Jump to content
Gibson Brands Forums

iso85

Members
  • Content Count

    1,664
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

7 Neutral

About iso85

  • Rank
    Dragon Reborn
  • Birthday 10/31/1985

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Ponte buggianese (PT)
  1. Ciao Grifo, scusami per il ritardo e per la risposta sgrammaticata dell'altra volta, stavo scrivendo troppo velocemente e mi sono mangiato mezze parole! Allora l'Sjt era il combo e se non sbaglio montava un cono G12H30, mentre l'Ftr l'ho sentito sulla sua 2x12" matchata, era una cassa con il back convertibile e come coni montava un G12H30 e un Alnico Blue. Differenze, uhm, l'Ftr ha un pizzico in più di reattività sotto le dita e dinamica, un suono più ampio sia in alto che in basso (dipende sicuramente anche dalla cassa, in questo l'Sjt si difende bene comunque), l'Sjt leggermente più medioso e mi sembra che, in proporzione, "rompesse" sul breakup più tardi, nel senso è chiaro che l'Ftr ovviamente aveva più headroom ma considerando le escursioni del pot volume di entrambi mi sentirei quasi di dire che l'Sjt aveva una tacca in più di pulito. Suonandolo su una 2x12" sarà sicuramente più ampio come risposta e con un goccio di headroom in più, secondo me come profondità suonava già bene il combetto 1x12", potresti anche considerare il combo o un 1x12" con magari un cono più high powered!
  2. Ho avuto occasione di provare diversi modelli Divided by 13, fra cui i due menzionati sopra, e di averne posseduto uno, una bellissima testata Rsa31, sono abbastanza ferrato in merita. Allora l'Ftr è un grandissimo ampli, due canali e quattro ingressi, il canale uno di derivazione fenderish, molto pulito nell'input basso, più tirato nell'altro ma è veramente difficile arrivare in saturazione, è un ampli che a dispetto dei 37 watts spara come un dannato, è veramente denso di basse, tanto che con chitarre humbucker tiravo il controllo a zero, e il riverbero è molto invadente, va usato quasi disattivato. Il secondo canale, di difficile definizione, è invece molto cattivo, per niente distorto, veramente molto asciutto e reattivissimo sotto le dita, con una botta veramente mostruosa, è vagamente rumoroso a causa della valvola di pre su cui è basato, anzi, diciamo molto rumoroso a tratti, cruncharebbe bene anche a volumi bassi, ma l'ampli è veramente molto molto loud, il mio Rsa che era 15/31 sembrava avere un terzo del volume di quello. Quindi, considerando le tue necessità, a malincuore lo scartiamo. L'Sjt, è il fratellino, ma manco tanto, per essere un 20W ha un volume spaventoso considerando il wattaggio, ma poi è impressionante come profondità e tridimensionalità, qui devo contraddire parzialmente il sapiente Ermanno, secondo me si riesce a suonare pulito con un batterista nel settaggio a 20W, la timbrica e la pasta sono in effetti molto vicine al fratellone, è un buon compromesso, rimane sicuramente un ampli loud per l'appartamento, ma te lo consiglio decisamente. Ultima considerazione personale, avendo toccato con mano e posseduto suddetto marchio, quelli che meritano sono i modelli senza master, imho, i modelli come Ldw/Amw o similari, quelli senza master come l'Ftr o l'Rsa sono, in termini di timbrica, reattività sotto le vita e dinamica, fra i migliori mai ascoltati. My 2 cents!
  3. Il Phase 45 è a 2 stadi mentre il Phase 90 è a 4 stadi, il 45 è più "viboso", più morbido e meno profondo come sweep e più leggero come modulazione, secondo me rimane un po' nella terra di nessuno, nel senso che non è nè phaser nè vibe, e ha un effetto poco marcato. Il 90 più invadente, denso e profondo come modulazione, con i problemi che già avete elencato, confermo che il Retrosonic segnalato da Elric suona molto molto bene!
  4. Luca, Nicky no eh, hai già due lemon, posson bastare così!! Fatti Donna piuttosto!! [thumbup]
  5. Che tristezza..... Addio Re, riposa in pace
  6. Personalmente Rick per "scaldare" il timbro in quel modo utilizzerei un delay invece di un riverbero, in particolare un echo con un settaggio veramente poco invasivo, un minimo di coda e un goccio di modulazione!
  7. Nitro ariscusami per il ritardo, una risposta al giorno, che lentezza! Senti fossi io una chiacchierata con Jimmy Behan me la farei, i prezzi sono abbastanza onesti ed è uno che sa quello che fa, quel che ho provato di lui mi ha ben impressionati, sarebbe la mia prima scelta, altrimenti FuzzFaceLess, abbinandoci un bel po' di ascolto prima di decidere il da farsi! Il Tonebender Green provai a comprarlo quando uscì, purtroppo quando Anthony Macary mi comunicò il prezzo lo salutai mestamente, già i "normali" Tonebender Reissue costruiti da D*a*m stanno sulle 350-400£, che non sono proprio spicci, oltre 700£ mi pare ridicolo, considerando che ne ho già visti un paio in vendita! Comunque Nitro, non so quali siano le tue fonti, ma l'ultimo Tonebender Sola Sound MkII che ho visto in vendita è andato via su ebay sulle 4000£ (quattromila), MkI mai visto uno in vendita, hanno prezzi minori i Supa Fuzz marchiati Marshall (ma sempre produzione Sola Sound) che credevo siano qualcosa sopra i 1000€, ancora più bassi i vari Tonebender Vox e altri di produzione Sola Sound/Colorsound anni '70, ma gli originali stanno su prezzi elevatissimi! Il Jerms sinceramente di preciso non so quanto costino, diciamo dai 350€ per arrivare anche a 600-700$, dipende un po'!
  8. Ciao Andre, scusa il ritardo, ti butto lì alcune alternative in budget, poi se me ne vengono in mente altri ti dico più avanti: Jimmy Behan: è irlandese quindi niente dogana e prende il pagamento in Euro, stiamo agili sotto i 200€, credo siamo più in zona 160/170€, è bello ferrato un po' su tutti questi tipi di circuiti, te lo modifica un po' a tuo piacimento e ti personalizza il box (grande/piccolo, plug di alimentazione, led di stato etcetc.), il suo sito è offline ma lo trovi su Facebook, basta immettere Jimmy Behan Pedals nel motore di ricerca, ho provato diverse delle sue creazioni ed è uno degno di fiducia; Creepy Fingers: questo qua il sito internet credo che non lo abbia proprio, anche lui personalizza un po' a piacimento, è un pochino più caro di Jimmy Behan ma ha più "nome", ha il vantaggio che costruisce ancora alcune unità con i famosi transistor Texas Instruments 2G381, come l'originale, ormai quasi introvabili, non so però quanto valga la pena, imho non sono i transistor a fare il pedale; FuzzFaceless: altro tizio senza sito internet (è un vizio proprio.....), ma ha alcuni rivenditori credo, costruisce un Mk1 un po' diversi con 2 controlli di guadagno molto sensibili tra loro per spaziare fra suoni con molto/poco gate e tanto/poco gain, abbastanza particolare, ha tutti i suoni tipici dell'Mk1 ma con più versatilità; Un altro che mi sarebbe piaciuto consigliarti è lo Skinpimp Mk1, veramente bello, purtroppo costa 300$ e al momento il cambio non è conveniente, siamo decisamente sopra budget, peccato perchè meritava. Comunque secondo me il più bello è il Jerms Mk1, costa una cifra non indifferente, deludente invece il famigerato Pigdog Electric Eye, che a quel che dicono dovrebbe essere il migliore è invece secondo me è abbastanza pipposo, va detto anche che l'ho suonato solo accanto a un D*a*m Mk1 che era troppo più bello, magari è anche quello!
  9. Tonebender Mk1.... lo vuoi bello spernacchioso eh! :-) Comunque sia, a me l'Mk1 piace parecchio, scoreggia come pochi ma è caldissimo, ha una buona dose di gate quando scendi con il pot volume, però, devo chiedertelo, sei sicuro? Sentiti un po' di video di Mick Ronson, quello sì che è un Mk1, Page usava il Sola Mk2 (parecchio diverso), un Mk3 non ricordo quale (con controllo di tono, forse il Rotosound) e poi mi pare abbia usato un Superfuzz, comunque sia il suono di riferimento è il Sola MkII, prima di andare cattivo su un Mk1 ascolterei un altro po' di roba! L'mk1 con la firma di Gary Hurst sarebbe il Jmi...... beh, è una mezza sola (nel senso che fa cagare), l'originale che fecero nel 2005 o giù di lì non è neanche un Mk1 circuitalmente, la Reissue che hanno fatto più tardi (2009-2010 forse) lo era, ciò non cambio il fatto che lascerei perdere. Prima di consigliarti alternative valide (sempre se vuoi andare sull'Mk1) dovresti dirmi un po' su che budget sei! [thumbup]
  10. Cari amici, vi presento questo bel nuovo arrivo! Si tratta di una Knaggs Kenai Tier 2, la #36 prodotta, in un bellissimo California Sunset! [thumbup] [thumbup] Joe Knaggs è stato per oltre 20 anni masterbuilder e direttore del Prs Private Stock, nonchè creatore di alcuni famosi modelli come la Hollowbody II, la Starla etcetc. dopo si è messo in proprio e questa è una delle sue crezioni. Sostanzialmente è una Les Paul (scala 24 3/4, body mogano con top acero flamed, manico mogano con tastiera in palissandro) con alcuni accorgimenti interessanti, body con contours molto pronunciati, ponte Knaggs in unico pezzo tipo TOM, meccaniche tipo Waverly molto eleganti, overlay in ebano solido sulla paletta. Suona veramente alla grande, vi lascio qualche scatto! DSC_0033_015 by lenzi_a, on Flickr DSC_0039_020 by lenzi_a, on Flickr DSC_0038_019 by lenzi_a, on Flickr DSC_0036_017 by lenzi_a, on Flickr DSC_0035_016 by lenzi_a, on Flickr DSC_0037_018 by lenzi_a, on Flickr DSC_0042_021 by lenzi_a, on Flickr
  11. Il Rambler!!! [scared] Provato, veramente un grandissimo ampli, tremolo e riverbero notevoli!
  12. Allora, premetto che l'Edt 13/29 non l'ho provato, comunque sia circuitalmente è un derivato alla lontana del canale 1 della Ftr 37, quindi assolutamente fenderish, diciamo la sua interpretazione di un tweed fine 50, la scelta della Kt66 è per ottenere il massimo della headroom possibile su un circuito del genere, quindi immagino che sarà un ampli da suonare quasi sempre pulito di base. Detto questo, dopo aver provato diversi modelli Divided (4-5 così a memoria) e averne posseduto uno, mi sento di dire che, potendoli sfruttare, i Divided senza master hanno una marcia in più, beh sai che novità direte voi, sì è vero, ma in realtà la differenza è evidente anche a volumi bassi in termini di dinamica, attacco, reattività e soprattutto risposta, i Divided con il master mi sono sembrati ottimi ampli con un master veramente di grande qualità che suona benissimo anche a livelli minimi, ma sono stati i Divided senza master a farmi scendere la lacrimuccia, tra l'altro ho provato l'Sjt 10/20 che è l'ampli più simile all'Edt, stesso circuito o quasi con finale differente, grandissimo ampli. Detto questo se hai bisogno di un piccolo combo da usare in casa con un ottimo master per passare da puliti a distorti sempre a volumi da appartamento allora l'Edt non fa assolutamente per te. Se hai modo di sfruttarlo tirato a dovere, anche in Half Power, in sala o dal vivo, da usare sempre pulitino con i pedali secondo me potrebbe fare al caso tuo, non mi spingo oltre perchè non vorrei fuorviarti, le alternative ci sono, se hai queste possibilità potrebbe essere una soluzione, costosa ma goduriosa! [thumbup]
  13. Personalmente trovo le Ibanez Prestige fra le chitarre con il miglior rapporto qualità-prezzo in circolazione, parlo di costruzione e finiture, verniciature perfette e resistenti, hardware di ottima qualità, posa e dressing dei tasti eccellente, vani elettronici tutti schermati, per i modelli base serve un upgrade pickups, però insomma per 700-750€ nuove son grandi chitarre. Mi è capitato inoltre di provare alcune semiacustiche, delle As tipo 335 prezzate intorno ai 750€, veramente molto belle e che suonavano alla grande, confrontate anche con semiacustiche Gibson Memphis che erano in negozio, alla fine la ciliegina sulla torta, una Ibanez Pat Metheny Pm-120 che stava lì ex-demo a poco più della metà del prezzo del nuovo, costruzione e look impeccabili, suono da lacrime!! [thumbup]
  14. Xotic Ac Booster: molto voxish nel bene e nel male, molto bello col gain fino a metà, poi si chiude e si inscatola un bel po', equalizzazione molto molto efficiente, molto sensibile con l'ampli su cui si accoppia, su molti ampli suona proprio male imho; Xotic Bb Preamp: un po' Ts e un po' marshalloso, medio-alte più marce del Ts con basse più ferme, anche questo suona molto bene fino a metà gain dove il guadagno ha una bella corsa, dopo si aggiunge solo compressione, equalizzazione molto efficiente come per l'Ac, suona bene su molti ampli ed è ottimo per boostare un ampli già in crunch o da mettere in stack con altri od; Fulltone OCD: oh, secondo me è sempre un pedale che spacca, rigorosamente antecedente la V4 dove sono cambiate un bel po' di cose, V2 e V3 imho sono le candidate più buone, marshalloso con dosi di gain non indifferenti da plexi in breakup a crunch sostenuti, rigorosamente da alimentare a 18v, gran botta, bella reattività, ottima dinamica; Il Simble non l'ho mai provato!
×
×
  • Create New...