Jump to content
Gibson Brands Forums

[Chitarre Signature] considerazioni


bobbe

Recommended Posts

Senza entrare nel merito del senso che hanno le Signature "in generale", in quanto si va a gusti personali:

c'è chi le ritiene inutili, e chi invece le ama, anche magari per il desiderio feticistico di avere uno strumento uguale (forse...) a quello del proprio idolo.

Spesso comunque si tratta di ottimi strumenti, e poi a volera dire tutta la Les Paul è già di per se una Signature, di Les Paul appunto.

 

Comunque, veniamo al motivo che mi ha spinto ad aprire il topic:

navigando sul sito di Tomassone, mi ritrovo a leggere la recensione di questa LP Signature:

 

http://www.tomassone.it/html/ArcMagazineDet.asp?ID=1618

 

quello che ha destato la mia attenzione è la seguente frase: "Nel caso della Aged non solo abbiamo un invecchiamento ma vengono volutamente riproposte anche particolari rotture (vedi quella alla paletta)..."

Ora, senza entrare nel merito di cui sopra, però mi permetto di considerare che, secondo la mia modesta opinione, sborsare una barca di soldi (perchè poco non costerà) per una chitarra con la paletta rotta di proposito in fabbrica secondo me è da cerebrolesi.

 

Questò è quel che richiede il mercato? Benissimo... ma se è così siamo proprio alla frutta, e comunque un prodotto del genere non penso possa finire in mano ad un musicista, ma sicuramente dentro la teca di un ricco ed annoiato collezionista, con i soldi che gli escono dalle orecchie, alla faccia della crisi.

Senza fare moralismi, perchè uno con i propri soldi fa quel che crede, però leggere quella frase (sfoggiata come se fosse un gran pregio dello strumento) mi ha messo solo una gran tristezza...

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 128
  • Created
  • Last Reply

 

quello che ha destato la mia attenzione è la seguente frase: "Nel caso della Aged non solo abbiamo un invecchiamento ma vengono volutamente riproposte anche particolari rotture (vedi quella alla paletta)..."

 

 

bhà... io non credo che la chitarra esca di fabbrica con la paletta spaccata (...o almeno me lo auguro) credo che sia semplicemente una "simulazione", non credo che la crepa sia profonda o strutturale...

Link to comment
Share on other sites

Bobbe, la rottura e' solo "simulata" graficamente.

 

dunque, secondo me, rientra nella logica "socialmente accettabile" del feticcio uguale a quello del nostro idolo, e se uno vuole proprio quella non vedo perché non dovrebbe prendersela...

 

io non lo farei in questo determinato caso, ma mai dire maik! [biggrin]

Link to comment
Share on other sites

, ma sicuramente dentro la teca di un ricco ed annoiato collezionista, con i soldi che gli escono dalle orecchie, alla faccia della crisi.

Senza fare moralismi, perchè uno con i propri soldi fa quel che crede

 

Come dici tu, se il mercato lo richiede, noi glielo facciamo. Poi effettivamente se uno è collezionista e può, buon per lui. Per un musicista e basta comunque, concordo in pieno che pagare una chitarra decollata come una e più di una a posto è senz'altro sintomo di grave demenza. In quanto al collezionista sono entrato in topic perchè ho un po' il magone ricordando la mia OldBlack mancina, con tutto quello che ci ho sudato e la passione che ci ho messo nel concepirla e realizzarla, in quanto è effettivamente finita appesa nella, per quanto mi è stato detto, già ricchissima collezione di un tipo che traffica chitarre di valore, e non mancino. E, anche se lusingato per i complimenti da parte del nuovo proprietario, mi piange il cuore che una chitarra così non venga più suonata. [mellow]

Link to comment
Share on other sites

ahahahahahah [thumbup] numeri uno !!!

 

Simulata, vera o fatta a metà ..per me può restare tranquillamente appesa in negozio! [biggrin]

 

Fantastica! questa delle palette non la sapevo ...vedrete che verrano copiati da altri marchi ! [lol]

 

Che poi parlando signature o non signature ma gli artisti hanno sempre avuto chitarre STOCK diventate poi signature ...non credo che SLASH suonasse con la SLASH signature ![lol]

 

Ahahhahaha!

Link to comment
Share on other sites

 

Simulata, vera o fatta a metà ..per me può restare tranquillamente appesa in negozio! [biggrin]

 

bhè se per questo anche per me eh [biggrin]

 

Fantastica! questa delle palette non la sapevo ...vedrete che verrano copiati da altri marchi ! [lol]

 

hahahaha allora non hai mai visto la Fender Malmsteen "Play Loud" [biggrin] ...sulla quale, oltre alle varie botte e sverniciature varie, è stato riprodotto persino l'adesivo "play lound" che Malmsteen appiccicò sulla proprio strato durante un suo vecchio tour [scared] ...inquietante [biggrin]

 

guarda che roba... Play Loud

Link to comment
Share on other sites

Che poi parlando signature o non signature ma gli artisti hanno sempre avuto chitarre STOCK diventate poi signature...

 

a parte Les Paul ovviamente! [flapper][biggrin]

 

 

EDIT: marooo che tristezza il "play loud"!!! altro che adesivo! è un pezzo di scotch!!! #-o

Link to comment
Share on other sites

Mah, io non le comprendo le signature...

Potendo forse prenderei la Billy Gibbons ma solo perchè ha un top che mi fa impazzire e i pearly...

Alla fine però sarebbe più saggio farsi una custom con top arrogante e un bal paio di pu boutique per una frazione del prezzo.

Link to comment
Share on other sites

Mah, io non le comprendo le signature...

Potendo forse prenderei la Billy Gibbons ma solo perchè ha un top che mi fa impazzire e i pearly...

Alla fine però sarebbe più saggio farsi una custom con top arrogante e un bal paio di pu boutique per una frazione del prezzo.

 

PLAY LOUD ....doveva esserci scritto PLAY MONEY !!!![lol] vi giuro che mi state facendo morire dalle risate !!!

 

E le comprano pure! altri esempi da scassarsi dalle risate vi prego !!!! è troppo spassoso! [lol]

 

Prima o poi nelle custodie in allegato troveremo:

 

- pezzi di sapone usati prima del concerto

- asciugamani sporchi

- capelli (ricordo la steve vai DNA !!!) [lol]

- sleep usati

- cicche di sigarette

- e saliva confezionata in sacchetti di plastica trasparenti! [lol]

Link to comment
Share on other sites

A parte il collezionismo, che non fa parte del mio essere 'chitarristico' ma non giudico e non voglio giudicare, io mi baso su un semplice concetto:

va bene la signature, ma deve essere un modello concettualmente e filosoficamente identificabile; mi spiego: Les Paul, Howard Roberts - non sicuramente la Les Paul o la Strato di questo o di quello, perchè allora ricadiamo nei risvolti che si identificano nella quarta parola di questo post, o alla meglio, in un rincorrere qualcosa che nessuno, e ripeto, nessuno ti può dare.

Link to comment
Share on other sites

 

Prima o poi nelle custodie in allegato troveremo:

 

- pezzi di sapone usati prima del concerto

- asciugamani sporchi

- capelli (ricordo la steve vai DNA !!!) [lol]

- sleep usati

- cicche di sigarette

- e saliva confezionata in sacchetti di plastica trasparenti! [lol]

 

abbi fede fratello [lol]

Link to comment
Share on other sites

... beh, con tutta la moda del relic estremo ormai dilagante ci sta pure la finta rottura della paletta (e sto dando per scontato che sia una finzione perché non oso neppure immaginare che non sia così)... poi, ovviamente, deve piacere ma lì entrano in gioco le richieste del mercato...

Link to comment
Share on other sites

Riconosco che anche io sono attirato da una Signature… la Don Felder, perche' ?

Perche' mi emoziona e questo mi basta.

Inutile fare panegirici suk vero senso della chitarra cioe' il "Suo Suono", tanto io non suonero' MAI come Don e lei NON dara' MAI i suoni della VERA Don Felder.

E, senza offesa, questo penso valga per tutti.

Chi compra una Sugnature lo fa principalmente per l' emozione che ne riceve ad averla.

Comunque resto contrario al proliferare di piu' e piu' signature di uno stesso chitarrista, vedi Slash, non perche' ce l' abbia con lui; ma perche' ritengo che una basti e farne piu' di una serve solo a sminuire il valore di tutte.

Link to comment
Share on other sites

Riconosco che anche io sono attirato da una Signature… la Don Felder, perche' ?

Perche' mi emoziona e questo mi basta.

Inutile fare panegirici suk vero senso della chitarra cioe' il "Suo Suono", tanto io non suonero' MAI come Don e lei NON dara' MAI i suoni della VERA Don Felder.

E, senza offesa, questo penso valga per tutti.

Chi compra una Sugnature lo fa principalmente per l' emozione che ne riceve ad averla.

Comunque resto contrario al proliferare di piu' e piu' signature di uno stesso chitarrista, vedi Slash, non perche' ce l' abbia con lui; ma perche' ritengo che una basti e farne piu' di una serve solo a sminuire il valore di tutte.

 

Condivido [thumbup]

parlando seriamente... io non critico a priori la scelta delle signature. Seppure al momento non ne acquisterei una, credo che sia assolutamente legittimo che si possa desiderare una chitarra che per caratteristiche e finiture sia riconducibile al proprio chitarrista preferito... a me personalmente ciò che da più fastidio è che ormai si stia davvero estremizzando il concetto di signature, rendendole: o delle semplici riedizioni autografate oppure (come nell'esempio della Malmsteen)sempre più unicamente oggetti da collezione, che paradossalmente, proprio perchè finti e artificiali non riescono a restituire alcuna emozione (IMHO)... anzi ripeto per me hanno un chè di "morboso" (ovviamente tutto rigorosamente IMHO)

Link to comment
Share on other sites

Sono perfettamente daccordo con voi ma..dipende sempre da che tipo di signature si tratta: io per esempio ho una sg Robby Krieger, ma non l'ho presa perché si tratta di una signature semplicemente ha tutte le caratteristiche che cercavo in quel momento in una sg: battipenna grande, vibrola, 57 classic, manico slim ecc..

In questo caso la vedo come una signature fino ad un certo punto, in realtà è comunque come l'avrei voluta.

:)

Link to comment
Share on other sites

Effettivamente la tua SG fa pensare "che spendida diavoletto!" e non "guarda guarda la chitarra di ..".

 

In altro casi il richiamo è un tantino più forte (pensa alla chitarra dei Kiss, o a quella di Wilde), e credo a quel punto anche "l'impegno" di chi se la trova ad indossare.

Link to comment
Share on other sites

Io tollero le signature se hanno qualcosa di particolare, e se ricalcano effettivamente la chitarra prediletta di tal artista!

Per dire: la Play Loud è nota per la sua tastiera scalloppata, il che era prerogativa sua e di Malmsteen, che l'ha voluta cosi. Pickup, aging etc viene in secondo piano.

O la Buckethead, se avessero fatto solo la version Custom..che possa piacere o meno ci sta, ma quella è particolarissima e peculiare di quell'artista!

 

A me piacerebbe molto avere una Pearlygates perchè sono tutte bellissime e, a quanto si legge, suonan bene; però il prezzo è troppo elevato e la tiratura bassa..questo la rende un oggetto, sigh, da collezionismo [mellow]

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.


×
×
  • Create New...