Jump to content
Gibson Brands Forums

Les Paul Axcess Alex Lifeson Signature


matbard

Recommended Posts

Guest Metallino

è già qualche anno che la Axcess è in giro, però finora non ha avuto un gran successo...volendo essere una Les Paul che fa concorrenza alle chitarre per "virtuosi" secondo me dovrebbero trovare la maniera di aumentare la tastiera a 24 tasti... :-k

 

E farla nera, con tastiera in ebano senza inlays, binding tipo Custom ed EMG.

Link to comment
Share on other sites

A me piace molto...

 

La prima versione non mi ha convinto più di tanto, per via dei colori francamente ORRENDI che erano stati proposti.

 

Questa è molto bella, vuoi perché è total solid, vuoi per la combinazione dei pickups non usuale(ceramico al manico, AlNiCo al ponte), vuoi per il Graphtec e le uscite separate, vuoi per la giunzione corpo manico che è un autentico capolavoro.

 

Mi sembra un'ascia molto versatile, IMHO

 

Peccato per il prezzo proibitivo.

 

 

Link to comment
Share on other sites

A me piace il modello con ponte fisso... tradizione ed un pelo di innovazione (innesto del manico ergonomico, contour poggia panza del back, corpo leggermente più sottile, pickups splittabili) che ne fanno una chitarrina interessante come alternativa alla classica.

 

Certo avrei puntato su questa, nel 2008, per ammodernare la LP Standard piuttosto che puntare su camere tonali e meccaniche autobloccanti (che poco spostano in valore assoluto) e farle pagare l'onta di perdere il nome storico per rinascere come "traditional" [thumbdn]

Link to comment
Share on other sites

Ma la piastra jack non è storta ziobilly?

Bella questa chitarra, interessante.

Tre cose: vedo dallo specchietto di Alnico che il 496 è più potente del 498. Che differenza c'è circa di suono fra i due? Chi mi sa spiegare come si comandano con PushPull e potenziometri i PUs e il piezo? E perchè ha due jacks? Dai che faccio fatica a capire l'inglese... [bored][biggrin]

 

e1f3b1d5-f22d-438e-96b7-feba7e3affa9.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ma la piastra jack non è storta ziobilly?

 

Forse e' un esemplare di preserie(voglio sperare...)

 

 

Tre cose: vedo dallo specchietto di Alnico che il 496 è più potente del 498. Che differenza c'è circa di suono fra i due? Chi mi sa spiegare come si comandano con PushPull e

potenziometri i PUs e il piezo? E perchè ha due jacks? Dai che faccio fatica a capire l'inglese... [bored][biggrin]

 

1) Il pickup al manico e' quello delle vecchie Classic, ceramico. Quello al ponte e' quello delle vecchie Standard. il primo e' piu' aggressivo, il secondo piu' morbido. Mettere quello piu' potente al manico mi sembra un'interessante soluzione. I pot sono tre per il volume(2xmagnetici, piezo) e tono dei magnetici. I Push pull mettono in serie/parallelo i magnetici. Le uscite sono una generale e la seconda che diventa solo piezo quando utilizzata con l'altra(che diventa a questo punto solo magnetici....).

Link to comment
Share on other sites

Forse e' un esemplare di preserie(voglio sperare...)

 

 

 

 

1) Il pickup al manico e' quello delle vecchie Classic, ceramico. Quello al ponte e' quello delle vecchie Standard. il primo e' piu' aggressivo, il secondo piu' morbido. Mettere quello piu' potente al manico mi sembra un'interessante soluzione. I pot sono tre per il volume(2xmagnetici, piezo) e tono dei magnetici. I Push pull mettono in serie/parallelo i magnetici. Le uscite sono una generale e la seconda che diventa solo piezo quando utilizzata con l'altra(che diventa a questo punto solo magnetici....).

 

Apperò... Ma il piezo viene attivato-regolato solo col volume allora?

Link to comment
Share on other sites

A me piace il modello con ponte fisso... tradizione ed un pelo di innovazione (innesto del manico ergonomico, contour poggia panza del back, corpo leggermente più sottile, pickups splittabili) che ne fanno una chitarrina interessante come alternativa alla classica.

 

Certo avrei puntato su questa, nel 2008, per ammodernare la LP Standard piuttosto che puntare su camere tonali e meccaniche autobloccanti (che poco spostano in valore assoluto) e farle pagare l'onta di perdere il nome storico per rinascere come "traditional" [thumbdn]

 

Quotone bestiale ._.

L'idea della les polla col floyd mi fa rabbrividire [scared]

Link to comment
Share on other sites

... scusate l'ignoranza, ma chi è Alex Lifeson????? :blink:

Wikipedia

 

Alex Lifeson, (OC) nome d'arte di Alexander Zivojinovich (Fernie (Columbia Britannica), 27 agosto 1953), è un chitarrista e compositore canadese.

 

Figlio di immigrati serbi, Lifeson è cresciuto a Toronto. Un suo album solista, intitolato Victor, è stato pubblicato nel 1996. Alex Lifeson suona la chitarra ed è il co-autore delle musiche del gruppo di hard rock/rock progressivo dei "Rush". Oltre all'attività musicale, Lifeson è proprietario e direttore di una piccola azienda che si occupa di progettazione, ingegnerizzazione e produzione di oggetti di consumo (The Omega Concern). In quanto chef, inoltre, è coproprietario di un ristorante a Toronto (The Orbit Room), e possiede un brevetto di volo.

 

Assieme ai suoi compagni Geddy Lee e Neil Peart, Lifeson è stato nominato Ufficiale dell'Order of Canada il 9 maggio 1996. Il trio è stato il primo gruppo rock a ricevere questa onorificenza.

 

Nel 2003, ha recitato sé stesso in una sitcom canadese intitolata Trailer Park Boys. La notte dell'ultimo dell'anno 2003, Lifeson, suo figlio e sua nuora sono stati arrestati in un hotel di Naples (Florida). Lifeson, dopo essere intervenuto in un alterco tra suo figlio e la polizia, è stato accusato di aver assalito un vice-sceriffo, in quella che è stata descritta come una rissa tra ubriachi.

 

 

 

 

 

Lifeson è noto per i suoi caratteristici riff, l'utilizzo di effetti elettronici e di insolite strutture di accordi e una gran quantità di equipaggiamento usato negli anni.[1][2][3] Durante la sua giovinezza fu ispirato da chitarristi come Jimi Hendrix, Pete Townshend, Jeff Beck, Eric Clapton e Jimmy Page.[4] Negli anni 70' egli incorporò nel suo stile chitarristico elementi di musica classica e spagnola. Ridotta a semplice accompagnamento per le tastiere di Geddy Lee negli anni 80', la chitarra di Alex è tornata in risalto dagli anni 90'.

 

Lifeson è anche in grado di suonare altri strumenti a corda come bouzouki, mandola e mandolino. Nei concerti dei Rush esegue spesso dei cori e utilizza dei bass pedals.

 

Il suo assolo nel brano Working Man è stato eletto il novantaquattresimo miglior assolo di sempre da Guitar World.[5]

 

Personalmente mai sentito nominare...

 

http://www.youtube.com/watch?v=ul0qlHHvELU

 

Accidenti ma questa è una 355?

Link to comment
Share on other sites

... scusate l'ignoranza, ma chi è Alex Lifeson????? :blink:

 

diavolo....non conosci i Rush?????? :)

 

dai su metti a scaric....ehm....volevo dire procurati immediatamente i primi album "Rush" (l'unico senza Neil Peart), "Fly By Night" e "2112"...avuti questi passa a "Permanent Waves" e "Moving Pictures"! [thumbup]

Link to comment
Share on other sites

[crying] [crying] [crying]

 

no davvero, ha ragione Mick, non conoscere i Rush è come dire non conoscere i Led Zeppelin quasi eh, è la band più "osannata ed amata" da tutte le altre rock/metal band, coloro ai quali si sono ispirate le rock e metal band più famose al mondo degli ultimi vent'anni (vedi Mars Volta e Dream Theatre).

Oltre agli album che Micky v'ha consigliato, ne aggiungo uno di cover fatte da molti dei vostri/miei idoli, e cioè l'omonimo Working Man, in cui vi sono i vari Petrucci, Sebastian Bach, Portnoy, Billy Sheenan, Labriè (praticamente tutti i DT vi hanno partecipato, in diverse canzoni e singolarmente ahahah) e moltissimi altri, un vero capolavoro di rivisitazione degli storici pezzi dei Rush! [thumbup]

 

Personalmente li ho visti anch'essi nel 2004 e...senza arroganza, posso dire che dopo i due concerti dei Pink Floyd, loro sono stati quelli che più mi hanno lasciato a bocca spalancata...dal vivo hanno un impatto sonoro ed un gusto negli arrangiamenti da far paura, in tre spaccano più dei Dream Theater che sono in cinque... [thumbup]

Link to comment
Share on other sites

[crying] [crying] [crying]

 

no davvero, ha ragione Mick, non conoscere i Rush è come dire non conoscere i Led Zeppelin quasi eh, è la band più "osannata ed amata" da tutte le altre rock/metal band, coloro ai quali si sono ispirate le rock e metal band più famose al mondo degli ultimi vent'anni (vedi Mars Volta e Dream Theatre).

Oltre agli album che Micky v'ha consigliato, ne aggiungo uno di cover fatte da molti dei vostri/miei idoli, e cioè l'omonimo Working Man, in cui vi sono i vari Petrucci, Sebastian Bach, Portnoy, Billy Sheenan, Labriè (praticamente tutti i DT vi hanno partecipato, in diverse canzoni e singolarmente ahahah) e moltissimi altri, un vero capolavoro di rivisitazione degli storici pezzi dei Rush! [thumbup]

 

Personalmente li ho visti anch'essi nel 2004 e...senza arroganza, posso dire che dopo i due concerti dei Pink Floyd, loro sono stati quelli che più mi hanno lasciato a bocca spalancata...dal vivo hanno un impatto sonoro ed un gusto negli arrangiamenti da far paura, in tre spaccano più dei Dream Theater che sono in cinque... [thumbup]

 

Quotone per suga, soprattutto: in tre spaccano più dei Dream Theater che sono in cinque..

Link to comment
Share on other sites

tra l'altro ognuno di loro tre ha una seconda professione oltre alla band, come Lifeson fa il cuoco, Geddy Lee è scenografo (lisergiche le sue scenografie ed i video di animazioni che scorrono dietro di loro durante i concerti, roba da far invidia ad Alan Parker dopo The Wall), mentre Neil Pert (che considero dopo John Bohnam e Ginger Baker uno dei piu grandiosi batteristi, al pari di Steve Copeland) se non ricordo male è uno scrittore, infatti la maggior parte dei testi delle loro canzoni le scrive lui [thumbup]

Triste però ciò che accadde alla sua famiglia, in quanto perse la moglie diversi anni fa in un incidente stradale, e dopo qualche anno anche la figlia se non sbaglio, davvero una brutta parentesi nella sua vita...

Link to comment
Share on other sites

Per essere precisi perse prima la figlia adolescente, a causa di un maledetto incidente, e l'anno successivo la moglie, affetta da un male incurabile probabilmente indotto dalla vicenda precedente. In seguito a quei tragici accadimenti chiese di poter lasciare il gruppo sentendosi di peso per gli altri, ma i suoi compagni preferirono "congelare" ogni attivita' ed aspettare che il loro amico/collega si riprendesse psicologicamente. Per fare cio' Neil si e' imbarcato in un lungo viaggio terapeutico in motocicletta durato diversi anni lungo tutto il continente americano, scrivendo un diario che e' diventato un best seller in Canada. E' tornato piu' in forma di prima, e pare che durante il viaggio abbia anche ritrovato l'amore...

Link to comment
Share on other sites

Ragàss, io ho tutta la discografia dei Rush, il live che vado a postare e un documentario..li trovo grandiosi, sono divenuti rapidamente una delle mie band preferite.

Sentite qua che volumi (nel live intero si sente meglio..il Gièzz di Geddy sembra una di quelle macchine per abbattere le costruzioni, quelle con la mega palla che dondola)

 

[YOUTUBE]

[/YOUTUBE]

 

Dovrebbe esserci anche la (pseudo)Axcess -e che top che ha!-

 

Grandi grandi Rush.

 

Peart lo vedo sempre serio...dici che è è anche per i -tragici- lutti familiari? [crying]

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...