in finitura rossa, giusta?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gibson Vintage 10-46 su praticamente tutte le Gibson , per esclusione della 335 dove monto le Dean Markley Blue Steel , corde veramente superlative, sull'acustica ho le Martin da 011, e sulle Fender 010 ErnieBall.

ho provato credo di tutto ed alla fine è da un bel po che uso queste 3 marche

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, sono contento che si tratti questo argomento perche a breve anch'io per la prima volta su un elettrica dovrò cambiare le corde. mi interessano anche i pareri sulla misura oltre la marca: ho letto che SRV usava corde molto spesse

(tipo 0.13/0.14!! non sapevo manco esistessero! per dare alla Strat un suono più esplosivo)...dato che sono abituato alla chitarra spagnola non mi faccio scrupoli di metterle un pò più spesse, ma ne vale la pena?

Share this post


Link to post
Share on other sites

...attualmente ernie ball 1046 regular..

 

le d'addario le usavo , ma sono un po' troppo durette...

 

ho provato anche le blue steel.... un po' caruccie fra l'altro, ma buone

 

a dirla tutta non ho mai notato ste differenze abissali fra una corda e l'altra... ovviamente parlando sempre di buone corde e buone marche a confronto..

 

le corde Gibson non le ho ancora provate... mi sono sate sconsigliate da più parti ,anche se discrete....bho... :-k

 

gturcati.......conosco chitarristi "pazzi" che come mi basso per la chitarra usano la corda più sottile del basso...o quasi!:-k

dipende da che sonorità vuoi ottenere...ma già le 0.11 o al massimo le 0.12 sono delle belle cordone con un suono cicciuto.... oltre non andrei personalmente..

specie con una les paul ,che ha già un suono grosso di suo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo... La 10-46 è una buona scalatura nella media... Sta cosa dell'usare la 1a corda del basso come E basso della chitarra non l'avevo proprio mai sentita:-s !!

 

Per keith: Si, esiste in 3 colori : Antique Vintage Sunburst (che è la mia), Antique Cherry e Caramel Burst (che è il secondo colore che avrei scelto se non ce ne fossero state di colore sunburst).

Non sono neanche così care come fanno credere, essendo custom shop... io la ho pagata appena 1200 con spedizione...

 

Regards,

Matteo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io usavo le Ernie Ball 10-46 sia sulla Les Paul che sulla SG, ma da quando ho provato le d'addario non torno più indietro...io ho sempre avuto problemi di sudorazione con le mani, e mentre le ernieball dopo un giorno erano gia ossidate (pulendole sempre dopo aver finito di suonare), ho notato che le d'addario durano molto di più...

Share this post


Link to post
Share on other sites

io sulle elettriche solid body attualmente uso le gibson,ho provato le vintage e credo siano ottime.infatti notai la differenza quando appena comprata l'sg dalla smania di suonare mi misi a suanarla da spenta in auto e risuonava di brutto,poi capii che non era tutto merito della chitarra.le altre tipo le les paul fanno schifo,risuonano troppo poco e mi sembrano anche più sottili di altre della stessa scalatura,boh.il contro delle corde gibson è che durano poco, 2 mesi e gia si scuriscono e diventano mollicce.

 

per la misura sono saltato per molto tempo da 0,9 a 0,10 provando raramente anche altre.per me le 10 sono il compromesso perfetto,non troppo dure non troppo mollicce,si lasciano suonare.le corde sopra 10, le usano i metallari(quelli che il vero metal buono non l'hanno mai sentito),vai a capire perchè?ma non alsi la corda nemmeno col crik,sotto le 10 invece puoi tenderle per farci tiro con l'arco.

 

credo che la marca non conti molto mentre la misura dipende dalla chitarra,stesse corde danno sensazioni diverse su manici diversi e magari possono essere troppo fine o troppo grosse,è soggettivo. ciauuuuuuuu!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

credo che la marca non conti molto mentre la misura dipende dalla chitarra' date='stesse corde danno sensazioni diverse su manici diversi e magari possono essere troppo fine o troppo grosse,è soggettivo. ciauuuuuuuu!!![/quote']

 

Guarda, la marca conta, a me le Blue Steel piacciono moltissimo, nel senso che hanno un suono pareticolarmente pieno ed hanno la peculiarità di essere morbidissime, la sensazione che mi danno è quella di suonare su corde di Nylon per quanto morbide sono, fai dei bend spaventosi e mantiene molto bene l'accordatura, durano molto, ma costano parecchio, capisci che su una possono passare, ma metterle su tutte e 15 diventa piuttosto oneroso, e poi il suono delle Gibson Vintage è molto bello

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io uso sulla R9 delle Gibson Vintage da 010 mentre sulla Special delle Les Paul 009.

Mi piace il suono delle corde Gibson (soprattutto le vintage).

Prima, quando suonavo con la Fender usavo delle Ernie Ball 009.

Qualcuno sa dirmi che differenza c'è fra le Gibson vintage reissue e le Gibson brite wires???

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io uso sulla R9 delle Gibson Vintage da 010 mentre sulla Special delle Les Paul 009.

Mi piace il suono delle corde Gibson (soprattutto le vintage).

Prima' date=' quando suonavo con la Fender usavo delle Ernie Ball 009.

Qualcuno sa dirmi che differenza c'è fra le Gibson vintage reissue e le Gibson brite wires???[/quote']

 

le Vintage dovrebbero avere in più la copertura al Nikel che rende il suono più caldo, cmq il suono tra le due è veramente diverso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ernie ball regular slinky 10-46 the best:-({|=

 

X matteoLP

veramente molto interessante la ES339, ma dimmi?!! va bene solo per il blues o anche per il rock? il suono assomiglia a quello della Les paul?

 

 

Grazie ciao

Jam

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene bene, mi fa piacere vedere che l'argomento suscita un po' di interesse:-k ...

Alnico mi ha piuttosto incuriosito circa le Gibson Vintage e alle Blue Steel... Ma sinceramente, quanto costa una muta completa di Gibson Vintage o Blues Steel?

Io rimango cmq del parere che le ErnieBall sono ottime e durano molto.

 

X JamLP: Dunque, io suono principalmente rock e blues, roba anni '80 ma anche di ChuckBerry come stile, per intenderci... Per questo non mi sono preso una Dean, o che ne so, di certo non faccio metal!

Come suono, guarda, credimi è una bomba! Monta una nuova circuitazione detta Menphis Tone con potenziometri da 500k e tirano alla grande!! Ha i '57 classic e come suono ricorda quello di una les paul, però in effetti ha anche un che di ES... Sottolineo inoltre che è comodissima da suonare, anche da seduti, e pesa veramente poco...

A mio giudizio una gran bella chitarra...

 

Ciawi,

Matteo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho da sempre usato D'Addario: .08 sulle LP e .09 sulle ES ... ma ultimamente ( 3-4 anni a questa parte ) trovo che in fatto di durata siano moltissimo scadute.

La riprova l'ho avuta perchè nel cassettino di una custodia avevo messo da parte qualche muta, che è rimasta poi li dimenticata, penso dal 93/94.

Montate su mi hanno convinto che la durata attuale è veramente scaduta, qualche muta contemporanea infatti mi diventa insuonabile nel giro di tre-quattro sere.

Penso che proverò a fare arrivare qualche muta Gibson, visto che di primo equipaggiamento ne ho un bel ricordo ( a parte la scalatura, ma è personale ) e ne sento parlare bene.

Bau!

Share this post


Link to post
Share on other sites
per la misura sono saltato per molto tempo da 0' date='9 a 0,10 provando raramente anche altre.per me le 10 sono il compromesso perfetto,non troppo dure non troppo mollicce,si lasciano suonare.le corde sopra 10, le usano i metallari(quelli che il vero metal buono non l'hanno mai sentito),vai a capire perchè?ma non alsi la corda nemmeno col crik,sotto le 10 invece puoi tenderle per farci tiro con l'arco.

 

Ho usato 0.12 e uso 0.11 ErnieBall...E sono fiero di essermi fatto una mano con le palle sacrificandomi per alcuni mesi...

 

Quello che penso Io è che per la misura bisogna provare...e riprovare...

Anche Io tornerò tra breve tempo alle 0.10, ma è stata cmq un esperienza quella di utilizzare corde più spesse...e le esperienze servono.

Per le 0.12 più che un crik son bastate due settimane di allenamento... :-] ...e le 0.11 si alzano che è una meraviglia...dopo aver suonato 0.12 per un po' di mesi... (..e suonano da paura..)

 

p.s..La maggiorparte (90%) dei metallari usa corde 0.10... :-] ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Ho usato 0.12 e uso 0.11 ErnieBall...E sono fiero di essermi fatto una mano con le palle sacrificandomi per alcuni mesi...

 

Quello che penso Io è che per la misura bisogna provare...e riprovare...

Anche Io tornerò tra breve tempo alle 0.10' date=' ma è stata cmq un esperienza quella di utilizzare corde più spesse...e le esperienze servono.

Per le 0.12 più che un crik son bastate due settimane di allenamento... :-'] ...e le 0.11 si alzano che è una meraviglia...dopo aver suonato 0.12 per un po' di mesi... (..e suonano da paura..)

 

p.s..La maggiorparte (90%) dei metallari usa corde 0.10... :-] ...

 

Effettivamente tutti quelli che conosco io usano adirittura 0.09

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho cambiato per la prima volta le corde, ho messo le vintage: minkia che differenza! sembra un'acustica adesso! vi volevo chiedere una consulenza su due cose: quando le ho smontate ho notato erano inserite al contrario, con i nottolini girati verso il manico,e quindi le ho montate pari pari. però vedendo alcune foto e un video di D'addario ho visto che si montano anche normalmente (come le ho sempre montate su classiche e acustiche). come funziona? uno le mette come preferisce?

Poi vi volevo chiedere se l'action la misurate "a muzzo" con tesserine tipo carta di credito o simili, o se è consigliabile qualche misuratore di precisione..e nel caso anche le misure che ritenete più congeniali per suonare blues e rock. muchas gracias a todos:d/

Share this post


Link to post
Share on other sites
ho cambiato per la prima volta le corde' date=' ho messo le vintage: minkia che differenza! sembra un'acustica adesso! vi volevo chiedere una consulenza su due cose: quando le ho smontate ho notato erano inserite al contrario, con i nottolini girati verso il manico,e quindi le ho montate pari pari. però vedendo alcune foto e un video di D'addario ho visto che si montano anche normalmente (come le ho sempre montate su classiche e acustiche). come funziona? uno le mette come preferisce?

Poi vi volevo chiedere se l'action la misurate "a muzzo" con tesserine tipo carta di credito o simili, o se è consigliabile qualche misuratore di precisione..e nel caso anche le misure che ritenete più congeniali per suonare blues e rock. muchas gracias a todos:d/ [/quote']

 

kribbio, non capisco!!

vorresti dire che le corde erano montate come si montano sul wraparound delle '54?

 

C43427.JPG

 

se erano montate così erano state montate non di certo di serie, quando la Les Paul ha l'ABR non serve montarle in quella maniera, anzi, montate in quel modo fanno meno forza sul ponte, quindi "in teoria" togli sustain al suono.

L'unico motivi per una installazione così e solo per ridurre i rischi di rotture delle corde sulle sellette, qualcuno dice che in questo modo si ha anche una maggiore morbidezza dell'action specialmente nell'esecuzione dei bending,,,mahh!!

 

Guarda, io personalmente l'action non la guardo mai, e non riscontro mai problemi, forse perchè uso sempre le stesse corde sia in marca che in scalatura, ma non ho mai ritoccato l'action....sulle Gibson !!! sulle Fender lasciamo perdere ^_^

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io l'action l'ho sempre regolata a mano... Ad occhio, per intenderci, e non mi ha mai dato nessun tipo di problema, le corde non frizzano e scorre che è un piacere.

Sulla es ho dovuto fare gli straordinari perché gli sfaticati di casa gibson le hanno fatto un setup degno della mia tavoletta del water... scusatemi, eh!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cazzata no!' date=' ma regolarmente dovrebbe essere così

 

[img']http://www.provide.net/~cfh/p90tune.jpg[/img]

 

come le hai messe non ha poi molto senso, è più quello che perdi che quello che guadagni

Aggiornamento!

Sembrerebbe che oltre al prò precedentemente citato, (quello assodato che aiuterebbe ad ammorbidire l'action) vi siano ora due scuole di pensiero che si oppongono. La discordanza è proprio sul Sustain.

Mentre prima affermavo con sicurezza che passare le corde sopra faceva diminuire il Sustain ,ora ho una nuove pulce nell'orecchio, difatti qualcuno sostiene il contrario, ma non perchè faccia più "mordente" il Taipiace, ma perchè facendo passare le corde sopra, se si alza completamente fino al limite possibile il suddetto, esso permetta alle corde di poggiare sulle sellette in maniera quasi orrizzontale forzando solamente sulle sellette.Il discorso è che nelle applicazioni normali ,secondo qualcuno, le corde dopo le sellette andando ad inclinarsi drasticamente verso il basso e toccando il corpo dell'ABR stesso ,facciano diminuire il Sustein appunto perchè appoggiando in due punti (sellette ed ABR) la vibrazione vengono in un certo senso assorbite

Detto questo sarebbe da comparare due strumenti identici con le due applicazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

...mi sembrava...!

 

infatti anch'io sapevo che la corda dopo la selletta è meglio che non vada giù "a picco" sul fermacorde...ed è quindi meglio tenere il fermacorde non proprio attaccato al top..che più giù di così non si può! ma leggermente alzato (diciamo un due giri sui perni) ...per evitare che le corde più spesse vadano a toccare sul bordo del ponte smorzando le vibrazioni..

questo dovrebbe favorire leggermente il sustain... chiaro che si parla sempre di aggiustamenti mirati... non di cambiamenti abissali..

poi dipende anche dall'altezza con cui è regolato il ponte... nella foto ad esempio mi sembra veramente molto basso e quindi il fermacorde può essere anche completamente giù..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...