Jump to content
Gibson Brands Forums
Sign in to follow this  
bobbe

Condensatore Bumblebee

Recommended Posts

Di questi oggettini se ne parlava anche giusto ieri nel Cafè...

Guardate un po' cosa hanno trovato alcuni utenti nelle loro Gibson Reissues [thumbdn]

Io la ho sempre ritenuta un po' una "sega mentale" la storia dei condensatori, ma a parte le opinioni personali quì il discorso è ben altro.

Lascio a voi i commenti...

 

http://www.mylespaul.com/forums/historics-reissues/118027-historic-gibson-faux-bumblebee-caps.html

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ricordate tutti: se il condensatore non ha ad una delle estremità il tubetto di riempimento NON E' un carta-olio.

Se vedete che ad entrambe le estremità escono solamente i reofori e non c'è traccia del tubetto ( che viene poi chiuso con lo stagno ) lasciate perdere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella roba... in pratica ti spacciavano come bumblebee condensatori che in realtà non lo erano affatto. Mah, non ho parole, odio vedere questo tipo di furberie, specie se fatte da un'azienda seria e rispettabile come la Gibson!!! [angry] [angry]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella roba... in pratica ti spacciavano come bumblebee condensatori che in realtà non lo erano affatto. Mah, non ho parole, odio vedere questo tipo di furberie, specie se fatte da un'azienda seria e rispettabile come la Gibson!!! [angry] [angry]

 

 

Non so perchè una R non l'ho mai avuta, ma da quanto ho capito temo che lo facciano ancora... poi, come ho già detto, secondo me a livello di suono comunque non cambia nulla, anche se non è bello spacciara qualcosa per ciò che non è.

 

PS: grandissimo il tuo avatar! [thumbup]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma una foto dell' interno di un "calabrone" si potrebbe vedere per capirne meglio la differenza con quello di mylespaul ?

Thank

 

 

Stai per caso pensando di operare una "vivisezione" su uno dei tuoi??? [woot]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stai per caso pensando di operare una "vivisezione" su uno dei tuoi??? [woot]

Assolutamente no !!!

Per quello chiedevo di vederne una foto.

Se i miei sono "originali" o no non posso saperlo, ma il dubbio me lo tengo ben stretto, non li apro di certo [thumbup]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah... io ho messo ovunque degli orange drop da un euro scarso semplicemente perchè la lenticchia mi urta visivamente... e fine della storia considerando che il tono per me potrebbe essere anche sigillato!

 

Certo è che comunque ci sono gli estremi della truffa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so perchè una R non l'ho mai avuta, ma da quanto ho capito temo che lo facciano ancora... poi, come ho già detto, secondo me a livello di suono comunque non cambia nulla, anche se non è bello spacciara qualcosa per ciò che non è.

 

PS: grandissimo il tuo avatar! [thumbup]

 

Sì, probabilmente il 99% delle persone non sentirà la differenza in termini di suono ma se tu mi dici che i condensatori sono bumblebee devono essere tali.

 

Grazie per l'avatar!!! [wink]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Restando in tema, altri condensatori di cui ho sentito parlare benissimo (non li ho mai provati di persona), sono questi:

 

caps_vitq_022_pair-01.jpg

 

Qualcuno di voi li conosce per caso?!?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo Frank,

direi che e' decisamente diverso da quello postato da bobbe.

Il mistero s' infittisce.

 

Ma un esperto di elettronica munito di idonea apparecchiatura di misura che possa dare una risposta strumentale alla variazione di tono/suono/ecceneso che c'e' tra un calabrone e gli altri non c'e' ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma un esperto di elettronica munito di idonea apparecchiatura di misura che possa dare una risposta strumentale alla variazione di tono/suono/ecceneso che c'e' tra un calabrone e gli altri non c'e' ?

 

I condensatori che entrano nei circuiti da chitarra influiscono sulla timbrica dello strumento in base al loro valore nominale, non tanto sul metodo costruttivo viste le infinitesime correnti in gioco. Considerando che hanno una certa tolleranza e che è difficile che due condensatori esattamente uguali abbiano lo stesso preciso identico valore è assai più facile che le eventuali differenze percepite siano imputabili a discrepanze sul valore del dispositivo piuttosto che sul fatto che siano carta ed olio o meno(e difatti per accorgersene hanno dovuto "sezionare" i calabroni montati).

 

I "calabroni" hanno una loro ragione di esistere per un discorso puramente filologico. Inutile montarli su una LP moderna dove un Orange Drop o un qualsiasi altro cond. fa lo stesso lavoro e probabilmente anche meglio(perché è più compatto e più preciso). Personalmente, se dovessi ricablare una chitarra secondo criteri di eccellenza, non avrei dubbi: potenziometri Bourns "black box" e condensatori al tantalio o similare da hi-fi, magari scelti e misurati affinché siano congrui(per misurare un condensatore e un pot basta un qualsiasi multimetro cinese da 30 Euro).

Detto questo, sul P-Bass '56/57 ho messo il Luxe "a pastiglia" con striscia blu, perché quello all'epoca c'era...

Share this post


Link to post
Share on other sites

I condensatori che entrano nei circuiti da chitarra influiscono sulla timbrica dello strumento in base al loro valore nominale, non tanto sul metodo costruttivo viste le infinitesime correnti in gioco. Considerando che hanno una certa tolleranza e che è difficile che due condensatori esattamente uguali abbiano lo stesso preciso identico valore è assai più facile che le eventuali differenze percepite siano imputabili a discrepanze sul valore del dispositivo piuttosto che sul fatto che siano carta ed olio o meno(e difatti per accorgersene hanno dovuto "sezionare" i calabroni montati).

 

I "calabroni" hanno una loro ragione di esistere per un discorso puramente filologico. Inutile montarli su una LP moderna dove un Orange Drop o un qualsiasi altro cond. fa lo stesso lavoro e probabilmente anche meglio(perché è più compatto e più preciso). Personalmente, se dovessi ricablare una chitarra secondo criteri di eccellenza, non avrei dubbi: potenziometri Bourns "black box" e condensatori al tantalio o similare da hi-fi, magari scelti e misurati affinché siano congrui(per misurare un condensatore e un pot basta un qualsiasi multimetro cinese da 30 Euro).

Detto questo, sul P-Bass '56/57 ho messo il Luxe "a pastiglia" con striscia blu, perché quello all'epoca c'era...

[scared][thumbup]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per la mia les paul ho preso un paio di oliocarta di rimanenz bellica russa, tipo questi (a differenza che sono da 0.022uF):

 

$(KGrHqV,!pkE8WlwHyi9BPHGMdeY2!~~60_3.JPG

 

Pagati attorno ai 10 euro, spediti dagli US, e arrivati in meno di una settimana, senza pagare un cent di dogana.

 

Come ho spiegato nel topic della strumentazione, l'ho fatto più che altro per curiosità.. per sentire la differenza effettiva, devi avere un orecchio proprio bello sano e allenato ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per la mia les paul ho preso un paio di oliocarta di rimanenz bellica russa, tipo questi (a differenza che sono da 0.022uF):

 

$(KGrHqV,!pkE8WlwHyi9BPHGMdeY2!~~60_3.JPG

 

Pagati attorno ai 10 euro, spediti dagli US, e arrivati in meno di una settimana, senza pagare un cent di dogana.

 

Come ho spiegato nel topic della strumentazione, l'ho fatto più che altro per curiosità.. per sentire la differenza effettiva, devi avere un orecchio proprio bello sano e allenato ;)

 

Probabilmente venivano usati nei circuiti dei missili atomici durante la guerra fredda!!! [lol] [lol]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cioè quei lavori li sono realmente residuo bellico russo?

Io pensavo di cambiare le lenticchiette ceramiche alla mia LP, oltre ai pot..puoi linkarmeli quelli che hai preso tu sulla baia? [thumbup]

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me quelli li li regalavano alla Digitex di Firenze(una preghiera alla memoria di quel santo negozio...) quando mi capitava di passarci(spesso) e di comprare qualcosa(quasi sempre).

 

Per la LP mi svenai a suo tempo per acquistare una coppia di Jensen "copper&foil" da 0.22, che devo avere ancora da qualche parte in un cassetto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Approfitto della discussione per chiedere lumi.

 

Visto che anche io non riesco a dormire la notte sapendo che nel vano potenziometri alloggiano le lenticchie, mi sapreste indicare sul sito che vi linko, quale condensatore potrei mettere alla mia Les Paul con i PU 57 classic.

 

Il sito è Pickup Makers, con cui mi sono trovato sempre bene. Come sono i condensatori che propone?

 

Grazie a chi mi dà un mano.

 

http://www.pickupmakers.com/home.html

Share this post


Link to post
Share on other sites

...io francamente non capisco cos'hanno che non va i condensatori ceramici a lenticchia... boh... quante pugnette che avete...

Share this post


Link to post
Share on other sites

...io francamente non capisco cos'hanno che non va i condensatori ceramici a lenticchia...

 

Bhè, allora sei messo bene, io neanche so a che servono [lol]

 

Apparte cavolate, mi pare di aver sentito dire che potrebbe cambiare il taglio delle frequenze, ma non ne sono sicuro. Quello di cui sono quasi sicuro è che il sottoscritto probabilmente non sarebbe in grado di cogliere le differenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bhè, allora sei messo bene, io neanche so a che servono [lol]

 

Apparte cavolate, mi pare di aver sentito dire che potrebbe cambiare il taglio delle frequenze, ma non ne sono sicuro. Quello di cui sono quasi sicuro è che il sottoscritto probabilmente non sarebbe in grado di cogliere le differenze.

 

Ti dico, prima sulla les paul avevo proprio le lenticchie in oggetto. Non ho potuto registrare qualcosa in modo da poter paragonare con la situazione attuale, ma la differenza quasi non si nota, davvero...

secondo me interviene anche il fattore psicologico, che ti fa dire "cacchio, è molto meglio ora, è l'opposto di prima!", quando in realtà il cambiamento effettivo è pressoché impercettibile.

 

Queste "sfumature" le lascio volentieri agli esperti. Io ho voluto provare, tanto per 10 euro... toh, avrò sacrificato una pizza al ristorante [biggrin]

Share this post


Link to post
Share on other sites

A volte la gente è più attenta alle strisce tipo calabrone che ai valori dei condensatori. Molto spesso i valori di fabbrica sono davvero messi a caso. Io personalmente utilizzo tutti condensatori ceramici di buona qualità e dei valori giusti. In poche parole nella mia testa su una strato ci va un condensatore da .01, sulla tele ce ne vanno due... uno da .01 e uno da .05 (.045, perchè trovarne uno da .05 è un'impresa... e suonano benissimo anche quelli da .045) e sulle Gibsonoidi .022. Quando i valori sono questi alle mie orecchie i toni funzionano bene. Altrimenti no. Dicevo... ho provato tonnellate di condensatori. Qualcuno dava un effetto diverso dall'altro, ma mai così apprezzabile da poter giustificare una spesa esagerata per prendere un "carta/olio" o un "mylar" piuttosto che un ceramico. Quindi meglio un buon ceramico del giusto valore. Costa poco, occupa poco spazio e suona bene. Gli unici condensatori che ho apprezzato veramente per l'effetto diverso che mi hanno dato sono stati i cosiddetti "tropical fish" che all'apertura e alla chiusura dei toni mi davano una specie di effetto wah wah. Nella cassettina ne avevo un paio e facevano entrambi lo stesso effetto. Poi ce n'era, mi pare, uno verde "bastardo" che però mi dava lo stesso "wah" anche quello... quindi immagino si tratti di una questione di valore, chi lo sa. Attenzione anche ai voltaggi dei condensatori. Un 600 volts darà più isolamento di un 50 volts. In realtà anche questa è una pippa mentale, ma qualche volta ho sentito una leggera pulizia del suono maggiore con condensatori di alto voltaggio. In ogni caso però anche i 50 volts suonano bene. L'ideale sarebbe avere 100/150 volts, massimo 200. Ma è tutto relativo. Io monto tutti condensatori da 50v e mi trovo bene. I monolitici li adoro. :P Non lo so perchè ma mi piacciono proprio... anche se la resa è sempre la stessa. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...