Jump to content
Gibson Brands Forums

Ampli domestico


GuidoX

Recommended Posts

Ciao Ermanno,

questa tua proposta mi ha incuriosito parecchio, ho gia' contattato Luzi che mi ha gia' valutato il Mesa (ci rimetterei soltanto 100€ rispetto a quello che lo pagai io); ma non e' di questo che volevo parlarti.

Il Mercury costa 2000€ e li varra' sen'altro tutti: ma a tua esperienza esiste un ampli simile ma un gradino inferiore come costo ?

Tralasciamo il postulato che un ampli va prima provato… non posso farlo e quindi rischio di mio ben consapevole e senza caricarti di responsabilita'.

Grazie e buona giornata.

Fino a qualche tempo fa, qui a Roma vendevano questo a buon prezzo anche se poi ci vuole la cassa... [rolleyes]

Il marchio è dei migliori, ma considera che non l'ho mai suonato e, da quel poco che ho capito, ti sarebbe meno congeniale, in quanto credo sia molto specifico e indirizzato a chi vuole un noto e ben determinato carattere.

 

Comunque le soluzioni possono essere diverse, anche quella di mantenere il Mesa accoppiandolo ad un attenuatore Weber e ad una cassa 1x12

 

Come pure cercare di approfondire la conoscenza del nuovo "piccolo" di Hughes & Kettner, segnalato qui sul forum, che va anch'esso verso quella direzione. Però il livello di componentistica, materiali e assemblaggio, inteso anche come progetto, sarà diverso: sicuramente su un altro pianeta rispetto ai sopracitati e forse lontano anche dal tuo Mesa.

 

Ricapitolando: altre soluzioni "tutte in uno" , di pari o poco inferiore livello ci sarranno pure, ma non me ne vengono in mente e probabilmente non ne conosco.

Diverso è se, avendo proprio deciso che l'Express non fa per te, ti vuoi indirizzare su un altro genere di ampli di media-bassa potenza, al quale accoppiare necessariamente un attenuatore esterno, almeno in certe ore o situazioni.

 

In quel caso c'è un mondo... [cool]

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 134
  • Created
  • Last Reply

Arch, il problema e' presto detto = mancanza di esperienza diretta.

Il Mesa mi soddisfa, ma il confrotno lo posso fare solo con il CUBE30 e l' HT-5 (il Montarbo 90 che avevo da ragazzo non lo ricordo affatto aldila' dei vetri rotti).

E' un confronto impari, improponibile con quei piccolini.

Dal che uno pensa di trovare il Sacro Graal in prodotti artigianali e unanimamente riconosciuti come validi, da qui l' interesse per il Mercury.

Il Fargen ha bisogno della cassa e qui mi si raddoppiano i problemi; esiste una versione combo con 2x8 (evitiamo, grazie) che costa ¥ 1300 piu' dogana e tasse, ergo, meglio il Mercury anche perche' la spesa andrebbe quasi a ppareggiarsi.

Ora sto' alla finestra, vedo di vendere la 3pu e poi decidero'.

Grazie e 10000 per la tua pazienza.

Link to comment
Share on other sites

Ora sto' alla finestra, vedo di vendere la 3pu e poi...

...rientrerei dalla finestra [biggrin]

e cercherei di spremere al massimo il Mesa, fino a capire se è così necessario sostituirlo.

 

Poi una volta arrivato ad un punto fermo, con certezza dovuto all'ampli, sostuirlo sarà uno scherzo, avendo davvero ben presente quale è il problema. [flapper]

Link to comment
Share on other sites

Sempre a proposito di ampli ho letto un pò di cose sul Fender Blues Junior...

Sicuramente è meno "wife friendly" come potenza ma mi attira di più rispetto al Blackstar e poi posso giocarmi la carta della colorazione "vaniglia" [rolleyes] che si intona all'arredamento!!

Quello che mi piacerebbe è un pulito caldo e vintage che possa valorizzare una LP al meglio.

Il BJ ha pochi fronzoli ma ha comunque il riverbero...

Vorrei sapere se qualcuno può darmi qualche info sull'accoppiata LP + BJ

 

Ovviamente prima dell'acquisto proverò il tutto ma vorrei avere già le idee abbastanza chiare.

 

Grazie

Guido

 

Ciao!

Il blues junior era l'ampli che ero intenzionato a comprare.. poi in negozio a suo tempo ho deciso per il tiny. Certo il blues junior ha un bel pulito, equalizzazione con medi, bassi e alti, e pure il riverbero, però il drive (anche col fat boost") non mi convinceva per nulla.. difatti poi mi sono orientato verso il tiny!

 

 

3 settimane fa ho provato in negozio il blues junior terza serie, in colorazione verde smeraldo (molto ganza!), ma ho visto che c'era anche il vaniglia/rosso che penso sia quello a cui ti riferisci.. Mi è piaciuto molto, il suono era più dinamico e corposo, e i controlli di EQ rispondevano molto bene (certo non come quelli del matchless che avevo provato lo stesso giorno!).

 

E' un ampli molto bello secondo me, anche esteticamente, è un bel combetto da vedersi.. se poi sta bene anche con l'arredamento! [thumbup]

Link to comment
Share on other sites

...rientrerei dalla finestra [biggrin]

e cercherei di spremere al massimo il Mesa, fino a capire se è così necessario sostituirlo.

 

Poi una volta arrivato ad un punto fermo, con certezza dovuto all'ampli, sostuirlo sarà uno scherzo, avendo davvero ben presente quale è il problema. [flapper]

[thumbup]

Per fortuna ero arrivato in tempo :) , tanto vecchio non lo sono :D

 

Condivido tutto, presente e… passato :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Sempre a proposito di ampli ho letto un pò di cose sul Fender Blues Junior...

Sicuramente è meno "wife friendly" come potenza ma mi attira di più rispetto al Blackstar e poi posso giocarmi la carta della colorazione "vaniglia" [rolleyes] che si intona all'arredamento!!

Quello che mi piacerebbe è un pulito caldo e vintage che possa valorizzare una LP al meglio.

Il BJ ha pochi fronzoli ma ha comunque il riverbero...

Vorrei sapere se qualcuno può darmi qualche info sull'accoppiata LP + BJ

 

Ovviamente prima dell'acquisto proverò il tutto ma vorrei avere già le idee abbastanza chiare.

 

Grazie

Guido

 

Ciao,

io non ho il Blues Junior ma il Pro-Junior. Il Blues Junior l'ho provato ma mi è piaciuto di piu il Pro-Junior, che poi ho acquistato (il prezzo è quasi lo stesso).

Sinceramente, almeno per quelli che sono i miei gusti, secondo me questi ampli rendono al meglio con chitarre tipo Strato o Tele (e simili). Con la LP secondo me c'è di meglio.

Comunque, tutto sommato, secondo me sono ampli molto belli.

Link to comment
Share on other sites

Sempre a proposito di ampli ho letto un pò di cose sul Fender Blues Junior...

Sicuramente è meno "wife friendly" come potenza ma mi attira di più rispetto al Blackstar e poi posso giocarmi la carta della colorazione "vaniglia" [rolleyes] che si intona all'arredamento!!

Quello che mi piacerebbe è un pulito caldo e vintage che possa valorizzare una LP al meglio.

Il BJ ha pochi fronzoli ma ha comunque il riverbero...

Vorrei sapere se qualcuno può darmi qualche info sull'accoppiata LP + BJ

 

Ovviamente prima dell'acquisto proverò il tutto ma vorrei avere già le idee abbastanza chiare.

 

Grazie

Guido

Ciao,

l'argomento ampli domestico e' sicuramente interessante e ricco di trattazioni varie.

Io ho in casa per uso esclusivamente "domestico" il Blackstar ht1r combo: uso esclusivamente domestico, cioe' dentro 4 mura di casa, e ti assicuro che a livello di timbro, volume e dimensioni ci siamo, lo uso con una es 339, con gli hamb e' una bomba, ha una pasta sonora che da quello scatolino non ti aspetteresti. Se cerchi un ampli da utilizzare anche fuori casa e' logico che la potenza del Bs e' assolutamente ppiccola per reggere un confronto con wattaggi piu' elevati.

Se guardi nel sito Blackstar noterai che l' Ht1 e' stato eletto Total Guitar Amplifier of The Year’.....

Link to comment
Share on other sites

BRUNETTI MARANELLO 20W

sotto co i vs. pareri (arch…)

Leggendo nell' omonimo Forum vedo che alcuni di loro hanno problemi alle saldature degli zoccoletti valvole, sara' un problema generalizzato ?

 

 

Il maranello lo provai prima di optare per l'orange...

Un bell'ampli secondo me, a me piacque... cosidera che però secondo me è un ampli abbastanza moderno e rockettaro come sonorità. é un amplificatore molto essenziale (mi sembra che non abbia neanche FX loop) e onestamente visto quello che offre il prezzo lo trovo esagerato (IMHO)... Inoltre anche a me parlarono di una qualità costruttiva e di materiali non eccelsa... però erano voci non sò fino a che punto attendibili...

Link to comment
Share on other sites

Ok, solo e soltanto Mercury

... [biggrin] ma no dai... [biggrin]

 

Se tu fossi di Milano di direi di fare un salto da Lucky e provare un Budda 18 (lo vendono ad un ottimo prezzo); personalmente non mi esalta pero è sicuramente un buon ampli e con la LP potrebbe piacerti.

 

Il problema è appunto... Milano [unsure]

Link to comment
Share on other sites

... [biggrin] ma no dai... [biggrin]

 

Se tu fossi di Milano di direi di fare un salto da Lucky e provare un Budda 18 (lo vendono ad un ottimo prezzo); personalmente non mi esalta pero è sicuramente un buon ampli e con la LP potrebbe piacerti.

 

Il problema è appunto... Milano [unsure]

Ho guardato le caratteristiche del budda e mi sembra che rispetto al Mercury la differenza sia enorme.

Sei faccio il passo lo faccio bello lungo in fin dei conti il mio Mesa non e' lultimo arrivato.

Link to comment
Share on other sites

Il maranello lo provai prima di optare per l'orange...

Un bell'ampli secondo me, a me piacque... cosidera che però secondo me è un ampli abbastanza moderno e rockettaro come sonorità. é un amplificatore molto essenziale (mi sembra che non abbia neanche FX loop) e onestamente visto quello che offre il prezzo lo trovo esagerato (IMHO)... Inoltre anche a me parlarono di una qualità costruttiva e di materiali non eccelsa... però erano voci non sò fino a che punto attendibili...

 

Il Singleman nasce semplice... è un monocanale classico... a cui sono aggiunte alcune utility:

- loop effetti escludibile thru bypass

- riverbero a molle

- tre voicings di base per il canale più un boost sui medi ed un bright

- powerlimit che riduce la potenza del finale in classe A da 16W fino ad 1W passando per lo step intermedio di 4W

Insomma, considerando che è un combo (e quindi c'è da mettere in conto anche il vintage 30) non mi sembra particolarmente oneroso per essere un prodotto handmade ITALIANO. ;)

 

Sulla qualità costruttiva vi invito ad aprirne uno... non dico che non possa capitare un esemplare "fallato"... ma parlare di qualità costruttiva e materiali generalmente non eccelsa mi pare un tantino eccessivo conoscendo chi li fa e come li fa. :-k

Link to comment
Share on other sites

Il Singleman nasce semplice... è un monocanale classico... a cui sono aggiunte alcune utility:

- loop effetti escludibile thru bypass

- riverbero a molle

- tre voicings di base per il canale più un boost sui medi ed un bright

- powerlimit che riduce la potenza del finale in classe A da 16W fino ad 1W passando per lo step intermedio di 4W

Insomma, considerando che è un combo (e quindi c'è da mettere in conto anche il vintage 30) non mi sembra particolarmente oneroso per essere un prodotto handmade ITALIANO. ;)

 

Sulla qualità costruttiva vi invito ad aprirne uno... non dico che non possa capitare un esemplare "fallato"... ma parlare di qualità costruttiva e materiali generalmente non eccelsa mi pare un tantino eccessivo conoscendo chi li fa e come li fa. :-k

Io mi sono limitato a leggere il Forun Ufficiale del sito Brunetti, dove ci sono diverse lamentele in riguardo al Maranello e ne chiedevo il parere a chi lo conosce.

Da nuovo quanto costa il Maranello ?

Thank.

Link to comment
Share on other sites

Io di quel forum sono il moderatore quindi conosco bene i post. [flapper]

 

Come avrai sicuramente letto, il difetto segnalato è abbastanza improbabile per il particolare metodo utilizzato per la saldatura degli zoccoli.

Il fatto poi che lo stesso ammetta di aver fatto fare il "giro delle 7 chiese" all'ampli prima di SMONTARLO CON UN AMICO MOLTO BRAVO IN AMBITO DI ELETTRONICA la dice lunga sulla possibilità di riscontrare un problema nativo o successivo a precedenti, maldestri interventi.

 

Poi tutto può essere... :rolleyes:

 

Nuovo costa intorno agli 800 euro.

Link to comment
Share on other sites

Io di quel forum sono il moderatore quindi conosco bene i post. [flapper]

 

Come avrai sicuramente letto, il difetto segnalato è abbastanza improbabile per il particolare metodo utilizzato per la saldatura degli zoccoli.

Il fatto poi che lo stesso ammetta di aver fatto fare il "giro delle 7 chiese" all'ampli prima di SMONTARLO CON UN AMICO MOLTO BRAVO IN AMBITO DI ELETTRONICA la dice lunga sulla possibilità di riscontrare un problema nativo o successivo a precedenti, maldestri interventi.

 

Poi tutto può essere... :rolleyes:

 

Nuovo costa intorno agli 800 euro.

Non sapevo fosti tu.

Pensa che ti volevo citare proprio l' intervento "dell' amico superesperto" [biggrin]

 

800 ??? Uhm, un usato a 600, allora, mi sembra un po' caruccio.

Link to comment
Share on other sites

Il Singleman nasce semplice... è un monocanale classico... a cui sono aggiunte alcune utility:

- loop effetti escludibile thru bypass

- riverbero a molle

- tre voicings di base per il canale più un boost sui medi ed un bright

- powerlimit che riduce la potenza del finale in classe A da 16W fino ad 1W passando per lo step intermedio di 4W

Insomma, considerando che è un combo (e quindi c'è da mettere in conto anche il vintage 30) non mi sembra particolarmente oneroso per essere un prodotto handmade ITALIANO. ;)

 

Sulla qualità costruttiva vi invito ad aprirne uno... non dico che non possa capitare un esemplare "fallato"... ma parlare di qualità costruttiva e materiali generalmente non eccelsa mi pare un tantino eccessivo conoscendo chi li fa e come li fa. :-k

 

=;

 

un attimo però io parlavo solo del Maranello... che ripeto essendo un 20W (...anzi 18W se non sbagio) e non avendo molti fronzoli ha un prezzo un tantino esagerato (IMHO). Per quanto riguarda la qualità costruttiva mi sono solo limitato a riportare (...come ho precisato anche nel post precedente) dei rumors deltutto da verificare ma che in un certo senso si aggiungevano a quelli riportati da Jules e che ripeto riguardavano solo l'ampli in oggetto (Maranello). Sulla qualità dei Brunetti in generale non si discute, siamo su livelli notevoli... Anzi li considero un orgoglio del made in Italy insieme a Masotti e Dragoon [thumbup]

Link to comment
Share on other sites

Ho guardato le caratteristiche del budda e mi sembra che rispetto al Mercury la differenza sia enorme.

Certamente, e poi dovresti eventualmente pure provvedere ad attenuarlo:

però rimane un ampli che, nella fascia intorno ai 1000, con le les paul suona bene.

 

 

Sei faccio il passo lo faccio bello lungo

Così mi piaci [biggrin]

 

 

Il mio Mesa non e' lultimo arrivato.

...infatti, con queste tue ultime richieste non ci sto capendo più niente :rolleyes:

 

 

P.S. anch'io non credo che i Brunetti siano fatti male; poi quà dentro non si fa altro che parlare di certi ampli economci che da fonti autorevoli so essere sul serio destinati a vita breve; in confronto i Brunetti sono dei Johnn Deere [biggrin]

 

Ciò non toglie che il mio parere in proposito rimane quello espresso. [cool]

Link to comment
Share on other sites

Come tutti i prodotti che non "beneficiano" di manodopera orientale sottocosto purtroppo tutti i prodotti genuinamente "oriundi" del vecchio & nuovo continente pagano lo scotto di un prezzo non accessibile a tutti... anche a dispetto di una semplicità architetturale di base.

Link to comment
Share on other sites

 

 

Così mi piaci [biggrin]

 

 

...infatti, con queste tue ultime richieste non ci sto capendo più niente :rolleyes:

 

 

Ed hai ragione.

Il problema e' insito in tutti gli inesperti i quali non conoscendo quali siano veramente i propri limiti ma comunque esageratamente autocritici, per ridurre il margine di errore nell' autogiudicarsi, partono con l' acquisto del meglio in fatto di strumentazione; quantomeno i problemi che poi rimarranno saranno racchiusi nel recinto della propria incapacita' di suonare.

 

E' un po' quello che capita in fotografia, ho visto parecchie persone comprarsi la D3 perche' pensavano che con essa avrebbero fatto foto splendide senza capire che il problema era nella loro scarsa cultura fotografica sia sotto l' aspetto tecnico che estetico/compositivo.

Di fotografia ne mastico molto di piu' che di chitarre; infatti continuo a fotografare con una D2X del 2004 ed una Pentax 6x4,5 degli anni 90, perche' le so sfruttare al massimo… sono 43 anni che faccio foto.

 

Con la chitarra, invece, passo dalla parte degli inesperti e non sapendo ricercare con precisione i miei difetti musicali per carenza culturale e di esperienza sul campo, ora mi trovo in conflitto con un ampli con troppe regolazioni, troppe variabili che non so gestire correttamente o forse si, ma non lo so giudicare da solo.

Da qui l' idea del Mercury (su tuo spunto informativo), poche manopole e solo quelle essenziali, costruzione sopraffina (ho visto le foto dettagliate che mi ha inviato il venditore); ma non ultimo, un vero riduttore di potenza che non incide sulla qualita' audio, cosa che non accade sull' Express che ha una gamma tonale moooolto piu' ampia a 30W (classe A/B ) che a 5W (classe A… assurdo, dovrebbe essere il meglio).

Link to comment
Share on other sites

Come tutti i prodotti che non "beneficiano" di manodopera orientale sottocosto purtroppo tutti i prodotti genuinamente "oriundi" del vecchio & nuovo continente pagano lo scotto di un prezzo non accessibile a tutti... anche a dispetto di una semplicità architetturale di base.

...senza tra l'altro poter disporre, senza far lievitare in modo improponibile i costi, di certi super componenti e "pezzi" di oltre oceano, che i produttori di là possono invece utilizzare a prezzi ragionevoli. Se poi aggiungiamo la situazione tributaria e le incombenze del piccolo e medio artigianato nostrano, tutto torna. [crying]

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.


×
×
  • Create New...