Jump to content
Gibson Brands Forums

Gibson Cafè IV


Jumpy Guitar

Recommended Posts

A rate?

E poi niente ziospeck, ti capisco benissimo perchè anche a me gira così certe volte, e cambiare strada con tutti i pro e i contro fa parte dell'esperienza di chi sa anche rischiare. Mica vai in peggio, e poi te la puoi sempre ricomprare più in là (magari scambiandola di nuovo...)

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 3.2k
  • Created
  • Last Reply

A rate?

E poi niente ziospeck, ti capisco benissimo perchè anche a me gira così certe volte, e cambiare strada con tutti i pro e i contro fa parte dell'esperienza di chi sa anche rischiare. Mica vai in peggio, e poi te la puoi sempre ricomprare più in là (magari scambiandola di nuovo...)

 

A rate purtroppo no, già ho un mutuo sulla casa.

Peccato solo che, con i tempi che corrono, anche gli scambi/permute sono diventati più difficili. In 6 mesi, questa è l'unica trattativa "seria" che sono riuscito a portare avanti... eppure le R7 in vendita non sono mica poche!

 

PS:

mi ha risposto il CustomerService della Gibson, mi confermano che all'epoca le custodie del CS erano Brown/Pink e che il CoA non veniva ancora fornito... tutto regolare! ah, dimenticavo, i pickup sono i classic'57.

promette bene.

Link to comment
Share on other sites

per il discorso differenze dalle originali qualcosina c'è ancora anche nelle attuali reissue, infatti nella R0 anniversary ci sono parecchie annotazioni nelle caratteristiche tecniche che fanno riferimento alla correttezza storica, qualcosina c'è e sinceramente non saprei nemmeno notarlo se non lo leggo, a volte addirittura leggendo qual è il particolare non riesco a notarlo, quindi piccolezze, o almeno non cose significative come la posizione del pick up, quella si che è un particolare che con poco può variare il suono, un esempio immediato si nota subito nelle PRS con 22 e 24 tasti e relativa differenza del pick al manico, la stessa chitarra nelle 2 versioni suona molto diversa, se hai pazienza e riesci a beccare alnico sicuramente ti spiegarà le differenze nei particolari, anche le più piccole, almeno penso....

Link to comment
Share on other sites

Peraltro con il mio post volevo solo consigliare (personalissimamente) a LDN - che secondo me ha già deciso - di non badare a certe questioni se trova la R7 che fa roar. Sarebbe un peccato, ma ripeto che è un parere personale, perdersi sulla correttezza di questo o quel particolare che la discostano da una 1957.

 

Naturalmente il discorso potrebbe essere molto più complesso.

Link to comment
Share on other sites

Peraltro con il mio post volevo solo consigliare (personalissimamente) a LDN - che secondo me ha già deciso - di non badare a certe questioni se trova la R7 che fa roar. Sarebbe un peccato, ma ripeto che è un parere personale, perdersi sulla correttezza di questo o quel particolare che la discostano da una 1957.

 

Naturalmente il discorso potrebbe essere molto più complesso.

 

quoto...provala e se ti piace pigliala....magari è anche meglio... uguale o non uguale l importante è che ti piaccia e che ci trovi il feeling giusto...

Link to comment
Share on other sites

Mi ero segnato la differenza delle varie Historic da un forum americano fino al 2007 anno di acquisto della mia:

 

1993

* Historic Collection introduced. Models include; '54 Black Beauty, '56

Goldtop, '57 Custom Black Beauty/3 Pickup, '57 Goldtop, '57 Custom

Black Beauty/2 Pickup, '57 Custom Black Beauty with optional Bigsby

Tailpiece, '59 Flametop, '60 Flametop

* First 25 Sunburst and first 15 Goldtops were painted by Tom Murphy.

* Deep neck joint.

* Thin Holly head veneer.

* Silk screened les paul logo.

* Correct pickup routing.

* Les Paul classic aged inlay.

* 57 Classic pickups.

* Kluson replica tuners.

* Vintage letter styled serial#.

*"Historic collection" decal on the back of the headstock.

* Indian rosewood fingerboard.

*"AAAA" grade soft maple top.

* Regular gibson usa brown case.

* Regular early 90s style cherry sunburst.

* Cherry sunburst and heritage darkburst"

* Some models lack pickguard

 

1994

* Historic parts; only pickguard, pickup rings, trussrod cover.

* Regular gibson usa white pearloid inlay.

* "AAAA" grade soft maple top.

* Darker transparent orangy cherry sunburst. (1994-1996)

* First year for the R8

* First 200 of 1994 painted By Tom Murphy

*"Historic collection" decal still on the back of the headstock.

* 1995-2002 both Eastern and Western Maple used for tops

 

1995

 

1996

* "Flametop" R8 introduced in Buttersctch and Vintage Red finishes

* R4 1996 up

 

1997

* ID micro chip in the neck joint.

* Brass bridge saddles instead of steel bridge saddles.

* "AAAAA" grade soft maple top.

* Brighter transparent orangy cherry sunburst. (1997-199

* Pickguard blueprinted and caused a gap, revealing improper placement of the bridge pickup

* Brighter back cherry color.

* Junior 57 1997 up

* Junior 58 1997 up

* Special 58 1997-2000?

* Special 60 1997-up (when they discontinued the Special 58, they incoporated the SC into the Special 60)

 

1998

* R2 1998-2003

* No pointers on knobs?

 

1999

* 40th Anniversary '59 RI - Painted and aged by Murphy (100 made?)

* No R8 this year

* COA began.

* Thin body binding.

* Thin lacquer finish.

* "AAA" hard maple top.

* new vintage taste cherry and darkburst.

* Vintage style back red filler color.

* Refined parts positions and neck shape.

* Bridge pickup moved to its proper place

* R9 Plaintop 1999-2000

* Gibson Stops flame enhancing

* Limited quantity of "Killer Top" R9s, "AAAAA" tops, stamped R9K in cavity

 

2000

* No R8 this year

* Vintage lifton style brown case for R9/R0.

* Lemon Burst, Tri Burst.

* Black Custom Art Historic case. (TKL)

* No COA.

* No tortoise side markers.

* Rounded fretboard inlays.

* Heavyweight tailpiece.

* '57 Classic PUP's.

* Thick jack plate.

* Thick switch plate/washer.

* Fine-knurl switch nut.

* Amber knobs.

* Gibson label potentiometers.

* Orange drop capacitors.

 

2001

* R9 production limited to 500 units US, 1000 worldwide due to "parts constraints"

* Custom Authentic models introduced (broken-in finish, aged hardware, Grovers)

* Dickie Betts '57 Goldtop introduced (limited edition of 114)

* R8 returns with a flametop

* Thin neck binding.

* New round edged pearloid inlay. (2001-2002 only)

* Vintage style mid jumbo size frets.

* New thick jack plate. (2001-2002 only)

* Aluminum tailpiece.

* Tortoise side markers

* Very bright red sunburst.

* Faded Tabacco, Iced Tea, Washed Cherry.

* Lifton case is standard for R9/R0

* COA standard

* Limited run of Brazilian board R9's given to award dealers. About 50

guitars in the 9 1203 to 9 1250 range all but 6 of them aged by Tom

Murphy

* 38 Official Brazilian R9's

 

2002

* Genuine Kluson tuners for the early units.

* Improved tuner bushings

* More accurately shaped fingerboard inlays

* Non-wire ABR-1 bridge for the early units.

* Amber tophat knobs

* CTS pots

* Owners Card (listing name, serial number and the dealership),

Certificate of Authenticity, Reissue Strap, an Embroidered Les Paul

Swatch and a Custom Care Kit.

* Burstbucker type 2 & 3.

* Inlay material changed to swirly plastic, corners sharpened. (only R9/R0, later for all models)

* Vintage style thin jack plate. (only R9/0, later for all models)

* Vintage style thin toggle switch washer. (only R9/0, later for all models)

* Vintage color toggle switch knob. (only R9/0, later for all models)

* Vintage style CTS pots and oil caps. not bumblebee. (only R9/0, later all models)

* Dark deep cherry sunburst.

* R7 gets Bursrtbuckers

* Left handed Historics get side dots added to the underside of the neck

* Custom Authentic loses Grovers

* 8 Official Brazilian R9's

* 5 Guitar Center R0 models built (listed as "LPR0PTKBNH1 LP 60 Plaintop")

 

2003

* Brazilian boards installed from January through May as follows:

** of 4 3001-4 3150 35 of these were R4 Custom Black Beauties = 115 BRW R4s

** of 7 3001-7 3707 220 of these were R7 Customs, 4 GTs were 02 specs, 28 were Juniors = 455 BRW R7s

** of 8 3001-8 3256 31 of these were Juniors = 225 BRW R8s

** of 0 3001-0 3163 50 were G0s, 20 were Specials = 93 BRW R0s

** R6s and R9s Do not share with other models, so all 148 R6s and all 674 R9s are BRW.

* Price drop on R8s and R9s

* Truss rod cover moved away from nut

* Headstock shape changed

* Tuners arranged to be inline

* Vintage style CTS pots

* Bumblebee Caps

* Return to wired ABR

* Madagascar rosewood fingerboard.

* Eastern hard maple top

* "AA" grade eastern hard maple top.

* R9 flametop becomes less flashy due to increased use of Eastern Maple

* R8 returns with a plain top

* Burstbucker type 1 & 2.

* Gold knobs instead of previous vintage amber knobs.

* Corrected tuner positions. "V" intead of "l l" way.

* Transparent orange to regular red cherry sunburst.

* "i"dot on gibson logo moved to the correct position.

* Refined parts positions and neck shape.

* Inlays changed to swirly plastic, sharp corners on remaining models

* Special run of "Stinger Series" guitars. Music Machine "Stingers" have Brazilian Rosewood fretboards

* 50 Guitar Center R0 models built

 

2004

* Cloud 9 chambered models introduced in limited quantities

* Jimmy Page signature model introduced; 25 Murphy aged guitars signed

by JP, 150 Murphy aged unsigned models, 870 Custom Authentic non-Murphy

aged guitars produced, run complete in 2007

* New custom shop black case.

* "AAA" eastern hard maple top.

* Silk screened logo moved to the correct location.

* Short Truss Rod Screws the right size

 

2005

* TR screws return to the wrong size

 

2006

* VOS finish with aged hardware introduced

* CS begins using Plek machine used for dressing frets and cutting nut slots

* Real vintage looking maple top grains/figures.

 

2007

* Brighter back red filler color.

* Real honduran mahogany.............

Link to comment
Share on other sites

Mi chiedo perchè abbiano cambiato così tante volte l'acero per i top... [confused]

 

secondo me in base alla disponibilità e all andamento delle richieste del mercato, mode, e quant altro...ma più che altro alla disponibilità...mio pensiero naturalmente...niente di accertato...

Link to comment
Share on other sites

per il discorso differenze dalle originali qualcosina c'è ancora anche nelle attuali reissue, infatti nella R0 anniversary ci sono parecchie annotazioni nelle caratteristiche tecniche che fanno riferimento alla correttezza storica, qualcosina c'è e sinceramente non saprei nemmeno notarlo se non lo leggo, a volte addirittura leggendo qual è il particolare non riesco a notarlo, quindi piccolezze, o almeno non cose significative come la posizione del pick up, quella si che è un particolare che con poco può variare il suono, un esempio immediato si nota subito nelle PRS con 22 e 24 tasti e relativa differenza del pick al manico, la stessa chitarra nelle 2 versioni suona molto diversa, se hai pazienza e riesci a beccare alnico sicuramente ti spiegarà le differenze nei particolari, anche le più piccole, almeno penso....

 

Per quanto ne so io le differenze rimangono nella simmetria dei top, distanza tra ABR e PU ponte, distanza tra i PU, distanza tra la linea del tail e manopola volume manico, distanza dei poli del PU , forma del battipenna, larghezza del disco R&T, dimensione degli studs, rifinitura dell'ABR e forma del tail ed altre menatine su spessori e misure che puoi vedere solo con la chitarra in mano

Link to comment
Share on other sites

Beh una Reissue non potrà mai essere identica all'originale.

Per prima cosa devi per forza appoggiarti alla linea attuale di produzione, rifare la liuteria con le caratteristiche esatte di 60 anni fa sarebbe economicamente improponibile, a meno di non farle costare più di quello che costano adesso, che è già molto.

Seconda cosa, che forse è ancora più importante, moltissimi particolari non sono proprio più prodotti. Ad esempio il pomello dello switch in Catalina, per dirne solo una.

Per dirne un altra di Casa Fender, invece, la Telly 52 ha un particolare 'grossolano' che la rende immediatamente distinguibile da una 52 originale.

Link to comment
Share on other sites

Beh una Reissue non potrà mai essere identica all'originale.

Per prima cosa devi per forza appoggiarti alla linea attuale di produzione, rifare la liuteria con le caratteristiche esatte di 60 anni fa sarebbe economicamente improponibile, a meno di non farle costare più di quello che costano adesso, che è già molto.

Seconda cosa, che forse è ancora più importante, moltissimi particolari non sono proprio più prodotti. Ad esempio il pomello dello switch in Catalina, per dirne solo una.

Per dirne un altra di Casa Fender, invece, la Telly 52 ha un particolare 'grossolano' che la rende immediatamente distinguibile da una 52 originale.

e qual'è?

(mi son riapparse le faccine delle emoticon solo adesso ahahah, prima ci ho provato ma nada, e nemmeno mi fa cambiare avatar eheh) [lol][woot][biggrin][tongue]

Link to comment
Share on other sites

Ciao ragazzi volevo delle delucidazioni sui volumi per una sala prove e su come sfruttare al meglio la nostra strumentazione.

Suono in una stanza di 20m2 completamente tappezzata da pannelli fonoassorbenti; secondo voi vale la pena microfonare tutto: basso,batteria e chitarre in una stanza così piccola??? Può essere che sia troppo insonorizzata e che il suono risulti troppo ovattato??? Il problema più grosso è sempre stato la batteria che ovviamente non può regolare i volumi come un amplificatore....io suono a 4 di volume su un marshall 50W e se il batterista pesta un pò troppo comincio a sentirmi poco, ma alzando il volume provoco un effetto domino su tutti i volumi della band così usciamo con le orecchie che fischiano [razz]

Spero di essere stato chiaro saluto!

Link to comment
Share on other sites

Ciao ragazzi volevo delle delucidazioni sui volumi per una sala prove e su come sfruttare al meglio la nostra strumentazione.

Suono in una stanza di 20m2 completamente tappezzata da pannelli fonoassorbenti; secondo voi vale la pena microfonare tutto: basso,batteria e chitarre in una stanza così piccola??? Può essere che sia troppo insonorizzata e che il suono risulti troppo ovattato??? Il problema più grosso è sempre stato la batteria che ovviamente non può regolare i volumi come un amplificatore....io suono a 4 di volume su un marshall 50W e se il batterista pesta un pò troppo comincio a sentirmi poco, ma alzando il volume provoco un effetto domino su tutti i volumi della band così usciamo con le orecchie che fischiano [razz]

Spero di essere stato chiaro saluto!

 

il problema della sala prove purtroppo e' sempre quello...

mi sono letto qualcosa sull'argomento e ho risolto abbastanza il problema:

prima cosa,i pannelli fonoassorbenti,cartoni di uova,polisterolo o insonorizzazioni varie,non fanno altro che peggiorare la situazione,quindi al fondo da me abbiamo buttato tutto lasciando le pareti libere,avendo cosi' un suono molto piu' naturale.

poi devi pensare che in sala prove non puoi pretendere di avere un ascolto perfetto per tutti gli strumenti,quindi

per non cominciare la gara del volume piu' alto,ognuno deve psizionarsi il proprio ampli in modo da sentirsi bene senza dar fastidio agli altri(magari sollevando o inclinando l'ampli),contenendo cosi' il volume generale.

in questo modo,con i volumi non esagerati si capisce meglio tutto quanto,a tutto vantaggio del cantante che si sente meglio,

sforza meno(e' importante che il microfono di chi canta non sia vicino alla batteria,altrimenti vi trovate con dei rientri che impastano tuttoquanto)

per la batteria l'ideale sarebbero le sordine a cerchio su rullante e tamburi,e qualche pezzo di nastro adesivo sotto i piatti......ma ai betteristi non piace molto questa cosa purtroppo......accidenti a loro [biggrin]

Link to comment
Share on other sites

Apprince, ziobbilly, non fare da Alnico

 

Hai ragione.

La spaziatura dei dot al dodicesimo. Pre 63 i dot erano centrati al la e al si. Successivamente vennero avvicinati ( a parte qualche rara eccezione il cui manico è ricercatissimo dai falsari ) come li possiamo vedere su tutte le Fender, e anche la 52 RI ha i dots 'stretti'.

Link to comment
Share on other sites

Hai ragione.

La spaziatura dei dot al dodicesimo. Pre 63 i dot erano centrati al la e al si. Successivamente vennero avvicinati ( a parte qualche rara eccezione il cui manico è ricercatissimo dai falsari ) come li possiamo vedere su tutte le Fender, e anche la 52 RI ha i dots 'stretti'.

ehm non hai due foto, una dell'originale dell'epoca e una della replica? perchè non ho capito bene [confused]

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.


×
×
  • Create New...