Jump to content
Gibson Brands Forums

Discutiamo di pedali


Alnico

Recommended Posts

Ecco, se l'esigenza è quella io francamente mi terrei lì alla mano un'altra chitarra detunata appositamente .. non so se è molto razionale ma risolvi, anche se può essere macchinoso lo so il cambio strumento in certi contesti.

 

Ovviamente seguirò il tuo consiglio. Una delle mie chitarre per un certo periodo è stata dedicata esclusivamente ad accordature droppate. Purtroppo mi sono reso conto che era veramente sacrificata e mi ritrovavo a suonarla sporadicamente. Se si presenterà l' esigenza magari lo farò di nuovo. Per ora mi limiterò a accordare sotto le poche volte che mi servirà.

Grazie di nuovo ;)

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 3.1k
  • Created
  • Last Reply

Riguardo ai termini, forse nel detuner gli algoritmi (in digitale) o i circuiti (in analogico) sono ottimizzati per variazioni nell'ordine dei cent. di tono; nel pitch shifter nell'ordine dei semitoni e infine nell'octaver... credo sia evidente [biggrin].

 

Data la non eccelsa qualità dei risultati, che comunque è molto migliorata rispetto ad un passato anche recente, normalmente questi effetti si usano soltanto per doppiare, e praticamente mai per sostituire, il segnale dry.

 

I rack che lavorano, sul segnale di linea (di livello decisamente superiore al segnale Hiz, quello per cui sono concepiti in genere i pedali) sono forse per questo avvantaggiati, e offrono una resa migliore.

Da non dimenticare infine che queste famiglie di effetti nel dominio digitale non sono esenti da latenza ( il ritardo temporale rispetto al segnale dry, nel quale gli algoritmi effettuano "i calcoli") più o meno consistente.

Link to comment
Share on other sites

In definitiva mi par di capire che nulla sia in grado di sostituire egregiamente un' accordatura droppata.

Bon, farò la tremenda fatica di ruotare le meccaniche ogni volta che mi servirà un' accordatura differente da quella standard in Mi [biggrin]

gira, gira Frà, che ti fai i muscoli :D

Link to comment
Share on other sites

In definitiva mi par di capire che nulla sia in grado di sostituire egregiamente un' accordatura droppata.

Bon, farò la tremenda fatica di ruotare le meccaniche ogni volta che mi servirà un' accordatura differente da quella standard in Mi [biggrin]

Ma l'accordatura standard non e' in LA ?

Mi la re sol si mi

Link to comment
Share on other sites

Ma l'accordatura standard non e' in LA ?

Mi la re sol si mi

 

Sì penso che Fra intendesse quello, comunque con l'accordatura in drop il basso deve essere un tono sotto all'accordatura canonica, che sia essa in La o più bassa, quindi se la standard è E-A-D-G-B-E, il drop D ad esempio sarà D-A-D-G-B-E, quindi se Fra utilizza il Drop D deve riaccondare solo la 6° corda! [thumbup]

Link to comment
Share on other sites

Ma va là, Fra rimani col culo pesante e comprati una Robot! [biggrin]

 

Haha, grande Ale!

Vedi Luca, impara dall' ISO a dare i consigli....altro che muscoli e muscoli [lol]

 

Ma l'accordatura standard non e' in LA ?

Mi la re sol si mi

 

[lol]

Urca che casotto che ho fatto! sissi, intendevo quello. Mea culpa....è che per un momento mi sono sentito ammerricano [blush]

Link to comment
Share on other sites

Ma l'accordatura standard non e' in LA ?

Mi la re sol si mi

ricorda sempre Giulio, semmai di capiterà di sentire o di leggere questi termini:

 

accordatura in drop: come ti ha detto Iso, la 6° corda (mi grave) salta di un tono sotto allo standard, cioè così come è accordata la tua chitarra, come ha detto lui, il Mi diventa un Re, ed ecco il drop D, se fosse un drop C, il Mi diventa un Do, quindi scende di due toni, mentre tutte le altre 5 corde scendono di un solo tono.

 

accordatura detuning: tutte le corde balzano avanti o indietro di pari tonalità, a differenza del drop che richiede un ulteriore tono sulla corda più bassa

Link to comment
Share on other sites

....quindi se Fra utilizza il Drop D deve riaccondare solo la 6° corda! [thumbup]

 

No no, spè, tu intendi una roba tipo quella usata in "Moby D ick" dei Led Zeppelin vero (mi pare che quella canzone sia suonata con la sesta corda tirata giù in Re)? Quindi un drop D come dice il Sugo?

 

Nono, di solito mi serve accordare TUTTO un mezzo tono sotto, tipo per alcuni pezzi di Hendrix, o tutto giù di un tono, tipo per i Mastodon. Accordature in drop mi sono servite di rado, se non appunto per la suddetta "Moby D ick" (non vorrei ricordare male, è un secolo che non la suono).

 

PS: "Moby ****" scritto come si deve me lo censura come vedete, quindi ho dovuto inserire uno spazio [lol]

Link to comment
Share on other sites

No no, spè, tu intendi una roba tipo quella usata in "Moby D ick" dei Led Zeppelin vero (mi pare che quella canzone sia suonata con la sesta corda tirata giù in Re)? Quindi un drop D come dice il Sugo?

 

Nono, di solito mi serve accordare TUTTO un mezzo tono sotto, tipo per alcuni pezzi di Hendrix, o tutto giù di un tono, tipo per i Mastodon. Accordature in drop mi sono servite di rado, se non appunto per la suddetta "Moby D ick" (non vorrei ricordare male, è un secolo che non la suono).

 

PS: "Moby ****" scritto come si deve me lo censura come vedete, quindi ho dovuto inserire uno spazio [lol]

si ma i Mastodon suonano se non erro quasi sempre in drop, lascia stare di quanto, ma il Mi basso risulta sempre un tono sotto "in piu" rispetto alla scalatura, a te invece serve da quanto ho capito un'accordatura detuning, cioè spostata in blocco, così comè', giusto?

 

p.s. Moby Dìck non so com'è, ma è probabile di sì, Page era solito usare diversi tipi di accordature, vedi Kashmir, che dovrebbe essere la famosa DADGAD

Link to comment
Share on other sites

Mmmmm, i Mastodon diciamo che le usano entrambe. Per fare "Divinations" e "Blood and thunder" bastava titare tutto giu di un tono. Ad esempio per "The last Baron", "Oblivion" e "Sleeping Giant" invece bisognava tirare giu la sesta coda di un ulteriore tono.

 

Confermo che per "Moby Dìck" la sesta corda va giu di un tono (re) e per il resto si mantiene il classico la re sol si mi.

Link to comment
Share on other sites

ricorda sempre Giulio, semmai di capiterà di sentire o di leggere questi termini:

 

accordatura in drop: come ti ha detto Iso, la 6° corda (mi grave) salta di un tono sotto allo standard, cioè così come è accordata la tua chitarra, come ha detto lui, il Mi diventa un Re, ed ecco il drop D, se fosse un drop C, il Mi diventa un Do, quindi scende di due toni, mentre tutte le altre 5 corde scendono di un solo tono.

 

accordatura detuning: tutte le corde balzano avanti o indietro di pari tonalità, a differenza del drop che richiede un ulteriore tono sulla corda più bassa

Come facevi a sapere che io drop e detuned li consideravo la stessa cosa ?

Grazie dell' insegnamento, ne faro' tesoro.

 

Belin st' inglese del "fattore di riproduzione maschile"

Link to comment
Share on other sites

Come facevi a sapere che io drop e detuned li consideravo la stessa cosa ?

Grazie dell' insegnamento, ne faro' tesoro.

 

Belin st' inglese del "fattore di riproduzione maschile"

non lo sapevo, ma solitamente se non lo sai si fa confusione e si pensa che sono la stessa cosa ;)

Link to comment
Share on other sites

Dunque il DD-3 come già saprai è digitale, io lo eviterei, non è true bypass ed ha un buffer piuttosto scadente, se vuoi un analogico puoi provare il già citato MXR Carbon Copy, occhio che però scurisce abbastanza le ripetizioni, non ha tempi di delay lunghissimi e non è particolarmente versatile, ma se vuoi un delay semplice da utilizzare e con un bel suono caldo vai isi, sennò anche il Flashback, che fa tante cose e bene, costa pure poco, io andrei su quest'ultimo.

 

L'echo è un delay a sua volta, anzi, potremmo dire che è il primo delay, erano apparecchi a valvole o a nastro, questi ultimi penso che fossero i primi e riproducevano appunto su un nastro il segnale tramite una testina e successivamente c'è altre testine che leggevano ciò che era stato scritto e lo riproducevano, generalmente non ha tempi di delay lunghissimi ed è molto caldo, profondo, avvolgente e tridimensionale, quelli a valvole avevano anche maggiore tendenza a far saturare il suono ripetuto, molti delsy di oggi sono simulatori di echo a valvole o a nastro, sono però delay digitali, esempi calzanti sono lo Skreddy Echo, quello della Strymon che non ricordo come si chiama e anche il famigerato TES costruito da Peter Cornish! [thumbup]

 

Grazie a te, Giacap e Sugamara per le risposte. Penso che proverò il tc electronic, visto che già in 2 ne parlate bene e che già ho il chorus della tc e mi piace da morire, anche se il prezzo anche m'ha fatto morire al tempo! [scared]

 

Cercherò di disfarmi dell' elettro harmonix stereo memory man ed intanto vado a provare il tc electronic.

 

Cmq l'effetto mi serve per Sweet child o mine e per qualche solo in cui l'utilizza, non sò quanto sia corto il suono, ma se si sente estranged dove penso lo usi per gran parte della canzone o altri soli su appetite.

Link to comment
Share on other sites

Complimenti per l'acquisto Ale!

Per cusriosità, ma quanti ne hai di pedali?

 

PS: Forse Venerdi pomerggio sarò a Montecatini, se ci sei ti offro una (da me tanto agoniata) spuma bionda! :)

 

Grazie, in realtà pochi! [thumbup]

 

Fammi sapere se sali, passo a farti un saluto! [biggrin]

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.


×
×
  • Create New...