Jump to content
Gibson Brands Forums

[ Importazione dagli USA] - Cronaca di un esperimento


iso85

Recommended Posts

Importare dagli USA, si sa, è una gran rottura, tempi di attesa lunghissimi causa dogane indaffarate, spedizioni spesso non tracciate, senso di insicurezza in quei 15-20 giorni che si aspetta la roba, come risolvere tutto ciò? Forse la soluzione c'è, per saperne di più basta andare su questo link:

 

http://www.consegnato.com/

 

Alcuni di voi probabilmente già lo conoscono, il tutto sembra molto semplice: registrandosi su Consegnato ci viene assegnato un indirizzo USA (il loro magazzino di Miami più un codice cliente da mettere sull'indirizzo), il pacco viene spedito a tale indirizzo, consegnato ce lo comunica, si invia il pagamento, e poi loro pensano a tutto, spese doganali incluse, beh non rimane che provarlo.

 

Verso fine dicembre mi sento con un venditore americano sul famoso forum The Gear Page, vorrei prendere un suo pedale ma non spedisce all'estero, allora decido di registrarmi a Consegnato.com e di provarlo, così pago il venditore e gli comunico l'indirizzo di consegnato, il pacco arriva a destinazione il 5 gennaio, Consegnato mi avverte e mi richiede il pagamento, pago con Paypal direttamente da loro sito il 10 gennaio, costo 22 euro, la tariffa minima di Consegnato, il pacco parte con il volo del 12 gennaio, viene sdoganato a Londra il 17 gennaio ed arriva stamattina martedì 24 gennaio, quindi 12 giorni netti da Miami a qui considerando 2 weekend e il blocco degli autotrasportatori in questi giorni, alcuni che avevano un pacco sul volo del 12 lo hanno avuto addirittura ieri. Insomma il pacco arriva, nessun tassa doganale da pagare e il pedale è in ottime condizioni, meglio di così si muore direi, dunque ricapitolando.

 

PREGI

- Prezzo: può sembrare un esagerazione pagare 22 euro di sped ma considerando quanto si risparmia sulla spedizione internazionale e sulle tasse doganali (25 % del valore circa), secondo me è un prezzone, spedire una chitarra costa circa 120 €, molti venditori offrono la sped gratuita negli US, immaginate non pagare tasse doganali su una chitarra da 2000 euro...

 

- Trasparenza e Comunicazione: il pacco è sempre tracciato, ad ogni aggiornamento dello stato vi arriva una mail, c'è un blog sul sito che viene aggiornato ogni giorno con la situazione dei pacchi e lo staff risponde velocissimamente;

 

- Velocità: considerando quanto ci mette una Priority mail international direi che 12 giorni con 2 weekend e i passaggi doganali è una tempistica discreta;

 

Insomma, 100 punti al servizio da ri-utilizzare assolutamente!

 

Ah, cosa ho comprato?

 

Questo qua:

 

empressphaserallinclusi.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 79
  • Created
  • Last Reply

Eh, anche io me lo sono chiesto varie volte, cioè in realtà sul sito affermano che i dazi doganali sono inclusi nella tariffa, l'unica cosa che posso aggiungere è che il pacco mi è stato spedito da Brooklyn a Miami con la UPS, e sul documento non c'è nessun valore dichiarato, non essendo assicurato e non essendoci dichiarazione doganale... <_<

Link to comment
Share on other sites

decisamente interessante, post molto utile!

 

premesso che le sfighe possono capitare ovunque, personalmente come unico dubbio che mi rimane è lo stato della merce spedendo da USA, soprattutto con svariati passaggi di consegne (negozio-magazzino-spedizione internazionale etc).... spendere magari 1500 euro di chitarra e poi dopo 20 giorni ricevere qualcosa magari di rovinato innescherebbe tutta la trafila di segnalazione, rispedizione della merce, recupero soldi etc...ci dovrei pensare bene eheh...

 

cmq anche a me suona strano come una chitarra possa avere un prezzo di spedizione fisso e comprensivo di tasse doganali quando le stesse sono calcolate sul valore della merce , mmmmm <_< :-k

Link to comment
Share on other sites

Cito direttamente dal sito di Consegnato:

 

"Consegnato si fa carico dell'espletamento delle attitvità necessarie allo sdoganamento della merce proveniente dagli Stati Uniti all'interno di uno degli stati membri della Comunità Europea e di sostenerne costi ed oneri. La merce entrerà poi in Italia già come merce comunitaria senza essere soggetta all'imposizione di ulteriori oneri."

 

Loro affermano chiaramente che gli oneri doganali vengono pagati da loro e che il servizio è assolutamente legale, di più non vi so dire! [thumbup]

Link to comment
Share on other sites

Proviamo a vederla cosi',

tu paghi un prodotto ad A che lo consegna a B che si trova sempre in USA, in poche parole "regali" a B un prodotto che hai comprato da A, ma che A non spedisce a te.

 

In seguito B ti "regala" quel prodotto inviandotelo.

 

Quindi non risulta che tu hai comprato il prodotto per riceverlo direttamente da A.

 

E' un gioco di scatole cinesi permesso da un buco sulla tassazione internazionale.

Link to comment
Share on other sites

Cito direttamente dal sito di Consegnato:

 

"Consegnato si fa carico dell'espletamento delle attitvità necessarie allo sdoganamento della merce proveniente dagli Stati Uniti all'interno di uno degli stati membri della Comunità Europea e di sostenerne costi ed oneri. La merce entrerà poi in Italia già come merce comunitaria senza essere soggetta all'imposizione di ulteriori oneri."

 

Loro affermano chiaramente che gli oneri doganali vengono pagati da loro e che il servizio è assolutamente legale, di più non vi so dire! [thumbup]

In effetti secondo me hanno solo trovato il modo più conveniente e sicuro per importare nella UE, poi una volta entrata la merce viaggia senza problemi in tutti gli stati membri.

Quante volte abbiamo letto di pacchi fermi alla dogana italiana e di assoluta incertezza in merito ai dazi da pagare?! Probabilmente importare dagli USA in UK è più conveniente, veloce e sicuro...

 

Una domanda però per Iso, il costo del servizio varia in base al peso, al costo della merce, o a entrambi? C'è un tariffario o viene calcolato di volta in volta?

Link to comment
Share on other sites

In effetti però, il fatto che la tariffa sia unicamente in base al peso mi fa venire forti dubbi in merito al pagamento dei dazi doganali (di qualunque paese UE essi siano)...

 

Infatti... se uno compra un bracciale di brillanti che pesa 100g e costa 10'000 dollari e uno un pedalino dello stesso peso e del costo di 100 dollari, come fanno a dover pagare le stesse tasse??? E' ovvio che in un modo o nell'altro ci sia una forma di elusione delle tasse...

Link to comment
Share on other sites

.... di 'sto servizio ne ho sentito parlare da molti e - per ora - chi l'ha utilizzato è rimasto soddisfattissimo... in effetti la tentazione di provare è forte... [unsure]

 

 

P.S. ma pure l'empress phaser ti accattasti????? [cursing]

 

 

 

 

 

 

[thumbup]

Link to comment
Share on other sites

@lulli: c'è un tariffario, il costo viene calcolato in funzione del peso reale o del peso volumetrico, dipende quale dei due è maggiore, generalmente il peso volumetrico, che si calcola facendo LxHxP/6000, le misure lineari in centimetri, comunque sul sito trovi il "Tariffatore", così puoi calcolare il costo anticipatamente.

 

@str1k3r: non ricordo se l'ho scritto, i pacchi arrivano alla dogana di Londra, dopodichè vengono spediti a Milano come merce comunitaria, all'arrivo a Milano vengono affidati al corriere GLS per la consegna su suolo nazionale.

 

@elric: era un po' che lo puntavo, mi ero quasi rassegnato a comprarlo nuovo pagandolo un botto, galeotto in questo caso fu TGP, preso a 260 $ spedito e paypallato più il costo di consegnato, pagato in totale circa 220 €, e questo è nuovo di pacca! [thumbup]

Link to comment
Share on other sites

Premettendo che:

 

- non esiste che un'importazione da fuori UE che sia esente da dazi(a meno che l'oggetto non sia di modeste dimensioni e valore dichiarato, mi pare sotto i 60 US$).

 

- un pacco tracciabile è SEMPRE soggetto a dazi doganali.

 

- se non viene fatta alcuna dichiarazione del valore del contenuto(che in USA è reato) gli ufficiali della dogana sono tenuti ad assegnarne uno in base alle loro tabelle tariffarie.

 

Il sito di "consegnato" indica esplicitamente come tariffe doganali le seguenti:

 

Per valori dichiarati da 125 Euro in su: 21% di IVA + Dazi.

 

Quindi in realtà non risparmi assolutamente nulla rispetto alla normale importazione. La differenza è che tu paghi prima invece che dopo, ma non cambia una cippa. L'apparente risparmio è probabilmente dovuto ai costi di spedizione contenuti, in virtù di un qualche accordo con GLS, che comunque tra i corrieri internazionali è uno dei più economici.

Link to comment
Share on other sites

Premettendo che:

 

- non esiste che un'importazione da fuori UE che sia esente da dazi(a meno che l'oggetto non sia di modeste dimensioni e valore dichiarato, mi pare sotto i 60 US$).

 

- un pacco tracciabile è SEMPRE soggetto a dazi doganali.

 

- se non viene fatta alcuna dichiarazione del valore del contenuto(che in USA è reato) gli ufficiali della dogana sono tenuti ad assegnarne uno in base alle loro tabelle tariffarie.

 

Il sito di "consegnato" indica esplicitamente come tariffe doganali le seguenti:

 

Per valori dichiarati da 125 Euro in su: 21% di IVA + Dazi.

 

Quindi in realtà non risparmi assolutamente nulla rispetto alla normale importazione. La differenza è che tu paghi prima invece che dopo, ma non cambia una cippa. L'apparente risparmio è probabilmente dovuto ai costi di spedizione contenuti, in virtù di un qualche accordo con GLS, che comunque tra i corrieri internazionali è uno dei più economici.

 

Infatti non capisco bene come funzioni la cosa :-k ad ogni modo grazie per la dritta [thumbup] magari in futuro ci farò un pensierino....certo che averlo saputo prima per la mia Airline potevo utilizzare questo metodo invece che aspettare 20 giorni e pagare un botto di tasse doganali [cursing]

 

Ps intanto che ci sono vi faccio una domanda....ma se mi spedisco un pacco (chitarra) dagli USA personalmente devo pagare l'IVA e i dazi doganali??? Ponendo l'ipotesi....vado a vivere per lavoro 6 mesi in USA e mi prendo su la mia chitarra al ritorno non posso imbarcarla sull'aereo e decido di spedirmela mi tocca pagare su un mio oggetto personale?

Scusate ma avevo questo dubbio.....

Link to comment
Share on other sites

Secondo me si Francesco, in teoria dovresti pagarle ugualmente perchè la chitarra è stata acquistata all' estero.

Non mi sono spiegato bene....la chitarra è stata comprata in Italia, di mia proprietà da anni....capisco che sia stupido spedirsela e non portarsela in cabina era solo un pensiero che avevo in testa [razz]

Link to comment
Share on other sites

Premettendo che:

 

- non esiste che un'importazione da fuori UE che sia esente da dazi(a meno che l'oggetto non sia di modeste dimensioni e valore dichiarato, mi pare sotto i 60 US$).

 

- un pacco tracciabile è SEMPRE soggetto a dazi doganali.

 

- se non viene fatta alcuna dichiarazione del valore del contenuto(che in USA è reato) gli ufficiali della dogana sono tenuti ad assegnarne uno in base alle loro tabelle tariffarie.

 

Il sito di "consegnato" indica esplicitamente come tariffe doganali le seguenti:

 

Per valori dichiarati da 125 Euro in su: 21% di IVA + Dazi.

 

Quindi in realtà non risparmi assolutamente nulla rispetto alla normale importazione. La differenza è che tu paghi prima invece che dopo, ma non cambia una cippa. L'apparente risparmio è probabilmente dovuto ai costi di spedizione contenuti, in virtù di un qualche accordo con GLS, che comunque tra i corrieri internazionali è uno dei più economici.

Vuoi dire che se io da New York ti spedisco IN REGALO una chitarra che ho comprato e pagato io a New York, tu quando la ricevi in Italia a casa tua ci devi pagare sopra dazio, iva, dogana, ecc ???

Link to comment
Share on other sites

Vuoi dire che se io da New York ti spedisco IN REGALO una chitarra che ho comprato e pagato io a New York, tu quando la ricevi in Italia a casa tua ci devi pagare sopra dazio, iva, dogana, ecc ???

 

Sì è proprio così, per il semplice fatto che la merce non è stata comprata in Italia e quindi ci deve pagare l'Iva etcetc.

Link to comment
Share on other sites

Non mi sono spiegato bene....la chitarra è stata comprata in Italia, di mia proprietà da anni....capisco che sia stupido spedirsela e non portarsela in cabina era solo un pensiero che avevo in testa [razz]

 

Ah, scusami, non avevo proprio capito. Bhè, messa così ti dico che sono quasi sicuro che non dovresti pagare le tasse. Però credo che tu debba anche essere in grado di dimostrare che la chitarra è stata acquistata in Italia ;)

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.


×
×
  • Create New...